venerdì, Maggio 31, 2024
HomeBusinessTecnologiaSpotify multato di 5 milioni di dollari per violazione delle norme UE...

Spotify multato di 5 milioni di dollari per violazione delle norme UE sui dati personali

Ieri il gigante dello streaming musicale Spotify è stato multato per 58 milioni di corone (5,4 milioni di euro) per non aver informato adeguatamente gli utenti sull’utilizzo dei dati raccolti, secondo quanto dichiarato dalle autorità svedesi.

L’Autorità svedese per la protezione della privacy (IMY) ha dichiarato di aver esaminato “il modo in cui Spotify gestisce il diritto di accesso dei clienti ai propri dati personali”

A seguito delle carenze riscontrate, l’IMY sta imponendo all’azienda una multa di 58 milioni di corone“, ha dichiarato l’autorità.

L’autorità di regolamentazione ha osservato che, in base alle norme della legge europea sulla protezione dei dati GDPR, gli utenti hanno il diritto di sapere quali dati una società possiede su un individuo e come tali dati vengono utilizzati.

Sebbene Spotify abbia fornito i dati in suo possesso su richiesta di un individuo, l’azienda non è stata sufficientemente specifica sulle modalità di utilizzo di tali dati

L’IMY ha dichiarato che, sebbene Spotify abbia fornito i dati in suo possesso su richiesta di un individuo, l’azienda non è stata sufficientemente specifica sulle modalità di utilizzo di tali dati.

“Poiché le informazioni fornite da Spotify non sono chiare, è stato difficile per gli individui capire come vengono trattati i loro dati personali e verificare se il trattamento dei loro dati personali è legittimo”, ha dichiarato l’IMY.

L’IMY ha aggiunto che le “carenze riscontrate sono considerate, nel complesso, di bassa gravità“, motivando l’entità della multa con il numero di utenti e le entrate di Spotify.

Il gigante dello streaming, quotato alla borsa di New York, ha annunciato ad aprile di aver superato i 500 milioni di utenti attivi mensili con 210 milioni di abbonati paganti.

Il gruppo di attivisti per la privacy Noyb ha dichiarato in un comunicato separato che la multa ha fatto seguito a una denuncia e a un successivo contenzioso da parte del gruppo e, pur accogliendo con favore la decisione, ha lamentato il ritardo delle autorità.

“Il caso ha richiesto più di quattro anni e abbiamo dovuto fare causa all’IMY per ottenere una decisione. L’autorità svedese deve assolutamente accelerare le sue procedure”, ha dichiarato Stefano Rossetti, avvocato specializzato in privacy di Noyb.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Donald Trump condannato per tutti i 34 capi d’accusa nel processo per il denaro sporco

Donald Trump è stato condannato per tutti i capi d'accusa nel processo per l'uso di denaro sporco. Foto: AFPUna giuria di New York ha...