martedì, Aprile 23, 2024
HomeSportCalcioPadre Hilary: Pelé, politica e passaggio a un prigioniero in fuga

Padre Hilary: Pelé, politica e passaggio a un prigioniero in fuga

Padre Ilario Tagliaferro è frate agostiniano da 65 anni e quest’anno compie 90 anni. Foto: Karl Andrew Micallef

Quando si avvicina al suo 90° compleanno, padre Hilary Tagliaferro accoglie Mark Laurence Zammit in una Cappella del Millennio piena di vita. Ricorda la sua amicizia con Pelé, la volta in cui diede inconsapevolmente un passaggio a un prigioniero in fuga e l’occasione in cui fece l’elogio della persona sbagliata a un funerale.

“Quando si vive così a lungo come me, è inevitabile fare qualche gaffe”, scherza padre Hilary Tagliaferro mentre ricorda i suoi 65 anni di vocazione agostiniana e la sua illustre carriera calcistica.

Una delle sue storie che la gente ama ascoltare è quella di quando diede inconsapevolmente un passaggio a un uomo che era evaso di prigione.

Era il 1990, quando Melchior Spiteri, noto per la sua capacità di evadere dal carcere, era in fuga da tre giorni.

Padre Hilary lavorava a Ta’ Qali come direttore tecnico dell’Associazione Calcistica di Malta. Tre volte alla settimana, dopo il lavoro, si recava nelle carceri per trascorrere un po’ di tempo con i detenuti come parte del suo lavoro pastorale.

Un giorno stava uscendo da Ta’ Qali e si stava dirigendo verso il carcere di Paola quando un pedone gli chiese un passaggio e don Hilary lo fece salire a bordo. Era Spiteri.

Padre Hilary non lo riconobbe e iniziarono a parlare. Spiteri ha fatto finta di niente, finché non sono arrivati a Ħamrun, dove ha chiesto dove stesse andando don Hilary.

“In prigione”, rispose don Ilario.

“Oh, ok… allora puoi lasciarmi qui”, si affrettò a rispondere Spiteri.

“Naturalmente voleva scendere subito da quell’auto”, ha ricordato padre Hilary con una risatina.

“L’avrei riaccompagnato in prigione”.

Ancora ignaro dell’identità dell’uomo, don Hilary arrivò a Corradino.

“Mentre entravo nel carcere, alcune guardie stavano guardando il telegiornale. Ed eccolo lì, il volto di Melchior, con il conduttore del telegiornale che diceva che non era ancora stato trovato.

Ho sussultato e detto alle guardie: “Ho appena dato un passaggio a quell’uomo!”.

Dice che se avesse riconosciuto Spiteri, non lo avrebbe comunque accompagnato in prigione, ma avrebbe cercato di convincerlo a costituirsi.

“Non sono la polizia e comunque non sono d’accordo con il modo in cui funziona il carcere perché è semplicemente vendicativo”, ha detto.

“Non credo che nessuno debba stare in prigione. Alcune persone devono essere tenute lontane dalla società perché sono dannose, ma la maggioranza deve essere riabilitata, e la prigione non lo fa”.

Fr Hilary and his team give out boxes of groceries to 200 families in need every month.
Padre Hilary e il suo team distribuiscono ogni mese scatole di generi alimentari a 200 famiglie bisognose.

Quando i funerali vanno male

Due delle gaffe più imbarazzanti di padre Hilary sono avvenute durante i funerali.

Durante l’elogio funebre di un amato giocatore di calcio di Birkirkara, ha elogiato la città per aver prodotto grandi giocatori nel corso degli anni e ha elencato diversi giocatori di club che erano deceduti in precedenza.

“Ho citato un giocatore con il suo soprannome, dicendo che purtroppo anche lui ci aveva lasciato, solo per vedere qualcuno dal fondo della chiesa che salutava e gridava: ‘Ey! Sono qui, sono ancora vivo!”.

Ancora più imbarazzante è stato l’errore che ha fatto a un altro funerale.

“Ho ricevuto una telefonata da una donna che mi informava che era morta una persona che conoscevamo. Mi ha detto chi era e io ho immaginato chi pensavo fosse quest’uomo, ed ero davvero triste per la perdita”, ha raccontato.

“Quando mi hanno chiesto di celebrare la messa funebre per lui, mi sono assicurato di parlare bene di lui. Durante l’elogio funebre ho parlato del suo carattere, dei suoi valori e delle sue qualità, mentre immaginavo quest’uomo che pensavo fosse morto”.

“Alla fine della messa, quest’uomo si è avvicinato per ricevere la comunione. Mi sono bloccato. Non ho avuto nemmeno la forza di porgergli l’ostia. Ancora oggi non so chi sia morto davvero”.

L’amicizia con Pelé

L’89enne ha fatto di tutto nello sport e pensa di essere probabilmente il primo frate al mondo a diventare anche allenatore di calcio.

È stato commentatore sportivo, direttore tecnico della MFA e giornalista sportivo. Ha aperto un complesso sportivo educativo ed è stato allenatore dell’Hibernians FC. In alcune occasioni, quando la squadra non aveva abbastanza giocatori per formare una squadra di riserva, si è addirittura sdoppiato come giocatore.

La sua ricca carriera lo ha visto anche forgiare un’amicizia inusuale con il leggendario Pelé.

I due si sono incontrati per la prima volta quando padre Hilary è andato in Messico come giornalista sportivo per la Coppa del Mondo del 1970. Fu presentato a Pelé da un collega giornalista dopo una sessione di allenamento della squadra brasiliana.

“Pelé era un uomo molto religioso e devoto, così quando gli dissi che ero un sacerdote, diventammo subito amici”.

Pelé, che all’epoca era all’apice della sua carriera, rispettava così tanto il sacerdote che quando visitò Malta nel 1975 si inginocchiò davanti a lui per chiedere la sua benedizione.

“Lo adoravo come giocatore, quindi non potevo crederci quando si inginocchiò davanti a me nella sua stanza d’albergo prima di lasciare Malta”.

Hibs contro Man United

Durante il suo mandato come allenatore dell’Hibernians FC, Padre Hilary ha guidato la squadra contro i giganti del calcio, il Manchester United.

La storica partita, giocata il 27 settembre 1967 all’Empire Stadium di Gżira davanti a una folla di 25.000 persone, si concluse con un punteggio di 0-0, un’impresa notevole per i pesci piccoli maltesi.

È stata la partita in trasferta di una settimana prima, all’Old Trafford, a fare paura a Padre Hilary.

“I tifosi di queste grandi squadre accolgono tradizionalmente i loro giocatori in campo con un grande boato, ed è quello che hanno fatto quando la nostra squadra e quella di Sir Matt Busby sono uscite dal tunnel”.

“Era così forte che sono rimasto pietrificato. Mi ha fatto sentire così piccolo”.

Gli Hibs persero quella partita per 4-0, ma Padre Hilary è soddisfatto che non sia stata un’umiliazione.

Troppo eccitato

La passione di padre Hilary per il calcio è stata la ragione per cui ha dovuto ridurla. Durante le sue telecronache, era talmente eccitato e assorbito dalla partita da esserne sopraffatto.

Una volta, durante una partita della nazionale, Carmel Busuttil (Il-Bużu) era molto vicino a segnare.

“Ero così eccitato che ho iniziato a gridare ‘gol, gol, gol’ prima ancora che la palla colpisse la rete”, ha raccontato.

“Quel giorno ho segnato prima di Il-Bużu. Alla fine ho smesso di commentare perché mi stavo eccitando troppo”.

The Millennium Chapel was opened in 2000 but Fr Hilary says it came late.
La Cappella del Millennio è stata inaugurata nel 2000, ma padre Hilary dice che è arrivata tardi.

“Troppo coaching”

Ancora pieno di passione per il calcio, dice che due fattori hanno influito negativamente sul gioco.

Uno di questi è che i bambini vengono allenati troppo.

“I bambini dovrebbero essere allenati per essere fisicamente in forma, ma stiamo dando loro troppi insegnamenti su come giocare, e lo vedo ovunque nel mondo del calcio.

“A volte, basterebbe dare ai bambini un pallone e lasciarli liberi di tirare e di esplorare la loro creatività, perché stiamo soffocando il loro talento naturale dicendo loro continuamente come dovrebbero giocare”.

L’altro fattore è il denaro: ce n’è troppo e il calcio è diventato solo un’altra impresa capitalistica, dice.

La corruzione nel calcio lo preoccupa, ma riconosce che al giorno d’oggi è presente ovunque, non solo nello sport.

Concorda anche sul fatto che il presidente del club Ħamrun e magnate delle costruzioni Joseph Portelli non avrebbe dovuto essere autorizzato a giocare con la sua squadra l’anno scorso, perché avrebbe denigrato il gioco.

“Gli uomini d’affari possono aiutare molto il calcio, ma devono capire qual è il loro posto. Non possono gettare discredito sul gioco”, ha detto.

“Detto questo, come allenatore ho giocato per gli Hibs, ma solo nella squadra di riserva e solo quando non riuscivamo a trovare abbastanza giocatori per fare una squadra di riserva”.

Un’altra cosa che lo infastidisce: i politici non dovrebbero immischiarsi nel gioco e “la politica dovrebbe stare fuori dal calcio”, ha detto, senza menzionare il coinvolgimento di Joseph Muscat nel gioco come presidente della Malta Professional Football Clubs Association.

Polemica politico-religiosa

Come sacerdote e sportivo, Tagliaferro ha dovuto anche affrontare la lotta politico-religiosa tra la Chiesa e il Partito Laburista negli anni Sessanta.

Erano tempi duri e brutti, ha detto, ed entrambe le parti hanno commesso errori.

“Non ho mai pensato che un sostenitore del Partito Laburista peccasse leggendo il giornale laburista, per esempio. Era un periodo difficile per un sacerdote che cercava di colmare le lacune e di essere al servizio della gente.

“Tuttavia, trascorrevo molto tempo nei club e venivo accettato da tutti, perché ai loro occhi ero più uno sportivo che un sacerdote. È così che sono riuscito a vivere la mia vocazione in quei giorni”.

Ha detto che la Chiesa ha fatto torti alla gente in molti modi, ma solo essa ha avuto il coraggio di chiedere scusa e perdono.

“Nessun’altra parte ha mai chiesto perdono o ha mai riconosciuto di aver fatto un torto alla Chiesa”, ha detto, “anche questo va detto”.

Padre Hilary era coinvolto in così tanti progetti che non erano sinonimo di Chiesa che a volte dubitava di essere destinato a essere un sacerdote.

“Credo di aver causato qualche preoccupazione ai miei genitori, perché non credo che si aspettassero che scegliessi il sacerdozio e poi facessi tutte queste altre cose a margine”.

“Ma l’arcivescovo Gonzi non mi ha mai impedito di fare nulla di tutto ciò”.

Anche don Hilary non era molto propenso a chiedere il permesso. Se sente che una cosa è giusta per la sua coscienza, va avanti e la fa.

“Perché devo chiedere il permesso se sento che è la cosa giusta da fare? La mia coscienza è la mia guida, e questo è sufficiente”, ha detto.

“È per questo che ho guidato una Lambretta, per esempio. All’epoca i sacerdoti non le guidavano, ma io sì.

“Un sacerdote mi chiese cosa avrebbe potuto fare per guidarne una anche lui e io gli dissi semplicemente di comprarne una e di guidarla. Pensava di aver bisogno di qualche permesso speciale”.

La Lambretta ha però messo Tagliaferro nei guai quando qualcuno lo ha denunciato all’arcivescovo Gonzi per aver dato un passaggio a giovani donne bionde.

“Ho dato un passaggio a una giovane bionda, ma era un uomo”, ha chiarito Tagliaferro, “si era fatto crescere i capelli e la gente pensava che fosse una donna”.

The Millennnium Chapel building is buzzing with activity throughout the day. Photo: Karl Andrew Micallef
L’edificio della Millennnium Chapel è in fermento per tutto il giorno. Foto: Karl Andrew Micallef

Moglie e figli

Quest’anno il frate agostiniano compie 90 anni e non c’è modo di fermarlo. Gestisce ancora la Millennium Chapel, che è piena di attività durante il giorno.

“A volte penso a me stesso… come è possibile che abbia vissuto così a lungo?”, ha detto.

Non ha rimpianti: “A volte mi viene il dubbio se fossi dovuto diventare un frate, se questo era ciò che Dio voleva davvero da me.

“A volte mi manca non avere una famiglia, una moglie e dei figli, perché amo la famiglia. Questo è l’unico dubbio che ho, ed è per questo che sono d’accordo con l’Arcivescovo quando dice che ci dovrebbe essere la possibilità per i preti di sposarsi”.

I frati non dovrebbero ancora essere autorizzati a sposarsi, ha detto, perché parte della loro vocazione è vivere in comunità con altri frati, ma forse Dio sta segnalando alla Chiesa che è tempo che i sacerdoti abbiano questa possibilità.

Ammette, tuttavia, che se si fosse sposato e avesse avuto dei figli, non avrebbe certamente avuto abbastanza tempo ed energia per creare la Cappella del Millennio e tutti i progetti ad essa collegati.

“Comunque, la Chiesa aprirà sicuramente questa possibilità. Le cose stanno andando naturalmente in quella direzione. Non accadrà nel mio tempo, ma certamente accadrà nel vostro”.

Una Paceville migliore

Padre Hilary ritiene che lo stato di Paceville sia oggi migliore rispetto a quello degli anni ’80. Il consumo eccessivo di alcol, l’abuso di droghe e le risse erano peggiori allora, quando tutti i giovani di Malta si riunivano lì e disturbavano la pace e la tranquillità di molti residenti.

Oggi i residenti se ne sono andati e gli alberghi e i ristoranti hanno preso il loro posto, rendendo Paceville meno disturbata per i residenti e creando un’atmosfera complessivamente migliore di quella che ricordavo.

“È allora che avremmo dovuto costruire la Millennium Chapel. Nel 2000 eravamo già in ritardo”.

Padre Hilary è spesso invitato a benedire i nuovi locali di Paceville prima che aprano le loro porte. Non si sente in alcun modo in balia di questa situazione.

“Chi sono io per rifiutare di benedire un club se lo vogliono? Chi sono io per giudicare cosa succederà lì?”.

Paceville è la vetrina di Malta perché la maggior parte delle persone che la visitano vi si reca, ha detto, eppure le autorità l’hanno abbandonata per decenni.

“Ad oggi, non c’è nemmeno una stazione di polizia qui. Nemmeno una struttura pubblica”.

Povertà

Recentemente è stato citato per paragonare la povertà di oggi con quella che ha visto da bambino durante la guerra, ma dice che il suo commento è stato leggermente frainteso.

Non è che la povertà di oggi sia diffusa come durante la guerra – molte persone oggi non sono povere – ma la situazione di chi è povero assomiglia alla povertà del periodo bellico.

“Sono decenni che non vediamo persone chiedere l’elemosina per il cibo, ma questo fenomeno si sta verificando in tutto il mondo capitalista.

“Detto questo, la situazione è bilanciata da persone ricche che generosamente mantengono i nostri programmi alimentari”.

La Cappella del Millennio è aperta tutti i giorni dalle 8 alle 23 e offre un panino e una bevanda calda a chiunque ne abbia bisogno. Ogni giorno si presentano trenta persone, maltesi e stranieri, provenienti da tutta l’isola.

Lui e il suo team organizzano anche un pranzo settimanale per circa 25 persone e forniscono mensilmente una scatola di generi alimentari a circa 200 famiglie con reddito minimo.

“Alcune famiglie non hanno davvero abbastanza cibo per preparare il pranzo per i loro figli, mentre altre non possono permettersi di pagare 10 euro per la gita scolastica dei loro figli”, ha detto.

L’équipe aiuta alcune famiglie a comprare le medicine, offre consulenza professionale gratuita, ospita incontri di alcolisti e narcotici anonimi e organizza programmi per gli studenti delle scuole.

Non è preoccupato dalla morte

Mentre si avvicina al suo 90° compleanno, padre Hilary riconosce che la morte è imminente.

Ma non lo preoccupa né lo spaventa e non ci pensa. Si aspetta di andare in paradiso, in ogni caso.

“Certo che mi aspetto di andare in paradiso! Tutti ci vanno comunque, questo è ciò che credo.

“Penso che alla fine l’inferno sarà vuoto, perché Dio ci ama troppo per non permetterci di andare in paradiso”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Questo architetto ha lasciato il suo lavoro “tossico” per lottare per il patrimonio di Malta

Patrick Calleja si sente libero ora che il suo lavoro "tossico" di architetto con l'Autorità di pianificazione è finito. Foto: Jonathan BorgPatrick Calleja si...