domenica, Aprile 14, 2024
HomeMaltaDepenalizzare l'aborto per salvaguardare i diritti e il benessere delle donne

Depenalizzare l’aborto per salvaguardare i diritti e il benessere delle donne

La Commissione per l’uguaglianza chiede la depenalizzazione dell’aborto dopo che una donna è stata accusata di aborto all’inizio di questo mese.

La donna, a cui è stata concessa la libertà condizionata per tre anni, soffre di problemi di salute mentale. Ha un figlio piccolo e viveva in una relazione violenta, come si è appreso in tribunale.

La Commissione nazionale per la promozione dell’uguaglianza ha dichiarato venerdì che, “curiosamente”, è stato il suo partner violento a denunciarla alla polizia per aver praticato l’aborto medico.

L’aborto è illegale a Malta in qualsiasi circostanza.

Abortire o aiutare qualcuno ad abortire è punibile fino a tre anni di carcere.

Nella sua dichiarazione, il NCPE ha affermato di chiedere la depenalizzazione dell’aborto per salvaguardare i diritti, la salute e il benessere delle donne.

“Questo caso scandaloso rappresenta le ingiustizie di genere derivanti dalla criminalizzazione generalizzata dell’aborto a Malta.

la legge attuale viene usata come strumento di potere e controllo sulle donne”. Pur notando che la polizia ha trattato la donna con rispetto e che il tribunale ha emesso una sentenza clemente, resta il fatto che un partner violento potrebbe avviare un procedimento penale contro la donna a causa delle leggi ingiuste che criminalizzano l’aborto

Il NCPE ha affermato che le donne non dovrebbero mai essere interrogate, trascinate in tribunale e affrontare una potenziale pena detentiva solo perché le circostanze le hanno portate a prendere una decisione personale.

Le donne in situazioni vulnerabili, come quelle che vivono relazioni violente, con mezzi finanziari limitati e le donne migranti, subiscono le conseguenze peggiori della criminalizzazione dell’aborto, a causa delle minori possibilità di viaggiare all’estero e delle maggiori probabilità di essere denunciate alla polizia.

Si stima che ogni anno circa 400 donne maltesi si rechino all’estero per abortire e altre 200 acquistino pillole abortive online.

La commissione ha anche avvertito che le attuali leggi sull’aborto aumentano i rischi e le difficoltà vissute da queste donne, perpetuando la sofferenza e la disuguaglianza sociale.

questo caso evidenzia anche l’estrema importanza di garantire che la salute mentale non sia esclusa dall’emendamento al codice penale presentato in Parlamento lo scorso anno, che consentirà l’interruzione della gravidanza quando la vita e la salute della donna sono in pericolo”.

“Le circostanze di questo caso dimostrano che la salute mentale può essere un fattore importante per la salute e il benessere delle donne durante la gravidanza. La salute mentale delle donne è altrettanto importante e inestricabilmente legata alla loro salute fisica. Trasmettere un messaggio contrario sarebbe scorretto e pericoloso”

Il governo sta proponendo emendamenti al codice penale che consentirebbero di abortire in circostanze in cui la vita della donna è a rischio o la sua salute è in grave pericolo.

Il Ministro della Salute Chris Fearne ha dichiarato di aspettarsi che gli emendamenti superino tutte le fasi parlamentari entro la pausa estiva.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE