mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeWorldPakistan: arresto dell'ex premier Khan, schierato l'esercito per sedare le rivolte

Pakistan: arresto dell’ex premier Khan, schierato l’esercito per sedare le rivolte

La polizia arresta un attivista del partito Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI) e sostenitore dell’ex primo ministro pakistano Imran Khan.

Giovedì le truppe sono state dispiegate nella capitale del Pakistan dopo che l’arresto dell’ex primo ministro Imran Khan ha scatenato due giorni di violente proteste da parte dei suoi sostenitori.

Khan è stato messo in custodia cautelare per otto giorni con l’accusa di corruzione mercoledì, al culmine di una rara campagna di sfida contro i potenti militari.

L’arresto di Khan ha fatto infuriare i sostenitori del suo partito Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI), che si sono scontrati con le forze di sicurezza in diverse città e hanno marciato fino al quartier generale dell’esercito.

I sostenitori di Khan accusano i militari di aver orchestrato la sua estromissione nell’aprile dello scorso anno. L’esercito nega ogni coinvolgimento.

Se pensano che l’arresto di Imran Khan ci demoralizzi, si sbagliano di grosso“, ha dichiarato il manifestante Niaz Ali mercoledì a Peshawar, dove sono stati incendiati diversi monumenti ed edifici governativi.

Siamo al fianco di Imran Khan e lo sosterremo fino alla morte“.

Almeno sette funzionari della leadership centrale del PTI sono stati arrestati e detenuti con l’accusa di aver orchestrato le proteste, ha dichiarato giovedì la polizia di Islamabad.

Mercoledì il governo ha approvato il dispiegamento dell’esercito in due province – tra cui il Punjab, la più popolosa – e nella capitale per ristabilire la pace.

La polizia di Islamabad ha dichiarato che le truppe sono già entrate nella “zona rossa” della capitale, dove si trovano gli edifici governativi.

Le forze di sicurezza hanno sparato gas lacrimogeni per disperdere i sostenitori del PTI in diverse città, tra cui la grande città portuale di Karachi.

La polizia e gli ospedali hanno riferito che almeno sei persone sono morte in incidenti legati alla protesta.

Centinaia di agenti di polizia sono stati feriti in tutto il Pakistan, mentre nella provincia del Punjab sono state arrestate più di 1.000 persone.

Il ministero degli Interni ha ordinato il taglio dei servizi di internet mobile e ha limitato l’accesso ai siti di social media Twitter, Facebook e YouTube, ha dichiarato l’agenzia pakistana per le comunicazioni.

Le autorità hanno anche ordinato la chiusura delle scuole in tutto il Paese e la cancellazione degli esami di fine anno.

Mercoledì Khan è comparso davanti a un tribunale speciale per i reati di frode, che lo ha rinviato a giudizio per otto giorni in seguito a una richiesta della massima agenzia anticorruzione del Pakistan, ha dichiarato all’AFP Ali Bukhari, uno dei suoi avvocati.

– Estrema moderazione

Gli eventi hanno segnato una drammatica escalation in una crisi politica che si trascina da mesi, durante i quali Khan ha condotto una campagna senza precedenti contro i militari, contando su un sostegno quasi fanatico.

I politici pakistani sono stati spesso arrestati e incarcerati sin dalla fondazione del Paese nel 1947.

Ma pochi hanno sfidato così direttamente un esercito che ha organizzato almeno tre colpi di stato e governato per più di tre decenni.

Khan, ex superstar del cricket, rimane molto popolare e ha dichiarato che le decine di cause intentate contro di lui dopo la sua estromissione fanno parte di uno sforzo del governo in difficoltà e dell’esercito per impedirgli di tornare al potere.

Le critiche all’establishment militare sono rare in Pakistan, dove i capi dell’esercito hanno un’influenza significativa sulla politica interna e sulla politica estera, e le scene di questa settimana erano un tempo considerate inconcepibili.

L’arresto di Khan è avvenuto poche ore dopo che l’esercito lo aveva rimproverato per aver affermato che un alto ufficiale era coinvolto in un complotto per assassinarlo. L’esercito ha negato l’accusa.

Mercoledì le forze armate hanno rilasciato una dichiarazione forte, affermando che stavano esercitando “estrema moderazione“.

Nella sua brama di potere, questo gruppo ha fatto ciò che gli eterni nemici del Paese non hanno potuto fare per 75 anni“, si legge nel comunicato.

Ha avvertito di una “severa reazione” a qualsiasi ulteriore attacco alle strutture statali e militari, e che la responsabilità di ciò ricadrà su “un gruppo che ha aspettato di essere ucciso“.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Privilegiare la legge sulla rinuncia alla donazione di organi, dice il PN al governo

bisogna trovarsi in quella situazione (attesa di un trapianto di organi) per capire l'importanza della legge", ha detto Ivan Bartolo. Foto: ShutterstockIl Partito Nazionalista...