Connect with us

World

USA: Commissione vota le accuse penali per Trump

Published

on

La commissione della Camera per gli eventi del 6 gennaio 2021 ha votato per deferire al Dipartimento di Giustizia l’ex presidente Trump e l’avvocato John Eastman per il loro presunto ruolo nell’attacco a Capitol Hill.

“L’intero scopo e l’ovvio effetto del piano di Trump erano di ostacolare, influenzare e impedire questo procedimento ufficiale, il momento centrale per il legittimo trasferimento del potere negli Stati Uniti” Jamie Raskin, membro della commissione

La commissione ha presentato quattro denunce penali per Trump: Ostruzione di un procedimento ufficiale, cospirazione per frodare gli Stati Uniti, cospirazione per fare una falsa dichiarazione e “incitare“, “assistere” o “aiutare e confortare” un’insurrezione

I rinvii da parte del Congresso tuttavia sono solo raccomandazioni e il Dipartimento di Giustizia non ha l’obbligo di incriminare chi viene rinviato a giudizio. I rinvii della commissione potrebbero comunque aumentare la pressione politica sul dipartimento per agire, e i legislatori potrebbero svelare nuove prove nel loro rapporto finale a cui i procuratori federali non hanno ancora avuto accesso.

Attacco a Capitol Hill, Washington, Stati Uniti, 06/01/2023. Credits: Council on Foreign Relations

La commissione ha anche raccomandato quattro membri repubblicani del Congresso alla commissione etica della Camera per essere puniti per non aver rispettato i mandati di comparizione della commissione. I quattro sono: Kevin McCarthy, Andy Biggs, Jim Jordan e Scott Perry. Con la nuova maggioranza del GOP, McCarthy si candida a diventare il prossimo speaker e Biggs intende sfidarlo.

Il presidente della commissione, Bennie Thompson, ha sottolineato l’importanza della “responsabilità” per Trump e i suoi alleati. “Una responsabilità che si può trovare solo nel sistema giudiziario penale”, ha detto Thompson.

“Abbiamo piena fiducia che il lavoro di questa commissione contribuirà a fornire una tabella di marcia verso la giustizia e che le agenzie e le istituzioni responsabili di garantire la giustizia secondo la legge utilizzeranno le informazioni che abbiamo fornito per aiutare il loro lavoro. E per coloro che hanno seguito il lavoro di questo Comitato, spero che abbiamo contribuito a chiarire che esiste un tipo di responsabilità più ampio. Responsabilità verso tutti voi: il popolo americano”.Bennie Thompson, presidente della commissione

I lavori segnano il culmine di un’indagine durata quasi 18 mesi sull’attacco al Campidoglio, che ha visto la testimonianza di decine di testimoni e una serie di udienze di alto profilo che hanno esaminato l’assalto e il ruolo di Trump nell’incitare i suoi sostenitori a prendere d’assalto la sede del Congresso americano.

Trump ha sostenuto di non aver fatto nulla di male il 6 gennaio e che l’indagine da parte di quello che lui chiama il “Comitato non selezionato di hacker politici” è una “caccia alle streghe“. Dopo l’udienza, ha scritto su Truth Social che “queste persone non capiscono che quando mi danno la caccia, le persone che amano la libertà si stringono intorno a me”. Ha continuato dicendo che “questo mi rafforza” e “ciò che non mi uccide mi rende più forte”. 

Advertisement