venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaLilu King multato di 10.000 euro per un alterco con la polizia,...

Lilu King multato di 10.000 euro per un alterco con la polizia, mantiene la libertà

Mohamed Elmushraty. Foto: Instagram

Il sospettato di traffico di droga Mohamed Ali Ahmed Elmushraty, meglio conosciuto come Lilu King, è stato condannato a pagare 10.000 euro, senza però perdere la libertà personale, avendo ammesso di aver avuto una lite di prima mattina con la polizia durante un incontro di boxe a Ta’ Qali.

L’accusa ha dichiarato alla corte lunedì che il 1° giugno, intorno alle 12.15, è scoppiato un tumulto durante l’evento di boxe, quando un promotore voleva che Lilu se ne andasse.

Elmushraty stava facendo da allenatore a uno dei suoi partner.

Quando la polizia si è avvicinata all’uomo, ha impiegato circa mezz’ora per convincerlo a lasciare l’impianto.

Mentre gli agenti lo scortavano fuori, Elmushraty ha iniziato a insultare i poliziotti.

Tuttavia, non è stato arrestato sul posto.

Il giorno successivo, il 2 giugno alle 6.37, la polizia si è presentata alla residenza di Elmushraty, munita di un mandato d’arresto e di una documentazione sui diritti.

È stato scortato per l’interrogatorio, collaborando per tutto il tempo e scusandosi per il suo comportamento.

Lunedì mattina è stato condotto in tribunale, con l’accusa di aver violato due serie di condizioni di libertà vigilata commettendo un reato mentre era fuori su cauzione, di aver insultato e minacciato i quattro agenti di polizia presenti all’evento, di essersi rifiutato di obbedire ai loro legittimi ordini e di aver violato intenzionalmente la pace pubblica.

Ha presentato un’ammissione.

I suoi avvocati, Franco Debono e Jose Herrera, hanno spiegato che l’imputato non aveva violato il coprifuoco su cauzione al momento dell’incidente, poiché aveva ottenuto un’unica proroga dal tribunale fino alle 2.30 del mattino.

Inoltre, ha collaborato pienamente con gli investigatori, si è dichiarato dispiaciuto e ha chiesto scusa per l’incidente, quindi ha presentato una dichiarazione di colpevolezza alla prima occasione possibile.

I recenti emendamenti apportati alla legge, un tempo draconiana, hanno fatto sì che in tali circostanze la revoca della libertà vigilata e il nuovo arresto non fossero più obbligatori.

Inoltre, la legge permetteva alla corte di determinare a discrezione l’importo della cauzione da confiscare, ha sottolineato Debono nel presentare le sue argomentazioni sulla punizione.

L’accusa non ha insistito per un nuovo arresto.

Poiché l’imputato rischiava di perdere parte della libertà vigilata, la corte avrebbe dovuto prendere in considerazione una multa minima, ha sostenuto Herrera.

L’accusa, tuttavia, non è stata d’accordo e ha chiesto una multa tendente al massimo, in una scala compresa tra 800 e 4.000 euro.

Il sovrintendente Joseph Busuttil, che supervisiona l’accusa, ha suggerito una sospensione della pena per garantire che incidenti simili non si ripetano.

Dopo le dovute considerazioni, la corte, presieduta dal magistrato Kevan Azzopardi, ha dichiarato Elmushraty colpevole per sua stessa ammissione e lo ha multato di 4.000 euro.

Il tribunale ha inoltre ordinato la confisca di altri 6.000 euro.

La somma totale di 10.000 euro dovrà essere pagata entro sei mesi.

“Non perdere la testa se vuoi partecipare a eventi sportivi”

“Deve controllare l’adrenalina che c’è in lei se intende continuare a fare l’allenatore o a partecipare a questi eventi”, ha avvertito il magistrato, osservando che un allenatore ha “tanta adrenalina quanto un giocatore”.

E poiché i livelli di adrenalina sono elevati in questi eventi sportivi, Elmushraty deve “imparare a controllarsi”, ha avvertito il magistrato, osservando che l’incidente avrebbe potuto avere conseguenze molto più gravi.

“Mi dispiace. Non era mia intenzione”, ha dichiarato Elmushraty, che ha annuito in segno di comprensione, sovrastando i suoi avvocati mentre si trovava sul banco degli imputati.

“Oggi avresti potuto perdere la libertà vigilata. Non perda la testa se ha intenzione di partecipare a questi eventi sportivi”, ha aggiunto il magistrato.

Gli ispettori Francesca Calleja e Joseph Mallia hanno svolto l’azione penale.

Gli avvocati Franco Debono, Jose Herrera e Adreana Zammit erano i difensori.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE