venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaChi sono i sei europarlamentari di Malta?

Chi sono i sei europarlamentari di Malta?

Gli eurodeputati maltesi, dall’alto a sinistra: Thomas Bajada, Alex Agius Saliba, Daniel Attard, David Casa, Roberta Metsola e Peter Agius

Al termine di un’altra elezione, Malta ha eletto le sei persone che rappresenteranno il Paese al Parlamento europeo nei prossimi cinque anni.

Roberta Metsola

Supporters swamped Roberta Metsola when she arrived in the counting hall.
I sostenitori hanno accalcato Roberta Metsola al suo arrivo nella sala dello spoglio.

La rielezione di Metsola, oltre ad essere scontata, è riuscita a superare il record detenuto da 15 anni da Simon Busuttil sul numero dei voti al primo scrutinio, raccogliendo più di 81.000 voti nelle elezioni di sabato.

Metsola si è candidata per la prima volta nel 2004 e alla fine è entrata nel Parlamento europeo grazie a un’elezione casuale nel 2013, quando Busuttil aveva fatto strada diventando vice leader del PN.

Da allora ha avuto un’ascesa fulminante, diventando la prima vicepresidente del Parlamento europeo nel 2020 e, due anni dopo, è stata eletta presidente.

Il suo mandato di presidente scade a luglio ed è previsto un secondo mandato per una nuova carica.

Alex Agius Saliba

Alex Agius Saliba greets Labour supporters after being elected. Photo: Matthew Mirabelli
Alex Agius Saliba saluta i sostenitori laburisti dopo essere stata eletto. Foto: Matthew Mirabelli

Anche l’elezione di Agius Saliba non è stata una sorpresa dato che era il favorito assoluto tra i candidati del suo partito.

Per il 36enne si tratta del secondo mandato come eurodeputato, essendo stato eletto per la prima volta nel 2019.

All’epoca era il terzo candidato scelto dai laburisti, dietro a Miriam Dalli e Alfred Sant.

Il primo mandato di Agius Saliba è stato caratterizzato da due questioni chiave:

La prima riguarda la legge che obbliga le aziende tecnologiche ad adottare una direttiva per tutti i dispositivi elettronici venduti nell’UE.

L’altra, la sua richiesta all’UE di intervenire sui monopoli alimentari abusivi che, a suo dire, danneggiano i consumatori. L’iniziativa ha subito una battuta d’arresto quando la Commissione europea ha stabilito che la questione doveva essere indagata dall’autorità maltese per gli affari dei consumatori. Solo il tempo ci dirà se Agius Saliba riprenderà in mano la questione nella prossima legislatura.

David Casa

David Casa, left, applauds Roberta Metsola in the counting hall. Photo: Jonathan Borg
David Casa, a sinistra, applaude Roberta Metsola nella sala dello spoglio. Foto: Jonathan Borg

Grazie ai due voti di Roberta Metsola che gli hanno garantito un seggio, questo sarà il quinto mandato di David Casa, che mantiene lo status di europarlamentare più longevo di Malta. È lì da quando a Malta si tengono le elezioni del Parlamento europeo.

All’inizio della legislatura 2019, Casa è stato eletto come uno dei questori del Parlamento europeo, si è poi dimesso per aprire la strada a Metsola che ha assunto il ruolo di Presidente del Parlamento europeo.

Accanito combattente contro la corruzione, Casa ha anche lavorato di recente alla creazione del fondo sociale per il clima del PE e alla sperimentazione di una direttiva sull’equilibrio tra lavoro e vita privata.

Daniel Attard

Brand new MEPs Daniel Attard, left and Thomas Bajada celebrate. Photo: Matthew Mirabelli
I nuovi eurodeputati Daniel Attard, a sinistra, e Thomas Bajada festeggiano. Foto: Matthew Mirabelli

Nuovo arrivato sulla scena europea, Attard è stato uno dei volti più in vista della campagna elettorale laburista.

Attard è stato ex sindaco di Mtarfa e, a seguito delle dimissioni nel 2021, ha assunto il ruolo di deputato per l’Alto commissario nel Regno Unito.

È stato un sostenitore particolarmente convinto dell’ex primo ministro Joseph Muscat, ottenendo un sostegno pubblico sia dallo stesso Muscat che dalla moglie Michelle.

Nel corso della campagna elettorale, Attard ha avuto molto da dire anche sulla politica di difesa dell’Europa, mettendo spesso in guardia da quella che ha definito la crescente militarizzazione dell’Europa.

Thomas Bajada

Volto nuovo sulla scena politica locale, ma non estraneo a Bruxelles, Bajada, 29 anni, ha ottenuto a sorpresa un seggio come unico candidato gozitano del Partito Laburista.

Con un’affluenza alle urne del 73,95% a Gozo, più alta di qualsiasi altra circoscrizione, è forse logico che gli elettori gozitani abbiano dato la preferenza a un candidato locale rispetto ad altri, facendo guadagnare al tecnocrate una spinta alle urne.

Con una formazione scientifica, Bajada ricopre attualmente il ruolo di addetto tecnico del governo per la pesca presso la Rappresentanza permanente di Malta presso l’Unione europea a Bruxelles e per quattro anni ha rappresentato Malta presso il Consiglio dell’UE nei negoziati relativi all’acquacoltura.

Ma nonostante i suoi forti legami con Bruxelles, Bajada rimane molto attivo nella scena sociale gozitana, avendo fatto parte del consiglio di amministrazione della Soċjetà Filarmonika Leone e dell’Aurora Opera House di Victoria.

Sebbene sia la prima volta che si candida a una carica pubblica, Bajada è stato attivo politicamente fin dalla giovinezza, facendo parte dell’esecutivo del gruppo studentesco Pulse, affiliato ai laburisti, quando frequentava l’Università di Malta. In passato è stato anche presidente del Consiglio nazionale della gioventù.

Peter Agius

Peter Agius celebrating at the counting hall. Photo: Matthew Mirabelli
Peter Agius festeggia alla sala del conteggio. Foto: Matthew Mirabelli

È stata la seconda volta fortunata per Peter Agius, il quale è riuscito a raccogliere abbastanza voti per assicurarsi un seggio al Parlamento europeo dopo averlo mancato nel 2019.

Avvocato di formazione, Agius ha diretto in precedenza l’Ufficio del Parlamento europeo a Malta e ha lavorato come speechwriter per l’ex presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani.

Con un solido background negli affari europei e nei processi legislativi dell’UE, Agius si è presentato come il candidato in grado di rendere l’UE più accessibile ai cittadini.

Ha iniziato presto la sua campagna e negli ultimi mesi ha sostenuto una serie di questioni, tra cui il testa a testa con Alex Agius Saliba per le sue affermazioni sui monopoli alimentari abusivi. Ha portato alla Commissione europea un reclamo dei residenti di Ħal Farruġ per la presenza di enormi serbatoi di carburante per l’aviazione vicino alle loro case.

Di recente, però, è finito nell’acqua calda quando ha affermato che un allevamento di pecore a Għajn Riħana era in realtà una villa costruita con i fondi dell’UE, un’affermazione che si è poi rivelata priva di fondamento.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE