sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaLa palla gonfiabile consegnata a un bambino migrante al posto del giubbotto...

La palla gonfiabile consegnata a un bambino migrante al posto del giubbotto di salvataggio

La palla gonfiabile di plastica rosa in una scatola trasparente montata su un piedistallo trasparente al Museo Marittimo di Malta.

Il Museo Marittimo di Malta ha riaperto le sue porte al pubblico per una mostra della durata di un anno sulla storia dell’isola come nazione marittima.

Mentre l’edificio, recentemente ristrutturato, vanta molti manufatti antichi e intriganti, uno più moderno e forse sorprendente si distingue dalla massa.

In una scatola trasparente montata su un piedistallo trasparente si trova una palla gonfiabile di plastica rosa, decorata con i personaggi di Angry Birds.

Questo giocattolo a buon mercato, ha spiegato il curatore Liam Gauci a Times of Malta, era quello a cui si aggrappava un bambino migrante nel Mar Mediterraneo, prima di essere salvato dalle Forze Armate di Malta.

Non c’erano giubbotti di salvataggio, ha detto Gauci, e la palla gonfiabile è stata tutto ciò che è rimasto al bambino quando è stato depositato senza tante cerimonie in un’imbarcazione che stava affondando dai contrabbandieri.

Questo manufatto, donato al museo dalla Migrant Offshore Aid Station Malta, è uno degli oggetti che Gauci spera di far riflettere sulle attuali prospettive di Malta come nazione insulare e di confrontarsi con la realtà di ciò che accade nelle sue acque territoriali.

“Siamo un deposito di storie che possono suscitare sentimenti nelle persone, orgoglio, gioia, vergogna, compassione”
– Liam Gauci, curatore del Museo Marittimo di Malta.

“Come museo, siamo un deposito di storie ed è attraverso queste storie che possiamo suscitare sentimenti nelle persone, orgoglio, gioia, vergogna, compassione. Credo che la palla gonfiabile racchiuda tutte queste cose”, ha detto Gauci.

“Come la maggior parte dei manufatti moderni che abbiamo, è un simbolo che mostra chiaramente la freddezza di questi contrabbandieri. Immaginate un ragazzo proveniente dall’Africa subsahariana, che probabilmente non ha mai visto il mare, e lo gettano in mare perché sanno che stanno arrivando le motovedette”, ha proseguito.

“Penso che ciò che lo rende toccante sia il fatto che si tratta di un giocattolo che si trova comunemente sulle nostre spiagge, dove i nostri stessi bambini si divertono a giocarci come si deve”.

Purtroppo non si sa molto del passato del bambino che aveva la palla gonfiabile, si sa solo che è stato salvato nel Mediterraneo e trattato a Malta.

“Se avessi saputo chi o dove fosse, lo avremmo sicuramente intervistato per questa mostra”, ha detto Gauci.

“Ma penso che sia un altro aspetto da considerare, che non sappiamo chi fosse questa persona e che è piuttosto difficile acquisire manufatti come questo perché tecnicamente fanno parte di una scena del crimine”.

Gauci ha detto che, nonostante le opinioni controverse e contrastanti sulla migrazione moderna, il museo ha ritenuto importante metterla in evidenza come parte della sua esplorazione dell’identità di Malta legata al mare.

“La migrazione ha tutto a che fare con la nostra storia marittima, perché il mare ci ha plasmato in più modi e ha portato sulle nostre coste persone da tutto il mondo”, ha detto.

“Alcuni sono arrivati su potenti navi da guerra e nella preistoria sono arrivati sul dorso di tronchi. La migrazione è sempre avvenuta a Malta e in Europa. Non stiamo dicendo che questo sia un male o un bene. Stiamo dicendo che sta accadendo e che dovremmo parlarne e se riusciamo a parlarne, possiamo parlare di più di ciò che ci rende maltesi”.

Il Mediterraneo e la sua gente sono sempre stati fluidi, dice Gauci, e spesso è riduttivo discutere delle diverse diaspore e della loro influenza su Malta come un “noi di qua e loro di là”.

Nel corso della stesura del suo secondo libro sui corsari a Malta, Gauci racconta come la storia di un bambino maltese di otto anni catturato come schiavo dai corsari racchiuda questa fluidità di identità nella regione.

Il bambino, cresciuto come musulmano, alla fine divenne egli stesso un corsaro e attaccò i maltesi. Ma quando in seguito fu ricatturato e si scoprì la sua eredità maltese, l’uomo tornò a Malta e riprese a praticare la sua fede cattolica.

“È una di quelle storie che dimostrano quanto siamo fluidi e come cerchiamo sempre di fare ciò che è meglio per noi”, dice Gauci.

“Siamo un animale egoista e abbiamo bisogno di fare le domande giuste per avere le informazioni giuste. Ma ci fa anche riflettere su chi siamo come comunità”.

‘Un’isola al bivio’ è aperta tutti i giorni, tranne il martedì, dalle 9.00 alle 17.00 presso il Museo Marittimo di Malta a Vittoriosa.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE