mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMalta"Non mi resta molto da vivere" - La vedova ricorda gli ultimi...

“Non mi resta molto da vivere” – La vedova ricorda gli ultimi giorni del marito scomparso

Gli uomini accusati dell’omicidio di Albert Brian Rosso: Piero Di Bartolo e Anthony Bugeja.

Una vedova ha descritto in tribunale come il marito le abbia detto “non mi resta molto da vivere” pochi giorni prima di scomparire 15 anni fa e si ritiene che sia stato ucciso.

Albert Brian Rosso lasciò il suo posto di lavoro per una riunione il 10 ottobre 2005 e da allora non è stato più visto. Anthony Bugeja, oggi 55enne, e Piero Di Bartolo, oggi 49enne, sono accusati di omicidio volontario, possesso illegale di un’arma da fuoco e di essersi liberati del corpo di Rosso mettendolo in un sacco e gettandolo in mare al largo di Benghajsa. Il suo corpo non è mai stato ritrovato. I due erano ex soci di Rosso sul peschereccio di cui era proprietario.

Mary Rose Rosso, un’insegnante in pensione, ha raccontato che suo marito non era un codardo, ma era cambiato improvvisamente, preoccupandosi costantemente delle “minacce” alla sua vita, a volte aveva troppa paura di andare al lavoro e una volta le disse che non gli restava molto da vivere.

La donna ha descritto come ogni mattina fosse solita stendere i vestiti del marito e accompagnarlo al lavoro intorno alle 7, salutandolo sulla porta prima di tornare al piano di sopra per prepararsi a una normale giornata di scuola.

Ma quel 10 ottobre aveva programmato di iniziare prima, poiché doveva sistemare l’aula prima delle lezioni, e quindi chiamò “Brian” dicendogli che non lo avrebbe accompagnato alla porta.

Lui richiamò, dicendole che era “tutto a posto”.

Quella fu l’ultima volta che sentì la sua voce.

“Quel giorno non scesi e me ne pento ancora oggi”, ha ricordato la vedova, vestita di nero, durante la sua testimonianza.

La donna ha condotto il giudice e la giuria attraverso gli eventi di quella “normale” mattinata di lavoro che ha preso un’altra piega quando il marito non è tornato a casa nel pomeriggio e non ha risposto alle sue telefonate.

Quel giorno Rosso aveva fissato un appuntamento con la moglie per portare l’auto a fare l’antiruggine dopo che si era inzuppata a causa delle forti piogge dei giorni precedenti. Aveva programmato di accompagnarla, lasciando la figlia piccola a un corso di parrucchiere lungo la strada.

Quando non si presentò, e la figlia temeva di arrivare in ritardo alla lezione, Mary Rose si avviò, sperando che il marito li raggiungesse più tardi.

Ma la sua auto si ruppe lungo la strada e quando tornò a casa era già tardi, solo per scoprire che il marito non era ancora tornato.

“Ho pensato che fosse piuttosto strano. Di solito rispondeva alle nostre chiamate”.

Ha chiesto a un parente acquisito di accompagnarla mentre usciva a cercarlo, rintracciando il suo percorso dal centro di acquacoltura di San Luċjan, dove lavorava. Un guardiano le ha detto di non averlo visto.

Ha anche chiamato la moglie di Bugeja per ottenere l’indirizzo degli “italiani” che lavoravano sul peschereccio del marito, sperando che potessero avere qualche notizia.

Alle 21 circa si è recata alla stazione di polizia di Zabbar per denunciare la scomparsa del marito.

Ripensando agli ultimi giorni di Brian, la vedova dice che “non era un codardo”, ma che era cambiato improvvisamente.

A volte aveva troppa paura di andare a lavorare – Vedova

Non si fidava della figlia da nessuna parte, insisteva per chiudere a chiave ogni cosa in casa e a volte aveva troppa paura per avventurarsi al lavoro.

“Ci minacciano”, le diceva ripetutamente.

Quando lei chiedeva cosa intendesse, lui faceva continuamente riferimento ai “siciliani” e diceva “così mi dice Toni [l’accusato]”.

“Ma meno ne sai, meglio è. Non si preoccupi”, la rassicurava quando lei cercava di ottenere maggiori dettagli.

La donna ha raccontato che il marito aveva persino comprato una pistola che portava con sé nel suo piccolo marsupio nero.

Un giorno, mentre la coppia guardava la televisione, lui le disse: “Non mi resta molto da vivere, Ros. Prenditi cura di nostra figlia”.

Lei fu colta di sorpresa, pensando che potesse aver ricevuto qualche risultato medico negativo.

Ma lui si riferiva ovviamente alle minacce di morte.

La testimone si è detta perplessa perché lei e suo marito avevano molti amici siciliani e non avevano mai avuto problemi.

“Anche il padrino di nostra figlia era siciliano”, ha spiegato.

La pesca era il suo hobby e piuttosto costoso, dovendo pagare una costosa licenza di pesca a strascico, il carburante e tutto il resto, ha aggiunto.

Ma ogni volta che lei gli suggeriva di vendere la barca, licenza e tutto il resto, per liberarsi di tutti i problemi, Brian le rispondeva che li stava risparmiando per poter finanziare i futuri studi all’estero della figlia.

In quanto unico proprietario dell’imbarcazione, che portava il nome della figlia Desiree, pagava tutte le licenze e le spese relative.

Aveva anche rilevato la quota del suo ex socio, Sebastiano Lupo.

Bugeja voleva acquistare quella quota e stava discutendo con il marito, ma non hanno mai raggiunto un accordo, ha dichiarato la testimone.

Dopo la scomparsa del marito, la donna ha infine venduto l’imbarcazione e la licenza, depositando metà del denaro presso il notaio per garantire i pretesi diritti di Bugeja sulla vendita.

Bugeja aveva citato in giudizio la famiglia, ma aveva perso la causa civile nel 2016.

Incidenti in mare

La testimone ha poi ricordato due episodi che il marito ha vissuto mentre era in mare con il suo peschereccio.

Un’estate, il marito, biologo marino, stava dando da mangiare a due delfini che sguazzavano nelle acque accanto al peschereccio, quando all’improvviso è partito un colpo.

Uno dei delfini fu colpito.

Il mastino napoletano nero di Albert Brian Rosso fu portato a riva dal suo peschereccio alcune settimane dopo la sua scomparsa.
Si girò e vide Bugeja con in mano un fucile.

Il marito lo rimproverò con rabbia, poiché aveva sempre insistito sul fatto di non avere armi a bordo.

“Basta! Ne ho abbastanza di Toni”, disse con rabbia alla moglie quando tornò a casa.

Un’altra volta, mentre stavano tirando su le reti da pesca in mare, Brian disse a Toni di non fare marcia indietro.

Le sue istruzioni furono ignorate e le reti si impigliarono nell’elica.

“Devi entrare Brian”, disse Bugeja.

Bugeja non sapeva nuotare.

Il marito era piuttosto diffidente, ma si tuffò e, mentre era ancora sott’acqua, Bugeja avviò il motore.

“Sai che avresti potuto uccidermi?”, aveva protestato il marito.

“È stato un errore”, è stata la risposta di Bugeja, ha testimoniato la vedova.

Ha detto che la famiglia è stata duramente colpita dall’intera vicenda della scomparsa del marito, “psicologicamente, finanziariamente e fisicamente”.

Come unica fonte di sostentamento, ha dovuto andare al lavoro, concentrandosi sulle lezioni per tutto il giorno.

“Ma quando sono tornata a casa e ho trovato la casa vuota ……”, ha concluso la testimone, con la voce che si è spenta per l’emozione.

Il processo continua.

I legali dell’AG, Angele Vella e Andrea Zammit, sono gli avvocati dell’accusa.

Gli avvocati Arthur Azzopardi e Franco Debono sono i difensori di Bugeja.

L’avvocato Roberto Montalto è il difensore di Di Bartolo.

L’avvocato Stefano Filletti rappresenta la famiglia.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Conti di deposito fisso a breve termine

L'utilizzo di depositi fissi a breve termine presenta numerosi vantaggi. Sfruttare al meglio il nostro denaro è sempre una sfida. Trovare il giusto equilibrio...