martedì, Aprile 23, 2024
HomeMalta"Sbagliato": gli ex capi OHSA e INDIS reagiscono al report dell'inchiesta Sofia

“Sbagliato”: gli ex capi OHSA e INDIS reagiscono al report dell’inchiesta Sofia

Mark Gauci (a sinistra) e Karl Azzopardi.

La commissione d’inchiesta pubblica sulla morte di Jean Paul Sofia “ha fatto ipotesi non supportate da prove” in una serie di “affermazioni soggettive e insensate” nel suo rapporto, ha dichiarato l’ex amministratore delegato dell’OHSA Mark Gauci al Times of Malta in un’appassionata difesa del suo lavoro.

Gauci è stato tra i soggetti individuati dal consiglio di amministrazione che, pur riconoscendo la sua esperienza e i suoi risultati nel settore, ha espresso preoccupazione per la natura “accademica” della sua testimonianza, affermando che l’OHSA “dovrebbe uscire dalla torre d’avorio”.

Gauci si è ritirato dal suo ruolo lo scorso anno dopo oltre due decenni alla guida dell’ente.

Gauci si è opposto alle conclusioni dell’inchiesta, affermando di “non essere assolutamente d’accordo con le conclusioni” e che la commissione ha “ignorato tutte le prove che ho presentato sul lavoro dell’OHSA”.

“Tutti accettano le conclusioni come se fossero il vangelo, ma nessuno mette in dubbio la validità di ciò che viene detto. Ci sono molte cose completamente sbagliate”, ha insistito Gauci.

Egli ha sollevato una serie di punti su cui non è d’accordo con le conclusioni della commissione, sostenendo che è di fatto sbagliato affermare che l’OHSA è responsabile della supervisione della solidità strutturale di un sito.

Questo, secondo Gauci, può essere vero nel caso di proprietà già costruite, ma non per gli edifici ancora in costruzione, secondo le norme di salute e sicurezza.

Gauci ha inoltre affermato che è sbagliato affermare che l’OHSA ha più di 1 milione di euro in banca che potrebbe essere utilizzato per assumere più ispettori.

“Tale importo è un’eccedenza accumulata, il che significa un risparmio di circa 70.000 euro all’anno nell’arco di due decenni. Ma l’OHSA non ha accesso a questi fondi, che tornano al Ministero delle Finanze, come è prassi per qualsiasi ente governativo”.

Gauci ha avuto parole dure anche per la valutazione del presidente dell’OHSA, David Xuereb, che si è dimesso ieri. Xuereb è stato descritto come “completamente distaccato dalla realtà quotidiana dell’autorità” dopo aver commesso diversi errori fattuali nella sua testimonianza.

Dal momento che il ruolo di Xuereb era non esecutivo, non avrebbero dovuto chiedergli dettagli sulla gestione quotidiana dell’ente, che non poteva ragionevolmente conoscere, ha detto Gauci. Sebbene Xuereb “abbia cercato di rispondere nel miglior modo possibile”, era naturale che sbagliasse alcuni dettagli minori, ha insistito.

“In altre circostanze, questo potrebbe costituire una trappola”.

Karl Azzopardi: “Ho seguito le politiche dell’INDIS”

Karl Azzopardi, che era a capo dell’INDIS quando questa ha “timbrato” l’approvazione del progetto di Corradino da parte di Malta Enterprise, si è mostrato altrettanto risoluto, affermando di aver sempre seguito le politiche e le pratiche stabilite dall’INDIS.

Azzopardi ha affermato che l’INDIS non era lì per controllare il lavoro svolto da Malta Enterprise, ma aveva la responsabilità di dare seguito al processo di assegnazione di terreni o proprietà a un progetto precedentemente approvato da Malta Enterprise.

Azzopardi ha dichiarato al Times of Malta di non essere d’accordo con l’affermazione del consiglio di amministrazione secondo cui l’accordo non salvaguarda gli interessi del governo.

“Sono stato coinvolto nel processo solo fino alla firma del contratto, quindi quello che è successo durante il processo di implementazione è passato dal mio tempo, ma il contratto ha sicuramente salvaguardato gli interessi dell’INDIS e, per estensione, quelli del governo”, ha detto.

“In effetti, i locatari spesso si lamentavano del fatto che gli accordi erano troppo pesanti a favore del governo”, ha aggiunto.

Azzopardi ha lasciato l’ente all’inizio del 2021.

Azzopardi ha inoltre affermato che, pur rispettando i commenti del Consiglio di amministrazione sull’adozione di un approccio unico agli accordi, “è prassi per gli enti avere un modello standard per i contratti”.

“I contratti sono stati sviluppati dall’ufficio legale dell’INDIS e i contratti erano a prova di bomba.

“Questo non significa che non ci siano margini di miglioramento con l’evolversi della situazione”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Kim supervisiona le prime esercitazioni di “innesco nucleare” della Corea del Nord

Il leader nordcoreano Kim Jong Un (C) osserva un'esercitazione virtuale di contrattacco nucleare con una grande unità di "artiglieria a razzo", in una località...