Mercati azionari oggi: timori per gli Stati Uniti

Le più grandi banche del mondo sono state colpite oggi in borsa dai segnali di difficoltà di un istituto di credito regionale statunitense, che hanno scatenato preoccupazioni per l’intero settore.

Ieri le quattro maggiori banche statunitensi hanno perso ben 52 miliardi di dollari di valore di mercato dopo che le azioni di SVB Financial, un importante finanziatore dell’industria tecnologica, sono crollate del 60%.

La Deutsche Bank è stata tra le maggiori perdenti di oggi, con le sue azioni che sono scese di quasi il 10% dopo l’apertura del mercato azionario di Francoforte, per poi riprendersi un po’ più tardi e scendere di circa il 7%.

A Londra, Barclays, Lloyds e NatWest hanno perso fino al cinque per cento prima di ridurre le perdite.

La francese Societe Generale è scesa di oltre il cinque per cento, mentre BNP Paribas è scesa di oltre il tre per cento. Le svizzere UBS e Credit Suisse sono scese di oltre il quattro per cento.

Il Mitsubishi UFJ Financial Group, quotato a Tokyo, ha ceduto oltre il sei per cento, mentre la HSBC ha perso circa il tre per cento a Hong Kong e la National Australia Bank a Sydney.

SVB Financial ha spaventato i mercati dopo aver annunciato un’offerta azionaria per raccogliere la liquidità necessaria a fronte del calo dei depositi.

Ha rivelato di aver perso 1,8 miliardi di dollari in seguito alle vendite, sollevando il timore che altre banche possano trovarsi ad affrontare problemi simili.

L’amministratore delegato della SVB, Greg Becker, ha cercato di rassicurare i clienti sulla salute finanziaria della banca ieri, come ha riferito il Wall Street Journal, citando persone a conoscenza della questione. Secondo il giornale, Becker ha invitato i clienti a non ritirare i loro depositi dalla banca e a non diffondere paura o panico sulla sua situazione.

Gli investitori temono che altre banche possano subire perdite simili, dato che i loro portafogli obbligazionari sono stati colpiti dall’aumento dei tassi di interesse, dicono gli analisti.

Le banche centrali di tutto il mondo hanno aumentato i tassi di interesse nel tentativo di domare un’inflazione elevata da decenni.

L’aumento dei tassi ha danneggiato il valore delle obbligazioni con rendimenti più bassi che gli istituti di credito detenevano prima che le banche centrali lanciassero le loro campagne di rialzo dei tassi lo scorso anno.

Le banche rischiano ora di subire perdite se decidono di vendere questi asset per coprire il calo dei depositi.

“In teoria, l’aumento dei tassi d’interesse sarebbe stato un vantaggio per il settore bancario, in quanto avrebbe aumentato il loro reddito netto da interessi, poiché avrebbero iniziato a guadagnare sui depositi, ancora una volta”, ha detto Ipek Ozkardeskaya, analista della banca Swissquote. “Ma il problema è che i tassi di interesse sono aumentati troppo velocemente”, ha aggiunto.

In un altro colpo, il gigante delle banche di criptovalute Silvergate ha dichiarato di voler chiudere, mentre il settore si trova ad affrontare ulteriori turbolenze.

I mercati azionari erano già in fibrillazione questa settimana dopo che il capo della Federal Reserve statunitense Jerome Powell ha avvertito che potrebbe essere necessario un ritmo più rapido di rialzi per combattere l’inflazione.

La Fed terrà la prossima riunione politica il 21-22 marzo, ma i mercati attendono con ansia i dati sull’occupazione negli Stati Uniti, previsti per oggi, per avere indizi su come i banchieri centrali statunitensi potrebbero agire.

Gli investitori temono che la Fed possa far precipitare l’economia in una recessione se i suoi tassi saranno troppo alti e mantenuti troppo a lungo.

Le azioni della più grande banca statunitense, JPMorgan Chase, hanno chiuso la giornata di giovedì in calo del 5,4%.

Bank of America e Wells Fargo sono scese entrambe del 6,2%, mentre Citigroup è scesa del 4,1%.

“Non è azzardato dire che questo episodio è emblematico del regime di tassi più alti e più a lungo che sembra essere all’inizio”, hanno detto gli analisti della Deutsche Bank in una nota. “Dovremo vedere come si svilupperà questa storia, ma qualcosa si rompe sempre durante o dopo un ciclo di rialzo della Fed”, hanno aggiunto. “Si tratta di un’altra piccola oscillazione su questo fronte o dell’inizio di qualcosa di più grande? È difficile dirlo, ma sarei stupito se non ci fossero molte altre vittime di questo ciclo di boom-and-bust”.