Connect with us

Malta

Bloccate le assunzioni per le aziende accusate di sfruttamento corrieri

Published

on

Sciopero dei corrieri del cibo lunedì.

Le aziende accusate di sfruttare i corrieri del cibo saranno vietate dall’assumere lavoratori fino a quando non verranno condotte indagini sulle accuse di sfruttamento. Questo è quanto ha dichiarato il ministro dell’Occupazione Byron Camilleri in parlamento martedì.

Nel frattempo, i lavoratori che stanno facendo queste accuse e si sentono a disagio a lavorare con i loro attuali datori di lavoro riceveranno aiuto per trovare un’occupazione alternativa, ha detto.

Camilleri ha parlato dopo un incontro tenutosi martedì tra JobsPlus, il Department for Industrial and Employment Relations e diversi corrieri del cibo coinvolti negli scioperi.

Si ritiene che circa 60 lavoratori abbiano partecipato alla riunione, che si è svolta a porte chiuse.

“Abbiamo fatto in modo che non ci fosse presenza di media durante l’incontro perché volevamo che i lavoratori si sentissero liberi di far sentire la loro voce”, ha detto Camilleri.

I corrieri del cibo, che sono tipicamente cittadini di paesi terzi, sono impiegati da aziende di gestione flotte che hanno accordi di fornitura di servizi con piattaforme di consegna come Bolt Food e Wolt.

Advertisement

Queste piattaforme pagano poi gli operatori delle flotte per i servizi di consegna, e gli operatori a loro volta pagano i corrieri.

I corrieri affermano che sebbene sulla carta il loro reddito sia garantito, in realtà ricevono solo una percentuale delle tariffe di consegna.

Centinaia di questi corrieri del cibo sono entrati in sciopero nei giorni scorsi, affermando che il loro reddito è stato drasticamente ridotto dopo che Bolt ha tagliato le tariffe di consegna del fine settimana. Dicono che, di conseguenza, stanno lavorando 18 ore al giorno per guadagnare appena €3 l’ora, meno del salario minimo nazionale.

Camilleri ha appoggiato lo sciopero, avvertendo le agenzie di lavoro che non dovrebbero “osare” licenziare i lavoratori che stavano scioperando.

Byron Camilleri parla dello sciopero lunedì.

Ha ribadito questo avvertimento in parlamento martedì, descrivendo lo sfruttamento e l’abuso dei lavoratori come “inaccettabile”.

“Crediamo nei diritti dei lavoratori e non permetteremo a nessuno di abusarne, indipendentemente da chi sia il lavoratore o il datore di lavoro”, ha detto.

Advertisement

Foto: Matthew Mirabelli

Video: Matthew Mirabelli