Connect with us

Business

Boeing confessa frode per i disastri del 737 MAX: 346 morti

Published

on

Accordo shock con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti

Boeing ha raggiunto un accordo con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti riguardo ai due fatali incidenti del 737 MAX. I documenti del tribunale mostrano che il colosso dell’aviazione si dichiarerà colpevole di frode.

L’accordo arriva dopo che i procuratori hanno concluso che Boeing ha violato un precedente accordo relativo ai disastri che hanno causato la morte di 346 persone in Etiopia e Indonesia oltre cinque anni fa.

Boeing ha raggiunto un accordo di principio con il Dipartimento di Giustizia“, ha dichiarato Boeing in un comunicato.

Le famiglie delle vittime si sono opposte immediatamente all’accordo, sostenendo che “concede a Boeing trattamenti che altri imputati criminali non riceverebbero mai.”

I documenti del tribunale depositati in Texas domenica indicano che l’azienda si dichiarerà colpevole di “cospirazione per frodare gli Stati Uniti” durante la certificazione degli aerei MAX.

L’accordo evita un processo penale per Boeing, che accetta invece una serie di condizioni, tra cui una multa di 243,6 milioni di dollari (225 milioni di euro) oltre alla stessa somma già pagata.

Advertisement

L’azienda dovrà anche investire almeno 455 milioni di dollari (420 milioni di euro) in “programmi di conformità e sicurezza”. Questi cambiamenti saranno supervisionati da un monitor indipendente nominato dal governo per un periodo di tre anni.

Nadia Milleron, whose daughter Samya Stuno died in the Boeing 737 MAX crash in Ethiopia on March 10, 2019, speaks during a memorial protest in front of Boeing offices in Arlington, Virginia, on March 10, 2023. Photo: AFP

Il consiglio di amministrazione di Boeing sarà inoltre tenuto a incontrare le famiglie delle vittime degli incidenti.

Le famiglie delle vittime chiederanno al tribunale di respingere l’accordo durante una prossima udienza.

L’accordo di patteggiamento generoso si basa su premesse ingannevoli e offensive“, ha dichiarato l’obiezione presentata dal loro team legale domenica.

L’accordo originale del 2021 richiedeva a Boeing di pagare 2,5 miliardi di dollari (2,3 miliardi di euro) in multe e risarcimenti in cambio dell’immunità dalla prosecuzione penale.

Ma a gennaio, Boeing è stata nuovamente sotto pressione quando un 737 MAX della Alaska Airlines è stato costretto a un atterraggio d’emergenza dopo che un pannello della fusoliera si è staccato in volo.

I rappresentanti del DoJ hanno informato le famiglie a fine giugno sull’accordo proposto, e Boeing aveva tempo fino al 5 luglio per accettare l’offerta o affrontare il processo.

Advertisement