giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaSotto i riflettori il tentativo del figlio di Joe Biden di aprire...

Sotto i riflettori il tentativo del figlio di Joe Biden di aprire un conto a Malta

I tentativi del figlio del Presidente Joe Biden, Hunter, di aprire un conto bancario a Malta sono finiti sotto i riflettori dei media di destra statunitensi che li collegano a potenziali illeciti.

I tentativi sono stati resi noti nell’ambito di una cache di documenti trapelati che si dice provengano dal computer portatile di Hunter Biden.

Secondo la cache, il processo di apertura del conto nel 2016 è stato facilitato dalla casa d’aste maltese Pierre Grech Pillow.

In una e-mail, un funzionario del gigante ucraino del gas Burisma chiedeva di inviare all’indirizzo Attard di Pillow i documenti di due diligence necessari per il conto.

Biden ha fatto parte del consiglio di amministrazione di Burisma tra il 2014 e il 2019.

Times of Malta è informato che Biden non aveva alcun conto Satabank a suo nome.

Satabank è stata chiusa nel 2018 per il timore che stesse facilitando l’accesso alle banche.

Pilastro accusato nel 2020

Sebbene Biden non gestisse un conto Satabank, le fonti affermano che la società PGP Trading di Pillow possedeva un conto presso la banca ormai chiusa.

Pillow è stato accusato di riciclaggio di denaro nel 2020 per una transazione su una piattaforma petrolifera in Birmania.

Il processo contro Pillow e l’avvocato Jason Vella Tabone, che era un direttore di PGP Trading, è stato rinviato a tempo indeterminato in quanto i pubblici ministeri attendono ulteriori prove dall’estero.

I pubblici ministeri hanno affermato che Pillow e Vella Tabone hanno agito come “riciclatori di denaro di terzi” e che la transazione era legata all’appropriazione indebita.

Pillow e Vella Tabone negano di aver commesso illeciti.

Secondo le testimonianze del tribunale, l’indagine della polizia è stata avviata dalla presunta transazione sospetta sulla vendita della piattaforma petrolifera smontata.

La transazione è stata effettuata tramite Satabank.

L’indagine della polizia è partita dal coinvolgimento del fondatore di Burisma, Mykola Zlochevsky, uomo d’affari, politico e oligarca ucraino del settore petrolifero e del gas naturale.

Zlochevsky è stato ministro dell’Ecologia e delle Risorse naturali tra il 2010 e il 2012. In passato è stato indagato per diversi reati di appropriazione indebita, ma non è mai stato accusato.

È inoltre emerso che nel 2014 Zlochevsky ha affittato l’appartamento di Grech Cumbo Pillow a Ta’ Xbiex quando stava facendo domanda per la cittadinanza maltese attraverso il programma di visti d’oro, l’IIP.

Trump e Zelensky

Nel 2019, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è trovato nei guai per una telefonata avuta con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Durante la telefonata, Trump aveva esortato Zelensky a indagare su Hunter Biden.

A seguito della telefonata con Zelensky, Trump è stato sottoposto a impeachment con l’accusa di abuso di potere, ma alla fine è stato assolto.

I legami di Biden con la Birmania sono stati a lungo al centro di accuse di corruzione negli Stati Uniti, in particolare da parte del Partito Repubblicano di Trump.

Un rapporto del Senato degli Stati Uniti del 2020 sosteneva che il fondatore di Burisma fosse coinvolto in uno schema di “tangenti” multimilionarie per far cadere un caso contro di lui da parte di funzionari anticorruzione ucraini.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – Marzo 2024

Foto di archivio del Times of Malta.Ecco le notizie più importanti apparse giovedì sui quotidiani maltesi. IlTimes of Malta riporta la notizia di come sia...