sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaI russi "maltesi" con proprietà a Dubai

I russi “maltesi” con proprietà a Dubai

Nuova fuga di dati su centinaia di migliaia di proprietà a Dubai. Foto: Ole Martin Wold.

Una nuova fuga di dati ha rivelato come ricchi russi, con cittadinanza maltese, ottengano la residenza nel paradiso fiscale di Dubai.

La fuga di notizie, chiamata Dubai Unlocked, riguarda quattro russi che hanno acquistato passaporti maltesi.

Il dataset contiene centinaia di migliaia di proprietà a Dubai e informazioni sul loro possesso o utilizzo, in gran parte a partire dal 2020 e dal 2022.

Due dei nomi trovati nella fuga di notizie sono strettamente legati a un ricco deputato russo sanzionato, Grigory Anikeev.

Anikeev è stato colpito da sanzioni da parte di UE, Stati Uniti e Canada per il suo sostegno alla guerra della Russia in Ucraina.

Olga Poliakova, la madre del figlio di Anikeev, ha ottenuto la cittadinanza maltese nel 2016.

Alcuni anni dopo aver ottenuto la cittadinanza maltese, i dati delle transazioni ottenuti dal Dipartimento del Territorio di Dubai e dai rivenditori di immobili mostrano come Poliakova abbia fatto spese folli negli Emirati Arabi Uniti, acquistando due proprietà per un valore di circa 1 milione di euro.

Poliakova non è l’unica acquirente di passaporti maltesi legata ad Anikeev che compare nei dati.

Irina Kupareva, che condivide un figlio con Anikeev, ha seguito lo stesso schema di Poliakova acquistando un passaporto maltese e una proprietà a Dubai.

Henley & Partners, concessionari del programma di cittadinanza maltese, si sono inizialmente chiesti come la Kupareva potesse permettersi di acquistare la cittadinanza dato il suo relativamente modesto patrimonio netto dichiarato di quasi 1,3 milioni di euro.

Quasi un terzo di questo patrimonio è stato dichiarato come “un regalo di un amico”, si legge nella corrispondenza interna di Henley & Partners. Kupareva ha infine presentato un accordo di donazione in cui si dichiarava che il denaro proveniva da un socio di Anikeev e nel 2015 le è stata concessa la cittadinanza.

Nei dati di Dubai risulta proprietaria di un immobile del valore di circa 1 milione di euro.

Il set di dati è stato ottenuto dal Center for Advanced Defense Studies (C4ADS), un’organizzazione no-profit con sede a Washington, D.C., che si occupa di ricerche sulla criminalità e sui conflitti internazionali.

Successivamente è stato condiviso con l’emittente finanziaria norvegese E24 e con l’Organised Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP), che ha coordinato un progetto investigativo con decine di media di tutto il mondo, tra cui Times of Malta.

Malta responsabile di “due diligence”

Rispondendo alle domande sui processi di due diligence effettuati su Poliakova e Kupareva, un portavoce di Henley & Partners ha dichiarato che la responsabilità è del governo.

“Non abbiamo alcun obbligo legale di effettuare controlli di conformità e, sebbene come azienda abbiamo investito tempo e capitali significativi nel corso degli anni per creare una struttura aziendale che si ispira alle migliori pratiche di governance e ai più alti livelli di due diligence, un’azienda privata come Henley & Partners non può fare molto quando si tratta di due diligence”, ha dichiarato il portavoce.

“Gli Stati sovrani, invece, hanno la capacità di investimento e gli strumenti necessari per comprendere realmente il livello di rischio di ogni singolo richiedente”.

“È proprio per questo motivo che l’onere della due diligence è a carico dello Stato sovrano e non delle aziende private”.

“In questo caso, qualsiasi controllo sui fondi dei donatori sarebbe stato condotto dall’agenzia governativa maltese responsabile del programma di cittadinanza in quel momento”, ha dichiarato il portavoce.

Un’altra russa “maltese” con legami con persone sanzionate è Venera Gafarova.

La sorella della Gafarova è sposata con Rustam Minnikhanov.

Minnikhanov è stato sanzionato dagli Stati Uniti per il suo ruolo di presidente della Tupolev Public Joint Stock Company, una società che, secondo l’elenco delle sanzioni, produce bombardieri strategici per le forze armate russe.

Le sanzioni statunitensi evidenziano come gran parte delle proprietà di Minnikhanov siano state formalmente registrate a nome della moglie Gulsina, sorella della Gafarova.

La Gafarova è diventata cittadina maltese nel 2016 e risulta essere la parte responsabile di una proprietà a Dubai.

Anche Pavel Grachev, sanzionato dagli Stati Uniti lo scorso anno per aver aiutato direttamente o indirettamente gli sforzi bellici della Russia in Ucraina, compare nei dati di Dubai.

Grachev, divenuto cittadino maltese nel 2016, è l’ex direttore generale di Polyus, il più grande fornitore di oro in Russia e una delle più grandi società di estrazione aurifera del mondo.

Gli Stati Uniti hanno annunciato sanzioni contro Grachev e una serie di altri individui e aziende per il presunto aiuto alla guerra in Ucraina.

Tutte le persone citate in questo articolo sono state contattate per un commento, ma nessuna ha risposto.

I requisiti di residenza, poco rigorosi, del programma di cittadinanza maltese sono stati spesso criticati dall’UE.

Un’indagine del 2021 condotta da Times of Malta insieme alla fondazione Daphne Caruana Galizia ha rilevato che i cittadini trascorrono in media solo 16 giorni a Malta.

Dubai è una destinazione per i ricchi e solo di recente è stata rimossa dalla lista grigia del Gruppo di azione finanziaria internazionale (Financial Action Task Force).

È stata inserita nella lista grigia nel 2022, a causa di carenze nel suo regime antiriciclaggio.

William Bourdon, specializzato in diritto societario e penale, ha affermato che è un dato di fatto che molti dei leader corrotti del mondo, dai capi di Stato africani agli oligarchi russi, abbiano scelto strategicamente di considerare Dubai come il “posto dove stare”, in quanto offre loro “tranquillità legale”.

Chi altro è presente?

I principali risultati dell’indagine internazionale mostrano che anche i seguenti nomi di spicco hanno interessi in proprietà a Dubai:

Candido Nsue Okomo, l’ex capo della compagnia petrolifera nazionale della Guinea Equatoriale, coinvolto in uno scandalo, è indagato in Spagna per riciclaggio di denaro.

Dženis Kadrić, un ex poliziotto arrestato in Bosnia a febbraio per sospetta partecipazione alla criminalità organizzata, contrabbando di droga e riciclaggio di denaro. È stato rilasciato a maggio, ma rimane indagato.

Shwan Mohammad Almulla, cittadino britannico di origine irachena, incriminato negli Stati Uniti nel 2021 per un sistema di corruzione volto a ottenere milioni di dollari in contratti di ricostruzione per l’Iraq.

Joseph Johannes Leijdekkers, 32enne noto anche come “Chubby Jos”, inserito nella lista dei più ricercati dell’Unione Europea per presunto traffico di stupefacenti.

Danilo Vunjao Santana Gouveia, un uomo d’affari brasiliano che si fa chiamare Dubaiano. Incriminato con l’accusa di riciclaggio di denaro e frode per la presunta gestione di un massiccio schema piramidale di Bitcoin nel suo Paese.

Questo articolo è stato prodotto con il supporto dell’OCCRP e della Fondazione Daphne Caruana Galizia.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE