domenica, Aprile 14, 2024
HomeWorldI Beatles pubblicheranno il loro "ultimo disco" e saranno aiutati dall'intelligenza artificiale

I Beatles pubblicheranno il loro “ultimo disco” e saranno aiutati dall’intelligenza artificiale

Un “disco finale dei Beatles”, creato con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, sarà pubblicato nel corso dell’anno, ha dichiarato Paul McCartney alla BBC in un’intervista trasmessa martedì.

“Era un demo che John (Lennon) aveva e su cui abbiamo lavorato, e l’abbiamo appena finito”, ha detto McCartney, che compirà 81 anni la prossima settimana.

I Beatles – Lennon, McCartney, George Harrison e Ringo Starr – si sono sciolti nel 1970 e ognuno ha intrapreso una carriera da solista, ma non si sono mai riuniti.

Lennon fu ucciso a New York nel 1980 all’età di 40 anni, mentre Harrison morì di cancro ai polmoni nel 2001, all’età di 58 anni.

McCartney non ha fatto il nome della canzone che è stata registrata, ma secondo la BBC è probabile che si tratti di una composizione di Lennon del 1978 intitolata Now And Then.

Il brano, uno dei tanti contenuti in una cassetta che Lennon aveva registrato per McCartney un anno prima della sua morte, gli fu consegnato dalla vedova di Lennon, Yoko Ono, nel 1994.

Due delle canzoni, Free As A Bird e Real Love, furono ripulite dal produttore Jeff Lynne e pubblicate nel 1995 e nel 1996.

Si tentò di fare lo stesso con Now And Then , ma il progetto fu abbandonato a causa del rumore di fondo presente nel demo.

McCartney, che in passato aveva parlato del desiderio di finire la canzone, ha dichiarato che AI gli ha dato una nuova possibilità di farlo.

ora e poi

In collaborazione con Peter Jackson, il regista della serie di documentari The Beatles: Get Back, l’intelligenza artificiale è stata utilizzata per separare la voce di Lennon dal pianoforte.

“Dicono alla macchina: ‘Questa è la voce. Questa è una chitarra. Togli la chitarra’”, ha spiegato.

“Così, quando siamo venuti a fare quello che sarà l’ultimo disco dei Beatles, era una demo che John aveva (e) siamo stati in grado di prendere la voce di John e di renderla pura attraverso questa IA.

“Poi possiamo mixare il disco, come faremmo normalmente. In questo modo si ha un certo margine di manovra“.

McCartney si è esibito in un set di due ore al festival di Glastonbury dell’anno scorso in Inghilterra, suonando i classici dei Beatles davanti a una folla di 100.000 persone.

Il set comprendeva un duetto virtuale con Lennon della canzone I’ve Got a Feeling, tratta dall’ultimo album dei Beatles Let It Be.

Il mese scorso, Sting ha avvertito che “difendere il nostro capitale umano dall’IA” sarà una battaglia importante per i musicisti nei prossimi anni.

L’uso dell’IA nella musica è oggetto di dibattito nel settore, con alcuni che denunciano abusi di copyright e altri che ne lodano le capacità.

McCartney ha detto che l’uso della tecnologia è “un po’ spaventoso ma eccitante perché è il futuro”, aggiungendo: “Dobbiamo solo vedere dove ci porterà”.

Mostra

Dopo i Beatles, il cantautore ha continuato a ottenere successi con la sua band Wings, ma si è anche dedicato alla pittura e alla fotografia, oltre che alla campagna per i diritti degli animali.

Una mostraPaul McCartney Photographs 1963-64: Eyes of the Storm – si apre alla fine del mese e fa parte della riapertura della National Portrait Gallery di Londra dopo una ristrutturazione durata tre anni.

La mostra presenta più di 250 immagini inedite che McCartney scattò con la sua macchina fotografica Pentax tra il novembre 1963 e il febbraio 1964, quando nacque la Beatlemania.

“È molto toccante, è fantastico perché ogni volta che si perde qualcuno, credo che la cosa più naturale sia: ‘Beh, abbiamo dei bei ricordi’, e ci si tiene stretti quei ricordi dei bei tempi”, ha detto.

“Non tendo a soffermarmi sul fatto che hai perso qualcuno. Dopo un po’ di tempo – forse ci vorranno un anno o due – puoi guardare indietro e ricordare dove li hai incontrati, le cose che avete fatto…”.

“E quando si trattava dei Beatles, e ti succedevano queste cose travolgenti, vi conoscevate così bene che potevate appoggiarvi l’uno all’altro: è questo che vedo in queste foto“.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE