venerdì, Marzo 1, 2024
HomeMaltaIl progetto di allargamento della strada di Marsalforn andrà avanti, l'ONG perde...

Il progetto di allargamento della strada di Marsalforn andrà avanti, l’ONG perde l’appello

Un tribunale per la pianificazione ha respinto un ricorso contro il progetto di ampliamento di un’arteria stradale a Gozo, che comporterà la distruzione di terreni agricoli e ODZ e lo sradicamento di oltre 300 alberi.

La proposta (PA/03000/19) prevede l’allargamento dell’arteria tra Victoria e Marsalforn e lo sviluppo di un’altra strada, che servirà a deviare il traffico dal centro di Victoria.

La decisione di allargare la strada è stata presa per eliminare le curve pericolose e introdurre passaggi pedonali e una pista ciclabile.

Nonostante centinaia di persone si siano opposte con forza al progetto, l’Autorità di pianificazione ha concesso l’autorizzazione nel 2021.

Gli obiettori e le ONG hanno affermato che il progetto si estenderà su circa 11.000 metri quadrati di terreno coltivabile e disturberà il più grande corso d’acqua di Gozo, il-Wied ta’ Marsalforn.

Fine della strada

L’ONG per l’ambiente e il patrimonio Flimkien għal Ambjent Aħjar (FAA) ha contestato i piani e ha presentato ricorso contro il permesso di pianificazione.

Tuttavia, dopo aver fatto ricorso per due anni, all’inizio della scorsa settimana il Tribunale di revisione ambientale e di pianificazione (EPRT) ha votato contro il ricorso.

Il tribunale ha respinto l’appello e ha confermato l’autorizzazione del progetto nella sua interezza.


Siamo disgustati dal fatto che il tribunale si sia pronunciato a favore della richiestaAstrid Vella coordinatrice della FAA

Alberi protetti

In una decisione di 13 pagine, il tribunale, presieduto da Joseph Borg, ha dichiarato che dei 305 alberi e arbusti che saranno sradicati, 98 saranno trapiantati all’interno del sito di applicazione.

“Il resto degli alberi non è trapiantabile o non è considerato idoneo al trapianto a causa della loro natura invasiva/aliena”, si legge nella decisione.

La relazione afferma che saranno trapiantate altre 168 nuove specie autoctone, con un’altezza minima di tre metri.

Vella si è detta “disgustata” dalla relazione dell’ERA, che è riuscita a trascurare 38 alberi protetti presenti nella valle.

“Piantare dei campioni non è una compensazione per i benefici di alberi maturi decennali che riducono gli inquinanti e creano un habitat per la fauna locale”, ha dichiarato.

La decisione finale del tribunale ha stabilito che, sebbene il progetto occuperà terreni agricoli, risulta che questo impatto rientra nell’ambito del miglioramento della strategia nazionale dei trasporti.

La decisione afferma che l’impatto sull’agricoltura e sulla biodiversità non è “significativo” e dovrebbe prevalere sugli obiettivi del progetto, che è quello di promuovere il trasporto sostenibile e rimuovere la congestione del traffico.

Vella ha affermato che la strada non soffre di congestione del traffico e che ciò è stato evidenziato in un precedente rapporto dell’AP.

“I rapporti precedenti evidenziano che la congestione del traffico non è presente, se non per congestioni occasionali, e che si tratta di un’occasione molto rara”.

Il progetto distruggerà una delle valli più belle e iconiche di Gozo e continuerà a “rovinare” l’isola sorella di Malta.

Invito alla velocità

L’ONG Rota ha definito la decisione del Tribunale un'”atrocità” e ha affermato che esistono altre misure per rendere la strada più sicura, più piacevole e più verde.

L’ONG non è d’accordo con l’etichettatura della strada per Marsalforn come “molto insicura per il trasporto non motorizzato” e afferma che, sebbene sia necessario un buon rifacimento del manto stradale e un’illuminazione adeguata, l’allargamento della strada la renderà insicura.

“Il design più rettilineo favorirà una maggiore velocità e creerà inutili conflitti”, si legge.

“La maggior parte degli utenti di biciclette probabilmente ignorerà la struttura a causa della sua inutilità, dell’inefficienza e dell’errato senso di sicurezza che comporta l’ingresso e l’uscita dalla strada più volte in un unico tratto”

L’ONG ha proposto di ridisegnare la strada trasformandola in una “strada vivente” con misure di moderazione del traffico che impongano un limite di velocità più basso.

L’ONG chiede inoltre che gli alberi rimangano, e che siano “decuplicati” per rendere la strada più piacevole.

“Il bisogno di velocità in un’isola minuscola come Gozo non dovrebbe essere anteposto alla qualità della vita e al buon senso”, ha dichiarato l’ONG.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Hamilton ammette che “è uno shock” quando la Mercedes è in testa alle prove in Bahrain

Lewis Hamilton in testa alla classifica dei tempi nelle seconde prove del Gran Premio del Bahrain. Foto: AFP Lewis Hamilton ha avvertito il suo team...