martedì, Maggio 28, 2024
HomeWorldLa Corte Penale Internazionale ha emesso un mandato di arresto per Vladimir...

La Corte Penale Internazionale ha emesso un mandato di arresto per Vladimir Putin

La Corte Penale Internazionale ha annunciato di aver emesso un mandato di arresto contro il presidente russo Vladimir Putin per “deportazione illegale” di bambini ucraini.

La Corte penale internazionale con sede all’Aia ha dichiarato di aver emesso un mandato anche contro Maria Lvova-Belova, commissario presidenziale russo per i diritti dei bambini, con accuse simili.

La Russia non è membro della Corte e non è chiaro come questa intenda far rispettare il mandato.

“Oggi la Camera preliminare II della Corte Penale Internazionale ha emesso mandati di arresto per due persone nel contesto della situazione in Ucraina: Vladimir Vladimirovich Putin e Maria Alekseyevna Lvova-Belova”, ha dichiarato la CPI in un comunicato.

Putin “√® presumibilmente responsabile del crimine di guerra di deportazione illegale di popolazione (bambini) e di trasferimento illegale di popolazione (bambini) dalle aree occupate dell’Ucraina alla Federazione Russa”

La Corte Penale Internazionale ha dichiarato che i crimini risalgono al 24 febbraio 2022, quando la Russia invase l’Ucraina.

“Ci sono ragionevoli motivi per ritenere che il signor Putin abbia una responsabilit√† penale individuale per i suddetti crimini“, ha dichiarato.

Putin sarebbe responsabile sia direttamente per aver commesso gli atti, sia per “non aver esercitato un controllo adeguato sui subordinati civili e militari che hanno commesso gli atti o hanno permesso la loro commissione”

I mandati di arresto sono tenuti segreti per proteggere le vittime e i testimoni.

La CPI √® un tribunale di ultima istanza per i crimini che i Paesi non possono o non vogliono perseguire per crimini di guerra e contro l’umanit√†.

Il procuratore della CPI Karim Khan ha avviato un’indagine su presunti crimini di guerra e contro l’umanit√† in Ucraina pochi giorni dopo l’invasione della Russia.

All’inizio del mese, dopo una visita in Ucraina, Khan ha dichiarato che i presunti rapimenti di bambini “sono oggetto di indagini prioritarie da parte del mio ufficio”.

“I bambini non possono essere trattati come bottino di guerra”, ha dichiarato in una dichiarazione del 7 marzo.

Postando una foto di s√© stesso accanto a culle vuote, Khan ha detto di aver visitato una casa di cura per bambini nell’Ucraina meridionale che era “vuota, come risultato della presunta deportazione di bambini dall’Ucraina alla Federazione Russa” o ad altre aree occupate.

Khan ha anche confermato che la CPI sta indagando sugli attacchi alle “infrastrutture civili critiche” in Ucraina e che ha visitato i siti di diversi attacchi di questo tipo.

Insieme al procuratore generale dell’Ucraina “abbiamo sottolineato il nostro impegno collettivo per garantire che tali atti siano pienamente indagati e che i responsabili dei presunti crimini internazionali siano chiamati a risponderne”, ha aggiunto.

Il procuratore della CPI ha aggiunto nella dichiarazione di avere la “sensazione che lo slancio verso la giustizia stia accelerando”

Khan ha precedentemente descritto l’Ucraina come una “scena del crimine” e ha anche visitato la citt√† di Bucha, dove i giornalisti dell’AFP hanno visto almeno 20 corpi giacere in una strada.

N√© la Russia n√© l’Ucraina sono membri della Corte Penale Internazionale, ma Kiev ha accettato la giurisdizione della Corte e sta collaborando con l’ufficio di Khan.

La Russia nega le accuse di crimini di guerra da parte delle sue truppe. Secondo gli esperti, è improbabile che possa consegnare i sospetti.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non √® una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...