L’India nega il coinvolgimento nell’uccisione del leader sikh in Canada

Martedì l’India ha respinto l’accusa “assurda” secondo cui ci sarebbero suoi agenti dietro l’uccisione di un leader sikh in Canada, dopo che le accuse bomba del Primo Ministro Justin Trudeau hanno portato le già aspre relazioni diplomatiche a un nuovo punto morto.

Ottawa ha anche espulso un diplomatico descritto come il capo dei servizi segreti indiani in Canada, provocando l’ordine di Nuova Delhi di lasciare un diplomatico canadese.

Lunedì Trudeau ha dichiarato che “accuse credibili” collegano agenti indiani all’uccisione di Hardeep Singh Nijjar, accusato da Nuova Delhi di aver compiuto attacchi terroristici in India, accusa che ha negato prima della sua morte.

Nuova Delhi ha ribadito di non avere nulla a che fare con l’omicidio, aggiungendo che il Primo Ministro Narendra Modi aveva “completamente respinto” l’accusa quando era stata sollevata privatamente da Trudeau.

“Le accuse di coinvolgimento del governo indiano in qualsiasi atto di violenza in Canada sono assurde”, ha dichiarato il ministero degli Esteri in un comunicato.

“Siamo una nazione democratica con un forte impegno per lo stato di diritto”

Nijjar, che l’India aveva dichiarato terrorista ricercato, è stato ucciso con un colpo di pistola il 18 giugno a Surrey, un sobborgo di Vancouver dove vive una grande comunità sikh.

Il Canada ha la più grande popolazione di Sikh al di fuori dell’India e Nuova Delhi è da tempo insoddisfatta della gestione canadese degli attivisti separatisti Sikh.

Nijjar faceva parte di un movimento che sosteneva la creazione di uno Stato Sikh indipendente da ricavare da una parte dell’India settentrionale e forse da una parte del Pakistan.

Da tempo l’India sostiene che Nijjar sia coinvolto in violenti attacchi sul suo territorio, tra cui un attentato del 2007 che ha ucciso sei persone nella città di Ludhiana.

Trudeau ha reso pubblica l’accusa davanti a una sessione d’emergenza del Parlamento, chiedendo con “la massima fermezza” al governo indiano di collaborare per chiarire la questione.

“Il coinvolgimento di un governo straniero nell’omicidio di un cittadino canadese in territorio canadese è una violazione inaccettabile della nostra sovranità”, ha dichiarato.

Il ministro degli Esteri Melanie Joly ha poi annunciato l’espulsione del capo locale del Research and Analysis Wing (RAW), l’agenzia di intelligence estera dell’India.

L’India ha risposto convocando martedì l’Alto Commissario canadese presso il Ministero degli Esteri, prima di annunciare l’espulsione reciproca di un alto diplomatico canadese non meglio specificato.

La decisione riflette la “crescente preoccupazione per l’interferenza dei diplomatici canadesi nelle nostre questioni interne e il loro coinvolgimento in attività anti-India”, ha dichiarato il ministero.

L’Alta Commissione canadese a Nuova Delhi ha rifiutato di commentare quando è stata contattata dall’AFP.

– Tensioni al G20

Le tensioni tra l’India e il Canada si sono fatte sentire a causa dell’omicidio irrisolto e dell’insoddisfazione indiana per il modo in cui Ottawa ha gestito i separatisti Sikh.

Jocelyn Coulon, ex consigliere di Trudeau e ora ricercatore indipendente, ha dichiarato che l’accusa del Canada avrebbe “l’effetto di una bomba in tutto il mondo”.

L’India si unirà “al gruppo di nazioni che assassinano gli oppositori politici” all’estero, proprio come l’Arabia Saudita ha orchestrato l’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi in Turchia nel 2018, ha detto Coulon.

Trudeau si è recato a Nuova Delhi la scorsa settimana per il vertice del G20 e ha incontrato privatamente il suo omologo indiano, ma la sua visita è stata una testimonianza dei legami tesi tra i loro Paesi.

Secondo un comunicato del governo indiano, durante l’incontro con Trudeau, Modi ha espresso “forti preoccupazioni per le continue attività anti-India di elementi estremisti in Canada”.

L’India si è spesso lamentata delle attività della diaspora sikh all’estero, in particolare in Canada, che secondo Nuova Delhi potrebbero far rinascere un movimento separatista sikh.

Lo Stato indiano del Punjab, che è composto per il 58% da Sikh e per il 39% da Hindu, è stato scosso da un violento movimento separatista negli anni ’80 e nei primi anni ’90, in cui sono morte migliaia di persone.

Il Canada ha anche recentemente sospeso i negoziati per un accordo di libero scambio con l’India.

Trudeau ha poi dichiarato ai media che il Canada difenderà sempre “la libertà di espressione, la libertà di coscienza e la libertà di protesta pacifica”, pur agendo contro l’odio.