Connect with us

World

Due bambini “ancora critici” dopo l’accoltellamento in Francia

Published

on

Due bambini stanno lottando per la loro vita un giorno dopo essere stati nelle Alpi francesi, ha detto oggi il governo francese.

“Ci sono ancora due bambini considerati in condizioni critiche”, ha dichiarato il portavoce del governo Olivier Veran in un’intervista ai media francesi, aggiungendo che i bambini sono stati sottoposti a “interventi chirurgici”.

Ha anche messo in guardia dal saltare a conclusioni affrettate nel caso in cui il presunto aggressore sia un rifugiato siriano.

A screen grab taken from a video obtained by AFPTV on June 8, 2023 shows a man armed with a knife running away after he attacked a group of pre-school children playing by a lake in the French Alps city of Annecy, wounding four as well as an adult.

Uno screenshot tratto da un video ottenuto da AFPTV l’8 giugno 2023 mostra un uomo armato di coltello che scappa dopo aver attaccato un gruppo di bambini in età prescolare che giocavano vicino a un lago nella città di Annecy, sulle Alpi francesi, ferendone quattro e un adulto.

“Ovviamente abbiamo bisogno di trasparenza e dobbiamo fare tutto il possibile affinché questo tipo di dramma non si ripeta, ma dopo aver svolto il lavoro preliminare”, ha dichiarato.

In un attacco che ha scioccato la nazione, un uomo armato di coltello ha accoltellato quattro bambini in età prescolare e due adulti ieri in un parco giochi e in un parco pubblico nella normalmente tranquilla cittadina lacustre di Annecy.

Le vittime avevano un’età compresa tra i 22 e i 36 mesi.

Il movente della furia è rimasto poco chiaro, con un procuratore locale che ha affermato che “non c’è un ovvio movente terroristico”.

Advertisement

Il presunto aggressore è un rifugiato siriano, identificato come Abdalmasih H, che secondo i funzionari non era sotto l’effetto di droghe o alcol.

Il primo ministro francese Elisabeth Borne ha dichiarato che “non era conosciuto da alcun servizio di intelligence” e non aveva “alcuna storia di problemi psichiatrici”.

Divorziato da poco da una cittadina svedese e poco più che trentenne, il sospetto ha vissuto in precedenza per 10 anni in Svezia, dove ha ottenuto lo status di rifugiato in aprile, hanno dichiarato all’AFP fonti della sicurezza e la sua ex moglie.

Aveva chiesto asilo anche in Svizzera, Italia e Francia. La richiesta francese è stata respinta domenica scorsa perché il sospetto godeva già dello status di rifugiato in Svezia, hanno dichiarato i funzionari.