martedì, Aprile 23, 2024
HomeMaltaQuando un insulto diventa un crimine?

Quando un insulto diventa un crimine?

Secondo diversi avvocati, la polizia spesso “pecca di cautela” ed emette denunce in tribunale ogni volta che qualcuno riferisce di essere stato insultato, poiché si affida alla decisione del magistrato piuttosto che eliminare le denunce infondate.

Gli avvocati concordano sul fatto che la polizia sta gestendo le denunce del pastore di River of Love Gordon John Manché nello stesso modo in cui ha gestito altri casi simili: solo che questo caso è balzato agli onori della cronaca.

Il problema è che, in tutti questi casi, la polizia non ha indagato ulteriormente sulle accuse prima di portare i casi in tribunale, scaricando la responsabilità sul magistrato.

Negli ultimi mesi, la polizia ha denunciato o interrogato tre persone dopo che Manché aveva presentato una formale sostenendo di essere stato insultato dai loro commenti.

Matthew Bonanno, proprietario del sito di notizie satiriche Bis-Serjetà , è stato accusato di minacce online dopo aver insinuato che il gruppo evangelico River of Love avrebbe dovuto essere bombardato a tappeto.

All’inizio di questo mese, il comico Daniel Xuereb è stato accusato di aver insultato Manché e di aver abusato di apparecchiature elettroniche per condividere minacce in relazione a un video di un suo sketch comico pubblicato sui social media a marzo. Nello sketch, Xuereb si riferiva a un commento di Manché secondo cui “il sesso anale è un abominio” e aggiungeva “come più grande stronzo di Malta, penso che sappia di cosa sta parlando”.

Giovedì, il direttore artistico di Teatru Malta, Sean Buhagiar, ha definito Manché “stronzo” sui social media, ripetendo il commento di Bonanno sul bombardamento a tappeto.

La polizia dovrebbe essere “più coraggiosa”

L’avvocato Joseph Giglio ha spiegato che, secondo il Codice penale, l’insulto a una persona è considerato una “contravvenzione contro la persona”. La legge aggiunge che “non si procede se non a querela della persona offesa”.

Giglio ha spiegato che, una volta presentata una denuncia formale, la polizia ha l’obbligo di esaminarla. Dal momento che l’azione penale viene esercitata su denuncia della parte lesa, se la polizia non esercita l’azione penale, la persona che ha presentato la denuncia può impugnare la decisione.

Giglio, deputato del Partito Nazionalista e ministro ombra per gli Affari interni, ha spiegato che per quanto riguarda l’uso improprio di apparecchiature elettroniche, sebbene la polizia possa esercitare la propria discrezionalità in termini di perseguibilità o meno, in questi casi di solito pecca di prudenza e lascia che sia il magistrato a decidere.

L’avvocato Stephen Tonna Lowell ha dichiarato che la polizia sta gestendo il caso Manché come tutti gli altri casi simili.

In base alla sua esperienza in tribunale, quando una persona presenta una denuncia penale sostenendo di essere stata insultata, la polizia convoca la persona interessata per interrogarla, ma non indaga oltre. Viene emesso un mandato di comparizione e il caso viene discusso durante una seduta del tribunale distrettuale.

“La polizia tende ad adottare la mentalità di lasciare che sia il tribunale a decidere. Non si accerta se una richiesta di risarcimento costituisca o meno un reato prima di portarla in tribunale – cosa che, a mio avviso, dovrebbe fare. La polizia dovrebbe essere più coraggiosa quando si tratta di prendere queste decisioni“, ha detto.

Cambiamento di legge

L’avvocato costituzionalista Therese Comodini Cachia ha affermato di ritenere che il problema principale sia la legge.

“Mantenere il reato di ingiuria e applicarlo a parole di uso comune è insensato e troppo restrittivo per la libertà di espressione e soprattutto per lo stile di espressione”. Sebbene ci si aspetti che la polizia applichi la legge e che il Parlamento la modifichi, ci si aspetta che la polizia si occupi di casi gravi come l’incitamento all’odio piuttosto che l’uso della parola ‘stronzo'”.

“Il caso Manché mette in luce una tendenza preoccupante e il legislatore deve intervenire per garantire una libertà di espressione più efficace, modificando tutte le leggi che limitano inutilmente la libertà di espressione. È inoltre molto preoccupante che le persone siano accusate di uso improprio di apparecchiature elettroniche semplicemente per essersi espresse senza minacciare o incitare all’odio“.

Il Ministro degli Interni Byron Camilleri e il Ministro della Cultura Owen Bonnici intendono apportare modifiche alla legge in modo che non possa essere utilizzata per arginare la libertà di espressione.

Giglio ha convenuto che il modo in cui la polizia sta accusando le persone di uso improprio di apparecchiature di telecomunicazione Рa seguito di una denuncia per insulto Р̬ preoccupante.

Spesso le persone accusate di aver insultato qualcuno sono state accusate anche in base alla Sezione C dell’Articolo 49 della Legge sulle Comunicazioni Elettroniche, che stabilisce che chiunque “per mezzo di una rete o di un apparato di comunicazione elettronica… ne faccia un uso improprio…. È passibile di un’ammenda non superiore a 25.000 euro”.

Le domande sono state inviate alla polizia.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Kim supervisiona le prime esercitazioni di “innesco nucleare” della Corea del Nord

Il leader nordcoreano Kim Jong Un (C) osserva un'esercitazione virtuale di contrattacco nucleare con una grande unità di "artiglieria a razzo", in una località...