mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMaltaIntonacatore accusato di aggressione con coltello a Ħamrun, gli viene negata la...

Intonacatore accusato di aggressione con coltello a Ħamrun, gli viene negata la libertà su cauzione

È stata rifiutata la cauzione per un uomo accusato di aver aggredito un cliente con un coltello.

A un intonacatore che avrebbe aggredito un cliente con un coltello durante una discussione su pagamenti in sospeso è stata negata la libertà su cauzione al momento dell’udienza preliminare di mercoledì.

Tarek Meashi Ualid, 24 anni, cittadino siriano con passaporto e carta d’identità bulgari, ha dichiarato di essere in debito con la presunta vittima e di aver agito per legittima difesa.

L’incidente è avvenuto il 1° giugno a Hamrun.

L’ispettore Sarah Kathleen Zerafa ha dichiarato che quel giorno un uomo siriano ha contattato la stazione di polizia di Hamrun dicendo che prima, intorno alle 15, era stato aggredito con un coltello.

Ha identificato il presunto aggressore come “Tarek”, fornendo alla polizia il numero di cellulare del sospettato. Sembra che a scatenare l’aggressione del sospettato siano stati problemi di denaro legati al lavoro.

La polizia si è subito attivata per cercare di contattare Tarek, ma le chiamate non hanno avuto risposta.

Alla fine, l’uomo ha risposto al telefono e gli è stato detto di recarsi alla stazione di polizia dopo essere stato informato che era in arresto. Dopo essere stato interrogato sul presunto episodio, l’uomo si è presentato alla stazione di polizia ed è stato preso in custodia.

Mercoledì è stato accusato di aver ferito gravemente la presunta vittima, di aver portato un coltello e di aver violato volontariamente la pace pubblica.

Si è dichiarato non colpevole.

Il suo avvocato, Jacob Magri, ha contestato la validità dell’arresto poiché la polizia non aveva presentato alcun mandato debitamente emesso da un magistrato.

L’accusa ha ribattuto che non era possibile per la polizia ottenere un mandato poiché tutto ciò che si sapeva era che il sospetto si chiamava “Tarek” insieme a un numero di cellulare.

Il magistrato Rachel Montebello ha confermato la validità dell’arresto, citando l’articolo 355 del Codice penale, secondo cui la polizia può arrestare una persona in base a un ragionevole sospetto.

La richiesta di cauzione è stata respinta non solo per la natura del caso e per il fatto che i civili dovevano ancora testimoniare, ma anche perché l’accusato non aveva legami fissi con Malta. L’accusa ha sostenuto che si trovava qui da alcuni mesi grazie a documenti bulgari che nel frattempo erano scaduti.

La difesa ha ribattuto che il caso era totalmente “capovolto”.

L’imputato aveva fatto diversi tentativi di denunciare ciò che stava subendo da quando la presunta vittima si era rifiutata di pagare i lavori che erano stati eseguiti. In un’occasione la presunta vittima aveva persino seguito l’imputato a Gozo, dove viveva, per cercare di aggredirlo lì, ha detto Magri.

In effetti era stata la stessa presunta vittima a chiamare l’accusato dicendogli di incontrarsi ad Hamrun per discutere di questioni di denaro tra loro e fu allora che ebbe luogo la presunta aggressione.

“Si tratta di un classico caso di autodifesa”, ha proseguito l’avvocato, sottolineando che l’accusato aveva una fedina penale immacolata e aveva dei parenti nel Paese, tra cui un cugino che era presente in aula.

Inoltre, l’accusato viveva a Gozo mentre la presunta vittima, che probabilmente avrebbe scelto di non testimoniare se ammonita per evitare una possibile autoincriminazione, viveva a Malta.

La corte ha tuttavia respinto la richiesta di libertà provvisoria e ha esortato l’accusa a convocare la presunta vittima alla prima udienza.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Rilasciati i più potenti minatori di criptovalute

I minatori ASICRUN vantano un consumo energetico basso o moderato. Foto: Shutterstock Il panorama del mining di criptovalute a livello globale ha subito una...