martedì, Aprile 23, 2024
HomeWorldI cioccolatieri svizzeri puntano sul coniglietto pasquale mentre i costi del cacao...

I cioccolatieri svizzeri puntano sul coniglietto pasquale mentre i costi del cacao aumentano

L’aumento costringerà i produttori di cioccolato ad aumentare i prezzi. Foto: Shutterstock

I cioccolatieri svizzeri hanno una battaglia da affrontare in vista della Pasqua, con l’aumento dei prezzi del cacao che fa lievitare i loro costi e i consumatori che tagliano i prezzi a causa dell’inflazione che colpisce le loro tasche.

Martedì il cacao ha brevemente superato i 10.000 dollari per tonnellata a New York, un record che rappresenta più del triplo del prezzo di un anno fa e più del doppio del prezzo dall’inizio di febbraio.

L’impennata costringerà i produttori di cioccolato ad aumentare i prezzi anche se hanno poco margine di manovra.

All’inizio del mese Lindt & Sprungli ha avvertito che i suoi prezzi aumenteranno ancora nel 2024 e nel 2025, dopo essere già stati aumentati in media del 10,1% lo scorso anno.

La Lindt & Sprungli punta sui suoi prodotti a più alto margine, come le praline – per non parlare dei coniglietti di Pasqua – per assorbire lo shock.

L’aumento dei costi del cacao, che si aggiunge agli alti prezzi dello zucchero, “aumenta le sfide per il cioccolato svizzero”, ha dichiarato all’AFP Thomas Juch, portavoce di Chocosuisse, la federazione dei datori di lavoro del settore.

L’aumento del prezzo del cacao avviene in un “contesto di maggiore sensibilità ai prezzi” da parte dei consumatori e attualmente è in parte a carico dei produttori che “non possono trasferire completamente questo aumento dei prezzi al dettaglio”, ha affermato.

Questo perché i prezzi vengono aggiustati a intervalli durante le negoziazioni con le catene di supermercati e non cambiano continuamente, ha detto Juch.

Una ricetta per i problemi

L’inflazione dei prezzi dei generi alimentari nel 2023 ha frenato l’appetito dei consumatori e il volume delle esportazioni svizzere di cioccolato è sceso dello 0,2% a 150.516 tonnellate, secondo Chocosuisse.

Il consumo annuo pro capite in Svizzera – il più grande consumatore di cioccolato al mondo – è sceso dell’1%, a 10,9 chilogrammi.

I prezzi del cacao sono aumentati di quasi il 70% a New York e di quasi il 90% a Londra nel 2023, a seguito dei cattivi raccolti in Costa d’Avorio e Ghana, i principali produttori, a causa delle forti piogge, di un’epidemia di baccelli di cacao e poi della siccità.

I prezzi del cacao sono nuovamente raddoppiati dalla fine di gennaio.

Una soluzione a cui l’industria alimentare ricorre regolarmente quando i costi delle materie prime esplodono è quella di modificare la ricetta.

Ma l’amministratore delegato di Nestle, Mark Schneider, ha dichiarato che questa soluzione non è prevista, dato che i consumatori hanno aspettative chiare sui loro prodotti preferiti.

“Armeggiare ora con le ricette e i profili di sapore, semplicemente perché i costi di produzione del cacao sono aumentati, a mio avviso sarebbe un errore”, ha dichiarato durante l’annuncio dei risultati annuali del gruppo.

Jessica Herschkowitz, portavoce di Camille Bloch, azienda produttrice del cioccolato Ragusa, si è espressa in modo sintetico.

“Le ricette sono sacre”, ha detto.

Qualcosa per tutti

L’altra soluzione per l’industria è quella di inventare nuovi prodotti: la stessa Ragusa è un esempio storico ben noto.

Nel 1942 Bloch, che aveva difficoltà a importare fave di cacao in Svizzera a causa dell’interruzione del commercio internazionale durante la Seconda Guerra Mondiale, creò una nuova tavoletta utilizzando le nocciole di cui poteva disporre in abbondanza.

Per il momento, però, “dovremo subire un aumento dei prezzi come tutti gli altri cioccolatieri”, ha dichiarato Herschkowitz.

L’azienda di famiglia ha “fatto di tutto per evitare gli aumenti dei prezzi”, ha dichiarato all’AFP, in particolare aspettando il più a lungo possibile “prima di fare nuovi ordini”.

Ma l’aumento dei prezzi del cacao è tale che “non abbiamo altre opzioni”, ha detto.

Secondo Jean-Philippe Bertschy, analista del gestore di investimenti svizzero Vontobel, i cioccolatieri svizzeri non possono scendere a compromessi sulla qualità, “anche se alcuni gruppi stranieri sono meno attenti”.

Lindt, ad esempio, non scende a compromessi perché “la qualità è la base del suo successo”, ha dichiarato all’AFP.

Durante la presentazione dei risultati annuali del suo gruppo, l’amministratore delegato di Lindt e Sprungli, Adalbert Lechner, ha dichiarato che la risposta dell’azienda è stata quella di garantire “un prodotto per tutte le tasche”, come il classico coniglietto pasquale, disponibile in sei formati da 10 grammi a un chilogrammo.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – 23 aprile 2024

I giornali di Malta.Di seguito sono riportate le notizie più importanti apparse sui giornali di Malta martedì. IlTimes of Malta riferisce che la polizia che...