martedì, Aprile 23, 2024
HomeMaltaI datori di lavoro non verranno sanzionati per aver ignorato le regole...

I datori di lavoro non verranno sanzionati per aver ignorato le regole sulle skills pass

Le competenze acquisite saranno necessarie per lavorare in alberghi, bar, ristoranti, cucine, pulizie e uffici. Foto di repertorio: Matthew Mirabelli

Secondo la nuova legislazione, i lavoratori maltesi e dell’UE, o coloro che li assumono, non incorreranno in alcuna sanzione per il mancato possesso di una skills pass per il turismo quando il programma sarà esteso anche a loro.

La scorsa settimana, il governo ha comunicato che i lavoratori extracomunitari che sperano di trovare lavoro nei settori del turismo e dell’ospitalità dovranno essere in possesso di una skills pass a partire da maggio, mentre quelli già presenti nel Paese dovranno avere la loro entro il prossimo anno.

Il requisito sarà poi esteso a tutti i lavoratori UE e maltesi del settore a partire dall’inizio del 2026.

Tuttavia, mentre i lavoratori extracomunitari che non riescono a ottenere il pass potrebbero vedersi rifiutare il permesso di lavoro, i lavoratori maltesi o di altri Paesi del blocco che non ottengono il pass sembrano destinati a cavarsela senza problemi.

Il documento che istituisce il programma non elenca alcuna sanzione per i lavoratori maltesi e di altri Paesi dell’UE che non riescono a ottenere il pass.

Non ci sono nemmeno sanzioni per i datori di lavoro che non si assicurano che il loro personale abbia il pass.

Ma alla domanda sulla mancanza di sanzioni contro i lavoratori maltesi e dell’UE, o contro i datori di lavoro, il Ministro del Turismo Clayton Bartolo ha risposto solo che, se necessario, saranno introdotte delle multe.

“Perché non parliamo di multe più avanti? Cominciamo prima a implementare il programma e ad aumentarne la qualità; è lì che voglio arrivare”, ha detto.

“Se ne avremo bisogno, ci saranno. Non sto dicendo che non ci saranno multe. Al contempo, è importante  cercare di avere un’industria lungimirante che guardi alla qualità e alla sostenibilità”, ha detto Bartolo.

“In definitiva, non voglio che l’industria faccia queste cose perché ha paura delle multe ma perché crede in quello che stiamo facendo”.

Bartolo ha aggiunto che lo schema introdotto “un passo alla volta” per evitare di scioccare il settore, sarà “la riforma di una generazione”.

Il pass per le competenze è stato presentato per la prima volta in ottobre, dopo che un piano per la sua introduzione era stato presentato alle parti interessate del settore. In quell’occasione, Bartolo ha affermato che “il tempo di un sistema libero per tutti è finito. Abbiamo bisogno di persone con le competenze in base alle esigenze del Paese”.

Il pass, che ha un costo massimo di 475 euro, doveva essere introdotto originariamente a gennaio, ma è stato posticipato in seguito alle preoccupazioni dell’Associazione degli hotel e dei ristoranti di Malta, secondo cui il tempo a disposizione del settore per conformarsi ai requisiti era troppo poco.

Il pass è stato introdotto formalmente la scorsa settimana e sarà necessario per lavorare in alberghi, bar, ristoranti, personale di cucina, pulizie e posti di front office

Da lunedì, i lavoratori extracomunitari che cercano lavoro nel settore del turismo e dell’ospitalità possono iscriversi al corso online obbligatorio sulla conoscenza della lingua inglese, sull’assistenza ai clienti, sull’ospitalità e su ciò che Malta offre ai turisti.

Il corso sarà tenuto da due chatbot AI chiamati “Ryan” e “Clara”.

A partire dal 6 maggio, verranno effettuati colloqui di verifica online prima del rilascio del pass.

I candidati dovranno anche essere approvati da Jobsplus e dalla polizia prima di ricevere un permesso di lavoro di un anno.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Taiwan colpita da numerose scosse di terremoto, la più forte di magnitudo 6,3

Questa immagine pubblicata dalla Central News Agency (CNA) di Taiwan il 22 aprile 2024 mostra rocce cadute sull'autostrada Suhua a Hualien. Foto: AFPLa capitale...