Il premier Abela chiede nuovi sforzi internazionali per combattere la migrazione

Robert Abela ha sottolineato oggi, domenica 18 giugno, la necessità di trovare una soluzione al problema della migrazione nel Mediterraneo, pochi giorni dopo il temuto annegamento di centinaia di migranti al largo della Grecia e una settimana dopo l’astensione di Malta dall’ultima bozza di accordo UE sulla distribuzione dei migranti.

Abela ha dichiarato a un intervistatore di One Radio che il principio fondamentale del governo è quello di salvare vite umane, anche se può opporsi all’arrivo di immigrati clandestini.

“Ci sono vite perse in mare di cui non abbiamo idea. Quando ne veniamo a conoscenza, il nostro principio sacrosanto è quello di salvare le vite. Anche se potremmo opporci agli arrivi, vogliamo salvaguardare le vite umane il più possibile”, ha detto.

Si teme che centinaia di persone siano morte la settimana scorsa quando un peschereccio arrugginito pieno di migranti si è rovesciato al largo della penisola greca del Peloponneso. Sono stati confermati almeno 78 morti.

“Questo (il problema dell’immigrazione) non è solo un problema di Malta o dell’Italia. Noi, insieme agli altri Paesi dell’UE, dobbiamo trovare soluzioni per combattere lo status quo”, ha detto Abela.

All’inizio del mese, il governo maltese ha rinunciato a votare su un nuovo patto UE per l’asilo e la migrazione, perché riteneva che la proposta non gli offrisse la tranquillità di trovare un sostegno in caso di necessità.

Abela ha detto che, sebbene il governo possa a volte opporsi all’arrivo degli immigrati, è suo principio salvaguardare le vite umane.

“Quello che è successo in Grecia è una realtà e negli ultimi 20 anni abbiamo avuto uno status quo di morti nel Mediterraneo, e purtroppo molti hanno nascosto il problema sotto il tappeto e hanno fatto finta che non esistesse”, ha detto.

Abela ha affermato che i trafficanti approfittano della disperazione e dell’innocenza delle persone che vogliono fuggire per una vita migliore e questo abuso aggiunge pressione su Paesi come Malta e l’Italia.

“Dobbiamo lavorare sulle politiche per evitare altre morti in mare. Ci sono soluzioni che possiamo adottare per combattere i trafficanti. Ma questa non è una lotta che riguarda solo Malta o l’Italia. Anche i Paesi extraeuropei che hanno interessi in Libia e Tunisia dovrebbero assumersi le loro responsabilità”.

Ha detto che una delle chiavi per risolvere la migrazione illegale è quella di scoraggiare le partenze dai porti del Nord Africa.

Paesi come la Libia, la Tunisia e l’Egitto devono ricevere gli incentivi e gli aiuti necessari per combattere il traffico di esseri umani che si svolge in quei luoghi.

“Sappiamo che anche Egitto, Libia e Tunisia sono vittime della migrazione. Dobbiamo offrire speranza, opportunità e investimenti affinché le persone possano vivere anche lì”, ha affermato.

“Se le speranze economiche in quei Paesi migliorano, allora meno persone se ne andranno”.

Ha detto che mentre negli ultimi mesi Malta non ha affrontato la pressione dell’arrivo dei migranti, un episodio potrebbe cambiare tutto.

Riferendosi alle turbolenze politiche ed economiche in Tunisia, ha avvertito che se le cose dovessero peggiorare in quel Paese, il Mediterraneo potrebbe vedere un movimento migratorio di massa.

“Non possiamo continuare a sederci e discutere su quali siano le nostre visioni. Non voglio vedere centinaia di persone perdere la vita, mi fa piangere perché le soluzioni per controllare questo problema esistono”.

Nuovo interconnettore entro il 2026

Abela ha parlato delle forti relazioni tra Malta e l’Italia, dei suoi colloqui della scorsa settimana con il Primo Ministro italiano Giorgia Meloni e ha fatto riferimento ai piani per un interconnettore tra Malta e l’Italia, affermando che sarebbe stato implementato attraverso i fondi dell’Unione Europea e che sarebbe dovuto entrare in funzione entro il 2026.

Abela ha anche affrontato il tema delle recenti statistiche su coloro che sono a rischio di povertà.

Secondo l’NSO, una persona su tre di età superiore ai 65 anni è a rischio di povertà o esclusione sociale.

Abela ha affermato che il numero di persone a rischio di povertà è diminuito.

Prima del 2013, il 25% delle famiglie maltesi non poteva permettersi di affrontare una spesa finanziaria imprevista.

“Oggi questa percentuale è scesa al 15%, meno della metà della media europea del 32%”

“Questo significa che possiamo riposare e lasciare le cose come stanno? Certo che no, questo ci dà una motivazione in più per affrontare il restante 15%”