giovedì, Aprile 18, 2024
HomeWorldPutin: la Russia lotta per le sue "terre storiche"

Putin: la Russia lotta per le sue “terre storiche”

Il Presidente Vladimir Putin ha dichiarato oggi che la Russia sta combattendo per le sue terre “storiche” in Ucraina, intervenendo ad una manifestazione patriottica, a Mosca, organizzata dallo Stato.

“Ho appena saputo dai vertici militari del Paese che è in corso una battaglia per le nostre terre storiche, per il nostro popolo“, ha detto Putin.

In un breve discorso alle decine di migliaia di persone riunite nello stadio Luzhniki di Mosca, Putin ha anche elogiato i militari russi in Ucraina che “stanno combattendo in modo eroico, coraggioso, valoroso: siamo orgogliosi di loro”.

Il pubblico, che sventolava bandiere russe, ha sfidato le fredde temperature invernali di -15 gradi Celsius, per assistere a spettacoli e discorsi patriottici.

Hanno assistito al concertoGloria ai difensori della patria“, tenutosi alla vigilia dell’omonima festività russa e due giorni prima dell’anniversario dell’offensiva ucraina.

La rockstar Grigory Leps ha aperto lo spettacolo con una canzone in onore della Russia, con le immagini della statua “La patria chiama” nella città meridionale di Volgograd visualizzate sugli schermi intorno allo stadio.

Gli organizzatori hanno portato sul palco i bambini del Donbas ucraino, compresi quelli della città portuale di Mariupol, devastata da un lungo assedio prima che la Russia la conquistasse.

L’Ucraina ha accusato la Russia di aver rapito migliaia di bambini ucraini dai territori che controlla, cosa che Mosca ha negato, sostenendo di star organizzando adozioni legali.

Allo stadio erano presenti anche funzionari delle regioni ucraine che Mosca sostiene di aver annesso e che hanno parlato ai media statali russi.

“L’Occidente è complice dei crimini di guerra (ucraini)” ha dichiarato Denis Pushilin, il leader della regione di Donetsk, nominato dal Cremlino. Ha ribadito le affermazioni di Mosca sull'”ideologia nazista” che governa il governo ucraino.

Putin ha affermato che il trattamento riservato ai russofoni nel Paese è paragonabile alle azioni della Germania nazista quando vi ha lanciato la sua operazione militare speciale.

Ha dato la colpa dell’escalation del conflitto ucraino alle capitali occidentali, che hanno sostenuto Kyiv finanziariamente e militarmente.

Dopo aver affrontato una serie di umilianti sconfitte sul campo di battaglia, il Cremlino ha iniziato a caratterizzare la sua offensiva come un conflitto più ampio contro l’Occidente, l’equivalente della “Grande Guerra Patriottica” contro la Germania nazista.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE