martedì, Maggio 28, 2024
HomeMaltaIl Ministro per il Patrimonio Nazionale, le Arti e il Governo Locale...

Il Ministro per il Patrimonio Nazionale, le Arti e il Governo Locale Owen Bonnici presenta il Padiglione di Malta alla Biennale d’Arte di Venezia 2024

Il Padiglione è stato commissionato dal Consiglio Maltese per le Arti, dove Malta è rappresentata dall’artista Matthew Attard con il suo progetto innovativo “I Will Follow the Ship”.

L’esposizione di Matthew Attard fonde il patrimonio culturale maltese con la tecnologia dell’intelligenza artificiale. I curatori di “I Will Follow the Ship” sono Elyse Tonna e Sara Dolfi Agostini. Maria Galea e Galleria Michela Rizzo supervisano la gestione del progetto, Vincenzo Casali è il consulente tecnico e Joey Borg è responsabile della programmazione e dello sviluppo del software del progetto.

Il Ministro Owen Bonnici, durante un discorso a Venezia, in Italia, spiega che La Biennale di Venezia è una delle istituzioni più prestigiose a livello internazionale nel settore culturale per la presentazione e la promozione dell’arte contemporanea. Ha sottolineato che dopo una lunga assenza di 17 anni, Malta è tornata alla Biennale di Venezia nel 2017, oltre che nel 2019 e nel 2022.

Ha evidenziato gli significativi investimenti del governo nei settori artistici e culturali di Malta, spiegando che nell’ultimo decennio Malta ha registrato una crescita senza precedenti nelle carriere nei settori culturali e creativi, con un aumento del 13% tra il 2022 e il 2023. Ha descritto questa tendenza come positiva e di grande incoraggiamento.

Il Ministro ha osservato che il settore delle arti visive sta progredendo, citando il successo del MUŻA inaugurato nel 2018, il lancio della prima edizione di maltabiennale.art quest’anno e l’apertura, prevista per quest’anno, del MICAS. Ha sostenuto che questi sono tutti investimenti negli artisti e nel campo creativo.

Il Ministro ha concluso ringraziando il Consiglio Maltese per le Arti per il loro lavoro cruciale nella promozione degli artisti locali, sia a Malta che all’estero.

Da parte sua, il Presidente Esecutivo del Consiglio Maltese per le Arti, Albert Marshall, ha dichiarato: “Matthew Attard è un chiaro esempio di un giovane artista di un piccolo paese che è riuscito a superare i confini geografici. La sua perseveranza, determinazione nel successo, passione per l’arte e il suo straordinario talento lo hanno portato fino a Venezia”.

Ha notato come il tema della Biennale sia riflesso nel Padiglione di Malta, dove il punto di partenza sono i graffiti delle navi che, sebbene diffusi attorno a Malta e parte del nostro patrimonio culturale, sono anche diffusi in molti paesi mediterranei. Marshall ha concluso ringraziando gli operatori del Consiglio Maltese per le Arti per il loro lavoro nell’organizzazione e coordinamento del Padiglione di Malta a Venezia.

L’artista Matthew Attard ha detto che è un onore presentare il primo padiglione individuale di Malta alla Biennale di Venezia. Per questo padiglione, esplora l’interazione tra i graffiti storici delle navi, la pittura contemporanea e la tecnologia digitale. Esaminando immagini storiche attraverso un filtro che segue gli occhi come strumento di pittura, Attard riflette sulle dipendenze contemporanee dalla tecnologia digitale.

I curatori Elyse Tonna e Sara Dolfi Agostini hanno spiegato che il lavoro di Matthew Attard porta all’interno della Biennale il linguaggio comune della comunità marittima, utilizzando immagini residue appartenenti a Malta, Venezia e ovunque altro, come mezzo di comunicazione diffuso tra le frontiere e le culture delle sconosciute terre informatiche e dell’ecologia contemporanea.

La Biennale di Venezia si terrà dal 20 aprile al 24 novembre 2024.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...