sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaAttualitàIl ministro si rifiuta di rispondere alle domande sulla casa di Cospicua

Il ministro si rifiuta di rispondere alle domande sulla casa di Cospicua

Il Ministro per l’invecchiamento attivo Jo Etienne Abela si è rifiutato oggi di rispondere alle domande sui controversi lavori alla casa di cura Cospicua, insistendo sul fatto che la questione è “chiusa“.

Si è ripetutamente rifiutato di dire perché il governo abbia continuato a ospitare anziani nella casa di cura per due anni dopo aver ricevuto segnalazioni che indicavano che la struttura non era sicura.

“Sono stato chiarissimo sull’argomento con il Parlamento, sono stato chiarissimo con i vostri colleghi… non ho nient’altro da aggiungere… per noi la questione è chiusa”, ha detto Abela quando gli è stato chiesto perché non avesse segnalato il pericolo prima.

“Forse non vi siete resi conto che sono diventato ministro nell’aprile 2022… sono stato molto chiaro, non ho nulla da aggiungere. I documenti sono stati presentati in Parlamento, la massima istituzione. Ecco perché per noi il caso è chiuso”, ha aggiunto.

A chi gli chiedeva cosa intendesse per “caso chiuso”, Abela ha risposto: “Stiamo andando avanti”.

Il mese scorso il governo ha deciso di chiudere la casa di riposo per lavori “estesi”, suscitando le proteste di alcuni residenti e del personale. All’inizio del mese Abela ha dichiarato in un’intervista al Times of Malta che alcune parti della casa di riposo dovevano essere ricostruite a causa del cemento scadente che non era sufficiente nemmeno per i marciapiedi.

I rapporti della scorsa settimana hanno rivelato che la maggior parte degli impianti della Casa di riposo Cospicua richiedeva una massiccia revisione, in particolare le apparecchiature meccaniche, elettriche e a bassissimo voltaggio.

Rispondendo alle domande in Parlamento, il ministro ha detto che i rapporti hanno mostrato le condizioni disastrose di alcune sezioni dell’edificio e lo stato di abbandono dei sistemi critici necessari per mantenere la casa di riposo in buone condizioni di funzionamento.

Il leader dell’opposizione Bernard Grech ha affermato ieri che il governo stava mentendo sulla casa e che lo stato del cemento veniva usato come scusa per sfrattare gli anziani residenti. Grech ha affermato che il governo ha deciso di demolire e ricostruire la casa di cura per renderla più grande, in modo che chiunque ne assuma il controllo possa ottenere maggiori profitti.

Abela si è rifiutato di rispondere a questa affermazione quando è stato interpellato stamane.

Secondo la relazione di un ingegnere del 2021, la maggior parte degli impianti dell’edificio sono stati installati durante la costruzione della casa di cura (alla fine degli anni ’90), e molti di essi sono prossimi alla fine della loro vita utile.

L’ingegnere ha scritto: “È necessario elaborare un piano per sostituire questi sistemi nel prossimo futuro”, sottolineando che i sistemi antincendio sono “inesistenti” e sollecitando interventi per allineare l’edificio ai moderni standard di sicurezza antincendio, ventilazione e illuminazione.

La maggior parte degli altri sistemi, ovvero l’impianto idraulico, il sistema di drenaggio, gli ascensori, la rete dati, la cucina e la lavanderia, l’energia elettrica e l’illuminazione erano costantemente da riparare e richiedevano una revisione completa”.

Altre carenze elencate nei rapporti includono l’uso di due caldaie a gasolio per fornire acqua calda all’edificio invece di pompe di calore ad alta efficienza energetica, un generatore di corrente che non ha un cambio automatico e deve essere commutato manualmente durante un’interruzione di corrente, pompe antincendio che sono fuori uso a causa dello “stato disastroso” della rete di tubature, un sistema TVCC obsoleto – con il fornitore che consiglia alla casa di non chiamare più per le riparazioni e una pompa a vuoto che non è mai stata usata perché non c’era una rete di tubature per essa.

Un rapporto separato ha rilevato che lo stato del calcestruzzo di alcuni balconi non era all’altezza, con sezioni che si sgretolavano a causa della mancanza di armatura.

“In pratica, quando grossi pezzi di calcestruzzo si sono staccati è perché non c’era l’acciaio di rinforzo a tenerli in posizione”, si legge nel rapporto.

“La preoccupazione più grave riguarda la resistenza del calcestruzzo. È stato riscontrato che in alcune aree il calcestruzzo si staccava molto facilmente ed era decisamente al di sotto degli standard previsti”.

Un terzo rapporto redatto dall’Autorità per gli standard dell’assistenza sociale a seguito di una visita senza preavviso alla casa ha rilevato che era “molto malandata e richiedeva una ristrutturazione completa”.

I funzionari dell’SCSA hanno osservato muffa in tutta la casa, ma in particolare al quinto piano. Il piano in questione presentava anche infiltrazioni d’acqua dal soffitto, che potevano causare incidenti pericolosi e rischi per la sicurezza.

Gli ispettori hanno riscontrato che il pavimento della casa era “appiccicoso e polveroso” e che la pulizia generale “non era a un livello ottimale”. Gli agenti hanno osservato sporcizia, come pavimenti che necessitavano di una pulizia profonda, fazzoletti scartati sul pavimento e un davanzale della finestra coperto di rifiuti.

La casa di cura Cospicua è stata sottoposta a una valutazione degli standard solo pochi anni fa e il governo ha investito 292.000 euro per installare refrigeratori per l’aria condizionata nella casa nel 2021.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE