martedì, Aprile 23, 2024
HomeBusinessDiminuisce l'appetito per le azioni locali

Diminuisce l’appetito per le azioni locali

Le società quotate alla Borsa di Malta devono tenere periodicamente aggiornati gli azionisti sugli sviluppi che li riguardano. Foto: Shutterstock.com

Non posso che essere d’accordo con le ragioni della mancanza di appetito per le azioni quotate alla Borża ta’ Malta (Very weak activity on the Borża – February 22).

Come ha spiegato l’esperto, le ragioni sono molteplici. Tuttavia, la principale è la mancanza di informazioni messe a disposizione degli azionisti da alcuni emittenti locali di azioni al pubblico. Rizzo è da sempre un sostenitore della necessità che le società tengano periodicamente aggiornati gli azionisti sugli sviluppi, soprattutto quando è più probabile che questi influenzino le sorti dell’azienda.

Segnalo tre casi in cui le azioni di una società hanno registrato movimenti di prezzo molto ampi nell’ultimo anno o giù di lì, e ritengo che non siano state fornite agli azionisti informazioni sufficienti o tempestive su sviluppi importanti.

IHI ha impiegato molto tempo per venire a conoscenza del fatto che il tanto sbandierato potenziale investimento da parte del Fondo d’investimento del Qatar annunciato nell’aprile 2022 (a seguito del quale il prezzo delle azioni è balzato da 60 centesimi di euro a 80,5 centesimi in un solo giorno ( 34%). Solo col tempo, dopo che il prezzo dell’azione è sceso gradualmente a circa 50 centesimi, la società ha sentito il bisogno di informare gli azionisti che l’investimento del Qatar era uscito dal radar. Il prezzo attuale è ancora più basso, 46,2 centesimi (-42,6% rispetto al picco).

Gli azionisti di RS2 sono stati informati meglio delle possibili nubi oscure in arrivo, ma anche in questo caso la comunicazione non è stata sufficiente

Nel caso di RS2, gli azionisti sono stati informati meglio delle possibili nubi oscure che si prospettavano, ma anche in questo caso le comunicazioni non sono state sufficienti, poiché solo dopo che il prezzo dell’azione era sceso del -23,1% alla fine del 2022 (pochi giorni prima addirittura del -38,6%), è stata rilasciata una dichiarazione intermedia degli amministratori il 20 gennaio 2023. Ulteriori informazioni sul difficile contesto in cui si trova la società sono state fornite in occasione dell’assemblea generale dello scorso maggio, quando il prezzo delle azioni ordinarie e privilegiate era ulteriormente sceso. Nel caso delle prime, il prezzo è sceso piuttosto rapidamente da 1,35 euro nel giugno scorso a circa 1 euro (-26%), mentre il prezzo attuale è di 1,17 euro. Il prezzo delle azioni privilegiate è sceso meno bruscamente da 1,50 euro nel novembre 2023 a 1,29 euro (-7,3%). Non sono ancora state fornite ulteriori informazioni sulle “discussioni in corso su potenziali progetti di grandi dimensioni” riferite dalla società lo scorso giugno.

BMIT, una controllata di GO, è un altro caso. Le azioni sono state emesse al prezzo di 49 centesimi nel novembre 2028 e sono rapidamente salite al di sopra di tale livello, mantenendo un prezzo medio superiore al prezzo di emissione fino alla metà del 2022. Un anno fa, commentando i risultati del 2022, l’amministratore delegato aveva osservato che il 2023 sarebbe stato un anno di trasformazione, in quanto l’azienda si stava espandendo da fornitore di soluzioni infrastrutturali a consulente e consulente tecnologico completo.

Successivamente, in occasione dell’assemblea generale straordinaria dello scorso settembre, gli azionisti hanno votato a favore di una risoluzione che prevedeva l’acquisizione dalla casa madre di alcuni asset (diritti passivi di torre) che sarebbero stati mantenuti e riaffittati alla casa madre a condizioni vantaggiose per un periodo di 30 anni. Finora, questo non ha avuto un impatto positivo sul prezzo dell’azione, che è sceso da circa 41 centesimi ai 38 centesimi attuali (-7,3%), ma ancora ben al di sotto del prezzo di emissione originale. Certo, in questo caso la società ha sempre pagato un buon dividendo.

Tuttavia, gli azionisti gradirebbero un aggiornamento, soprattutto per quanto riguarda la sostenibilità dei futuri pagamenti dei dividendi. Tanto più che GO, in qualità di azionista di maggioranza, si è impegnato ad acquisire ulteriori azioni in qualsiasi emissione di azioni offerta da BMIT nei prossimi anni fino a 15 milioni di euro.

Nel corso degli anni ho costruito un portafoglio di obbligazioni e azioni locali per aumentare il mio reddito da pensione, ma devo ammettere che – per le ragioni citate da Rizzo – il mio appetito per le azioni locali è diminuito. Concludo citando Rizzo: “È necessaria una scossa su vari fronti per far uscire il mercato dei capitali maltese dalla sua situazione disastrosa”.

Nota – Le quotazioni attuali si riferiscono al 23 febbraio.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – 23 aprile 2024

I giornali di Malta.Di seguito sono riportate le notizie più importanti apparse sui giornali di Malta martedì. IlTimes of Malta riferisce che la polizia che...