domenica, Febbraio 25, 2024
HomeMaltaL'unità di polizia per i reati finanziari sta indagando sul caso dei...

L’unità di polizia per i reati finanziari sta indagando sul caso dei crediti della scuola di San Andrea

L’unità di criminalità finanziaria della polizia sta indagando sul caso della scuola San Andrea, hanno fatto sapere sabato i genitori e il personale.

Durante una riunione informativa, il consiglio scolastico ha informato i genitori che il Dipartimento di Investigazione sui Crimini Finanziari (FCID) ha chiesto alla scuola una copia di un’inchiesta, condotta dal giudice in pensione David Scicluna e da un rapporto della società di revisione PWC, che denuncia una cattiva gestione finanziaria. La scuola di Mġarr, una delle più grandi scuole private di Malta, sta collaborando con il FCID.

Si tratta di due indagini separate per le accuse del vicedirettore della scuola, Trevor Templeman, che ha accusato l’ex presidente del consiglio scolastico, Kevin Spiteri, di aver sottratto centinaia di migliaia di euro.

Templeman aveva affermato che un membro del personale era stato pagato 25.000 euro per tacere sulla questione e che la scuola lo aveva riassegnato a mansioni diverse usando accuse inventate di cyberbullismo. L’inchiesta giudiziaria ha concluso che si trattava di una buonuscita.

Un’altra accusa chiave era che Spiteri aveva sottratto 200.000 euro dai fondi della scuola e che la sua società, la KJM Enterprises, aveva realizzato oltre 3 milioni di euro per progetti infrastrutturali. Il giudice che ha condotto l’inchiesta non ha esaminato le presunte irregolarità finanziarie.

A quanto pare, l’azienda di Spiteri ha ricevuto oltre 3 milioni di euro in otto anni, a copertura dei costi legati alla sala polivalente, agli stipendi dei dipendenti e ai materiali.

La relazione di 73 pagine del giudice Scicluna, commissionata dal consiglio scolastico, ha anche evidenziato un atteggiamento storicamente diffuso di prepotenza e arroganza e ha avvertito che “una scuola non può essere gestita come un feudo”.

Il rapporto ha inoltre evidenziato l’esistenza di diversi segnali di allarme per quanto riguarda la gestione delle finanze della scuola privata.

Il rapporto è stato redatto dopo aver ascoltato le testimonianze di 65 persone e aver esaminato numerosi documenti. Ha inoltre formulato 30 raccomandazioni per promuovere la responsabilità e una migliore governance della scuola.

L’inchiesta ha rilevato la natura di cricca dei rapporti tra Templeman, la direttrice della scuola Stefania Bartolo, l’assistente Ruth Azzopardi e l’ex presidente del consiglio.

Da quando le accuse sono venute alla luce lo scorso ottobre, Templeman e Bartolo si sono dimessi, mentre l’assistente Ruth Azzopardi è rimasta sospesa.

L’inchiesta ha concluso che diverse affermazioni fatte da Templeman non erano fondate, ma ha individuato i vertici della scuola per non aver preso provvedimenti disciplinari in numerose situazioni.

Senso di “speranza” alla riunione

Sabato mattina, quando genitori e personale hanno affollato la sala della scuola, hanno ricevuto un briefing su ciò che è stato fatto dopo che le affermazioni di Templeman sono state rese pubbliche. C’era un senso di speranza nella sala, con i genitori che esortavano l’amministrazione della scuola a prendere in considerazione le raccomandazioni dell’inchiesta, ad affrontare i problemi segnalati e ad andare avanti.

I membri del Comitato di Revisione Strategica, un sottocomitato del consiglio scolastico, hanno detto al pubblico che i risultati del rapporto PWC fanno parte della prima fase, mentre la seconda fase sarà un’indagine finanziaria a tutto campo sui risultati della prima fase, con accesso completo a tutti i dati della scuola. Il consiglio ha anche redatto delle politiche contro il bullismo e le denunce.

Il consiglio vuole costruire un team di gestione forte che si concentri sulla comunicazione e sulla costruzione della fiducia, dato che l’attuale consiglio è coinvolto nella gestione quotidiana della scuola, hanno detto i genitori e il personale.

Un genitore ha chiesto informazioni sugli appalti e sui conflitti di interesse, riferendosi apparentemente al fatto che il precedente presidente del consiglio ha affidato alla propria azienda un contratto di lavoro.

Il consiglio ha ammesso che non esisteva un meccanismo per affrontare eventuali conflitti, aggiungendo che era necessaria una politica in merito per affrontare la questione e mitigare i rischi. Ad esempio, coloro che fanno parte del sottocomitato per i progetti della scuola non potranno presentare un’offerta per un progetto.

Il presidente del consiglio scolastico si dimette

Former San Andrea School chairman Alex Tortell.
L’ex presidente della San Andrea School, Alex Tortell.

Nel frattempo, il presidente del consiglio della San Andrea School, Alexander Tortell, che si era “fatto da parte” quando erano state rese pubbliche le accuse di illecito, ha rifiutato l’invito a tornare a dirigere il consiglio e si è invece dimesso dall’incarico, adducendo “motivi personali”.

Questa settimana il consiglio di amministrazione della scuola ha scritto a Tortell, invitandolo a tornare nella scuola nella sua posizione precedente, dato che l’inchiesta lo aveva scagionato da qualsiasi illecito.

Tortell, tuttavia, ha risposto che, pur avendo preso atto di essere stato scagionato, rifiutava l’invito a tornare al suo posto e si dimetteva dall’incarico.

Tortell si è “fatto da parte” per tutta la durata dell’inchiesta interna che sta indagando sulle accuse di cattiva gestione finanziaria precedenti al suo mandato.

“È anche importante chiarire che tutte le decisioni prese durante il mio mandato di presidente sono state prese in totale trasparenza – il consiglio di amministrazione è sempre stato coinvolto e informato e ci sono documenti e verbali che lo attestano”, aveva detto allora a Times of Malta.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...