venerdì, Maggio 31, 2024
HomeBusinessEconomiaTempesta nel Baltico per i piani di gas della Germania

Tempesta nel Baltico per i piani di gas della Germania

Melanie Schmid coltiva noci e alleva pecore nella sua fattoria biologica sul bordo della scogliera sopra il porto di Mukran, sull’isola tedesca di Ruegen, nel Mar Baltico.

La vista sulla baia fino alla città turistica di Binz l’ha portata qui, ma il piano della Germania di parcheggiare due navi al porto per l’importazione di gas naturale liquefatto potrebbe allontanarla dal popolare luogo di bellezza.

Per sostituire le mancate forniture russe, il governo tedesco sta installando freneticamente terminali di GNL lungo la costa. Negli ultimi mesi, Berlino ne ha inaugurati diversi in pompa magna e sta progettando il prossimo a Mukran.

Berlino vede il nuovo terminale come un’assicurazione contro il rischio di una potenziale carenza di gas, ma i residenti non sono convinti.

A causa del rumore delle macchine che ritrasformano il GNL in gas, la 59enne Schmid dice di temere che “semplicemente non sarà più in grado di dormire qui”.

L’inquinamento acustico è tuttavia solo una delle preoccupazioni dell’agricoltore biologico, che ha aderito a una campagna per fermare il progetto che riunisce gruppi ambientalisti e politici locali preoccupati per gli effetti sulla salute e sulla prosperità della destinazione.

“Non ci sono altre località sulla costa baltica o sul Mare del Nord che avrebbero un impatto minore sulla natura, sulle persone, sul turismo come l’isola di Ruegen?” Ha dichiarato all’AFP il sindaco di Binz, Karsten Schneider.

– ‘Cuscinetto di sicurezza’ – Accatastati accanto al porto, i tubi che collegherebbero Mukran alla rete del gas sono avanzi della costruzione di Nord Stream 2. Il controverso gasdotto, che collegava Mukran alla rete del gas, è stato costruito in un’unica soluzione.

Il controverso gasdotto, che avrebbe dovuto trasferire il gas dalla Russia alla Germania, è stato misteriosamente sabotato l’anno scorso prima di essere messo in funzione.

L’approvazione del collegamento energetico è stata bloccata da Berlino in mezzo alle tensioni per l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, mentre Mosca ha lentamente ridotto le forniture di gas all’Europa, facendo precipitare il continente in una crisi energetica.

Per compensare il calo delle forniture russe, la Germania ha rapidamente iniziato a sviluppare la capacità di importare GNL.

Terminali galleggianti sostenuti dal governo sono già in funzione nei porti del Mare del Nord e del Mar Baltico, con un totale di cinque in programma, tra cui quello di Mukran.

Secondo il Ministero dell’Economia, la drastica espansione è un necessario “cuscinetto di sicurezza” e una salvaguardia contro il rischio di cali delle importazioni “dovuti a incidenti, sabotaggi o altri eventi esogeni”.

Per placare i residenti, il ministro dell’Economia Robert Habeck si è recato a maggio a Ruegen per una discussione, in seguito alla quale ha accettato di quasi dimezzare la capacità del terminal del sito.

Se si vuole che il GNL arrivi via Ruegen in inverno, è necessario prendere una decisione rapida sul sito, ha scritto Habeck in una lettera inviata a maggio al ministro dell’Economia della regione dopo la visita.

Ma dopo che all’inizio di quest’anno la Germania ha evitato lo scenario peggiore di scarsità, gli abitanti del luogo si chiedono se l’impianto di Mukran sia davvero necessario.

“Sembra proprio che supereremo il prossimo inverno senza grossi problemi”, afferma il sindaco di Binz, Schneider.

Sfida locale – Le argomentazioni del governo non hanno convinto i cittadini, che continuano a opporre resistenza. I residenti hanno presentato una petizione al Parlamento, mentre il governo locale ha presentato un’ingiunzione contro l’approvazione accelerata del terminal.

Le argomentazioni a favore della capacità in eccesso sono “incomprensibili e per nulla accettabili”, afferma Thomas Kunstmann, 64 anni, uno degli organizzatori della campagna locale “Liveable Ruegen”.

Gli oppositori del terminal previsto sono preoccupati per l’impatto ambientale della costruzione di nuove infrastrutture per il gas.

“La maggior parte di noi è contraria al GNL perché è un combustibile fossile dannoso per il clima”, afferma Kunstmann.

Anche le preoccupazioni per la natura sono numerose. Secondo Kunstmann, un nuovo gasdotto intorno all’isola potrebbe anche disturbare la fauna selvatica, attraversando le zone di riproduzione delle aringhe.

“Un porto industriale semplicemente non è adatto a questo luogo”

La ricchezza naturale dell’area è il motivo per cui Binz attrae così tanti turisti. L’aumento del traffico marittimo e del rumore “non è in linea con le ragioni per cui la gente viene qui in vacanza”, afferma il direttore turistico della località, Kai Gardeja.

Le navi per l’importazione di gas sono già ancorate al largo della costa e in vista della spiaggia.

La vista del nuovo terminal dall’altra parte della baia potrebbe “spaventare alcuni turisti”, dice Kai Birkholz, 25 anni, di Mannheim, mentre passeggia sul molo di Binz.

Altri visitatori sono meno preoccupati. Il pensionato Manfred Steiner, 88 anni, dice che tornerà. “Qui è semplicemente fantastico”

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Donald Trump condannato per tutti i 34 capi d’accusa nel processo per il denaro sporco

Donald Trump è stato condannato per tutti i capi d'accusa nel processo per l'uso di denaro sporco. Foto: AFPUna giuria di New York ha...