sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaLo studio sull'obesità trova un legame sorprendente con la salute metabolica

Lo studio sull’obesità trova un legame sorprendente con la salute metabolica

Chi vive in sovrappeso o obesità non presenta automaticamente parametri metabolici anomali. Foto: Ingrid Pakats/Shutterstock.com

Tre quarti della popolazione maltese potrebbe essere in sovrappeso o obesa, ma questo non significa necessariamente che non sia sana, secondo uno studio che ha rivelato che oltre la metà dei partecipanti in sovrappeso e obesi è in buona salute metabolica.

Ciò significa che i loro parametri di glucosio, colesterolo e pressione sanguigna sono nella norma, nonostante l’elevato indice di massa corporea. Ciò significa che il 40% della popolazione totale, compresi i soggetti di peso normale, gode di buona salute.

I ricercatori, medici specializzati nel campo dell’obesità e del diabete, hanno tuttavia precisato che non intendono trasmettere il messaggio che essere obesi vada bene.

I risultati non promuovono la teoria del “grasso ma in forma”, un’affermazione che è stata sfatata da un importante studio britannico del 2017 che ha dimostrato che, anche se metabolicamente sane, le persone con obesità corrono un rischio maggiore di insufficienza cardiaca e ictus.

La ricerca locale si è concentrata sulla prevalenza di individui adulti affetti da obesità, che sono metabolicamente sani, e su quella di persone magre che, nonostante abbiano un IMC normale, non sono necessariamente migliori in termini di salute metabolica.

Di conseguenza, i dati che si sono accumulati hanno dimostrato che gli individui obesi, definiti metabolicamente sani, sono probabilmente a minor rischio di alcune complicazioni, come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari, rispetto non solo agli individui che rientrano nella categoria obesi e non sani, ma anche rispetto agli individui normopeso metabolicamente non sani.

Lo studio ha anche dimostrato che un adulto maltese su tre non è sano dal punto di vista metabolico, indipendentemente dal suo IMC, e quindi è a maggior rischio di malattia rispetto alla categoria “obesi ma sani” recentemente scoperta. Questo significa un aumento del numero di malattie cardiovascolari nella popolazione maltese, ha dichiarato la ricercatrice principale Rachel Agius, consulente endocrinologa e diabetologa, con un interesse particolare per la medicina dell’obesità.

Lo studio ribalta alcune idee preconcette: avere un peso corporeo normale non equivaleva necessariamente a essere sani e a basso rischio di malattie, mentre al contrario chi viveva in sovrappeso o in obesità non aveva automaticamente parametri metabolici anormali, ha spiegato Agius.

Tuttavia, facendo riferimento all’importante studio dell’Università di Birmingham, ha sottolineato che l’obesità è una malattia e comporta conseguenze per la salute, indipendentemente dalla salute metabolica.

“Mentre gli individui obesi metabolicamente sani sono ancora a rischio di alcune malattie, rispetto allo standard di riferimento – persone di peso normale e metabolicamente sane – quelli con un peso normale, che hanno anche solo un problema metabolico, come i grassi elevati, possono essere a più alto rischio di infarto rispetto a quelli che sono obesi ma sani e avrebbero bisogno di controllare gli zuccheri, i grassi e la pressione sanguigna”, ha ribadito Agius.

Lo studio, condotto insieme a Stephen Fava e Nikolai Paul Pace, entrambi professori presso l’Università di Malta, ha indicato che i maltesi con un IMC più basso non dovrebbero dare per scontato di essere più sani delle loro controparti in sovrappeso e non sono “assolti” dalle anomalie metaboliche.

La ricerca ha lavorato su un campione di popolazione casuale di maltesi caucasici di mezza età, di circa 40 anni, che vivono in un Paese “non sano”. Il campione ha preso in considerazione meno maschi che femmine, ma è comunque rappresentativo della popolazione generale, ha detto Agius.

Mentre il 70% della popolazione campionata rientrava nelle categorie di IMC obeso o sovrappeso, lo studio ha rivelato che un numero “sostanziale” – circa il 56% – era metabolicamente sano.

Secondo lo studio, la categoria “gold standard” – individui normopeso metabolicamente sani – rappresentava il 27% del campione totale, mentre il 38% era costituito da individui sovrappeso o obesi metabolicamente sani, i cui valori di glucosio, colesterolo e pressione sanguigna rientravano nei range di normalità.

All’altra estremità della scala c’erano gli obesi e i non sani – 22% – che Agius ha descritto come un “doppio colpo”. “Non solo convivono con la malattia dell’obesità, che di per sé comporta il rischio di diverse condizioni debilitanti, ma sono anche malsani; come una bomba a orologeria, pronta per le malattie cardiovascolari”, ha affermato la dottoressa.

“Di solito associamo l’obesità alle malattie metaboliche, ma questo non è universale. Alcune persone che convivono con l’obesità hanno un profilo metabolico migliore rispetto alle loro controparti più magre”.

Tra gli altri punti da trarre dallo studio c’è il fatto che, mentre l’obesità è tipicamente associata a un aumento del rischio di diabete di tipo 2, pressione alta e colesterolo alto e, quindi, a un maggior numero di controlli medici, gli individui che rientrano in una categoria di IMC normale non sono esenti da malattie metaboliche e dovrebbero sottoporsi a test di screening per le complicazioni metaboliche, ha detto Agius.

Gli uomini maltesi sono metabolicamente meno sani delle donne

Lo studio ha inoltre rilevato per la prima volta che gli uomini maltesi sono metabolicamente più insalubri delle donne: quasi la metà dei maschi presi a campione (41%) non è in salute, indipendentemente dal loro IMC, mentre quasi i tre quarti delle donne sono in salute.

È stato inoltre osservato che gli uomini presentano parametri metabolici meno favorevoli rispetto alle donne, anche quando sono classificati come metabolicamente sani – quando i loro livelli di glucosio, colesterolo e pressione sanguigna rientrano nei normali intervalli di riferimento, ha affermato Agius.

Quando entrambi hanno un certificato di buona salute, le donne sono comunque più sane degli uomini. L’autrice ha riconosciuto che, a livello mondiale, gli uomini hanno intrinsecamente più probabilità di avere parametri metabolici anomali rispetto alle donne, indipendentemente dal loro IMC.

“Questo è noto per gli uomini, a causa del loro assetto ormonale, ma la differenza tra i sessi non era mai stata studiata esclusivamente a Malta”, ha detto la ricercatrice a proposito dei dati mancanti. Lo studio ha ora confermato questo dato nella popolazione caucasica maltese.

“Significa che gli uomini maltesi dovrebbero essere sottoposti a screening a un’età ancora più giovane (anche meno di 40 anni), essere più attenti ai controlli clinici e avere un punto di cut-off di IMC più basso”, ha sottolineato Agius.

Analizzando ulteriormente le differenze di sesso, lo studio ha rilevato che le donne, rispetto ai maschi, erano intrinsecamente più sane anche quando erano obese – rispettivamente il 36,5% contro il 25%.

“Quando entrambi hanno un certificato di buona salute, le donne sono comunque più sane degli uomini”, ha affermato la ricercatrice.

Uno dei motivi è che gli uomini hanno una maggiore predilezione a immagazzinare le calorie in eccesso sotto forma di grasso viscerale “cattivo” intorno agli organi addominali interni, mentre le donne tendono a depositare il grasso nelle aree periferiche sottocutanee “buone” come i glutei e le cosce.

Non si sa ancora se il fatto che un numero consistente di individui che vivono in condizioni di obesità e sovrappeso, e che sono metabolicamente sani, si traduca in un minor rischio di malattia nella popolazione maltese, ha detto Agius.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE