giovedì, Novembre 30, 2023
HomeBusinessTecnologiaProgetto Agrihub rivoluziona il settore agricolo attraverso l'innovazione e la ricerca

Progetto Agrihub rivoluziona il settore agricolo attraverso l’innovazione e la ricerca

Il progetto Agrihub all’interno della Direzione Agricoltura è stato lanciato nel 2020. Questo progetto ha attraversato con successo diverse fasi, emergendo come pioniere locale nell’avanzamento dell’innovazione nel settore agricolo. Guidato da un impegno nella ricerca e nello sviluppo, Agrihub ha raggiunto traguardi significativi nella ricerca di un paesaggio agricolo più sostenibile e resiliente.

Le basi del progetto sono costituite da uno studio approfondito, che comprende l’analisi della letteratura sui parassiti regionali e locali, avvalendosi dell’esperienza tecnica dei partner del progetto Ciheam Bari e MCAST. Questo studio è servito da bussola, identificando i punti chiave e gettando le basi per una strategia di lotta ai parassiti con potenziali effetti devastanti sulle principali colture locali.

Oltre a condurre uno studio trasversale sull’agricoltura maltese, Agrihub ha coinvolto 400 agricoltori in un’indagine approfondita, raccogliendo dati preziosi sulle pratiche colturali e sulle esperienze dirette con i parassiti. Questa ricerca approfondita ha identificato i cinque principali parassiti che sono diventati i punti focali del progetto, offrendo approfondimenti cruciali non solo per il monitoraggio dei parassiti, ma anche per lo sviluppo di linee guida per la gestione integrata dei parassiti.

Uno degli elementi cardine di Agrihub è stata la creazione di una rete di stazioni di monitoraggio dotate di funzionalità di AI e di apprendimento automatico. Oltre 30 trappole sono state posizionate strategicamente in tutta l’isola, con l’aiuto di un invito a manifestare interesse, incoraggiando la partecipazione attiva degli agricoltori attraverso una compensazione economica.

L’approccio collaborativo del progetto prevedeva l’utilizzo da parte del CIHEAM del telerilevamento e delle immagini satellitari per identificare aree omogenee di produzione agricola, che rappresentano un’influenza nota per le dinamiche di popolazione dei parassiti. Inoltre, sono stati contattati agricoltori specifici per la partecipazione attraverso l’uso del sistema IACS. Questo ha garantito una diffusione uniforme della rete di monitoraggio nelle isole.

Con un notevole effetto palla di neve, la partecipazione attiva degli agricoltori è aumentata nel tempo, con i partecipanti che hanno incoraggiato i loro colleghi ad aderire a questa iniziativa.

Oltre a monitorare le dinamiche attuali dei parassiti, Agrihub ha puntato a prevedere e a predire le popolazioni future di parassiti. Ciò ha portato allo sviluppo di Modelli di Previsione dei Parassiti, algoritmi che prevedono le reazioni dei parassiti alle condizioni meteorologiche registrate. Grazie all’esperienza del CIHEAM di Bari e alla vasta letteratura, sono stati creati modelli per quattro dei cinque principali parassiti identificati.

La piattaforma di modelli di previsione dei parassiti basata sul web si rivolge ai servizi di consulenza agricola della Direzione (Agriconnect), consentendo loro di interpretare i risultati e di elaborare piani di gestione dei parassiti in linea con le linee guida di gestione integrata dei parassiti emesse dalla Direzione attraverso Agrihub.

Questo sistema permetterà presto ai consulenti di Agriconnect di guidare gli agricoltori sulle strategie ottimali di protezione delle colture, riducendo al minimo l’uso eccessivo di pesticidi.

Dall’istituzione di un Centro Nazionale per la Ricerca e l’Innovazione in Agricoltura all’adozione di misure innovative nel campo della Ricerca e della Tecnologia, Agrihub è in prima linea, aprendo la strada al futuro del piccolo ma dinamico settore agricolo di Malta.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Borg chiede di rivitalizzare l’OSCE, mentre Malta si prepara ad assumerne la presidenza

Il Ministro degli Esteri Ian Borg ha invitato giovedì gli Stati membri dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) a rivitalizzare...