Connect with us

Malta

Ex sindaco di Valletta Alfred Zammit pronto a lasciare il Partito Labour: “Mi hanno sabotato”

Published

on

L’ex sindaco di Valletta, Alfred Zammit, ha lasciato intendere che potrebbe lasciare il Partito Labour, accusando alcuni membri del partito di aver lavorato contro di lui in vista delle elezioni comunali del mese scorso.

Zammit, recentemente destituito dalla carica di sindaco, ha dichiarato sui social media di avere una “mente indipendente”. “Questo è il mio posto e non sono uno da indottrinare”, ha scritto. “Continuerò a lavorare con il partito, ma non escludo l’idea di prendere determinate decisioni, soprattutto se vedo che non si correggono certi errori”.

Zammit è stato sindaco di Valletta dal 2019 fino al mese scorso, quando si è piazzato secondo tra i candidati Labour dietro Olaf McKay, con solo 32 voti di differenza.

Dopo l’elezione, le discussioni sul rapporto di Zammit con il Labour si sono intensificate quando è stato l’unico consigliere comunale eletto a Valletta ad essere assente dalla cerimonia di giuramento. Zammit è stato poi giurato come consigliere separatamente, giorni dopo, pubblicando una foto dell’evento sui suoi social e ribadendo la sua “mente indipendente”.

Una dichiarazione di intenti

In un’intervista al Times of Malta, Zammit ha spiegato che voleva lanciare un messaggio giurando da solo. “L’ho fatto da solo per inviare un messaggio, perché persone del partito hanno lavorato attivamente contro di me”, ha detto. “Quando parlo del partito, non mi riferisco ai vertici, ma durante la campagna di rielezione mi sono sentito molto sottovalutato dal partito. Soprattutto dopo quanto ho lavorato”.

Nonostante sia un consigliere Labour, Zammit ora appare come un’eccezione: quando il nuovo sindaco Olaf McKay ha distribuito i portafogli tra i consiglieri, a Zammit non è stato assegnato nessun ruolo specifico.

Advertisement

Un socialista convinto

Zammit ha dichiarato al Times of Malta di essere orgoglioso di aver lavorato con persone di diverse convinzioni politiche durante il suo mandato come sindaco e si è proclamato fieramente socialista. Ha affermato di essere socialista sin dalla giovinezza e di essere stato presidente dell’Unione della Gioventù Socialista dal 1987 al 1990.

“Sono sempre stato un vero socialista. Per me, il socialismo non significa solo aiutare se stessi e mettere soldi in tasca. Si tratta di aiutare veramente il prossimo e la comunità”, ha concluso Zammit.

Foto: Facebook/Alfred Zammit