Connect with us

World

Cosa sappiamo della tragedia dei migranti al largo della Grecia

Published

on

Con almeno 78 morti e dopo l’affondamento di un peschereccio arrugginito al largo della penisola greca del Peloponneso mercoledì, ci si chiede se si sarebbe potuto fare di più per evitare la tragedia.

Cosa dicono i greci

La guardia costiera greca e i funzionari governativi affermano che le loro motovedette e le navi da carico vicine stavano sorvegliando il peschereccio da martedì pomeriggio, dopo che era stato avvistato da un aereo di sorveglianza dell’agenzia europea Frontex.

Hanno detto che il peschereccio si è fermato brevemente per prendere cibo e acqua da una nave battente bandiera maltese, ma che una persona a bordo, che parlava in inglese attraverso un telefono satellitare, ha insistito sul fatto che non c’era bisogno di ulteriore assistenza e che le persone a bordo volevano continuare il loro viaggio verso l’Italia.

“Dalle 12.30 alle 18.00 la sala operativa della marina mercantile è stata ripetutamente in contatto con il peschereccio. Hanno ripetuto costantemente che volevano navigare verso l’Italia e non volevano alcun contributo dalla Grecia”, ha dichiarato la guardia costiera.

Alle 22.40 GMT, il peschereccio ha comunicato ad Atene un guasto al motore e ha smesso di muoversi. La vicina motovedetta “ha immediatamente cercato di avvicinarsi al peschereccio per determinare il problema”, ha dichiarato la guardia costiera.

Ventiquattro minuti dopo, il comandante della motovedetta greca ha comunicato via radio che il peschereccio si era rovesciato. Il peschereccio è affondato nel giro di 15 minuti, alle 2:19 ora greca.

Advertisement

Cosa dicono i sopravvissuti e i critici

Ci si chiede se la guardia costiera greca avrebbe dovuto intervenire prima per scortare il vecchio peschereccio, chiaramente pieno di persone, verso la salvezza.

Il portavoce del governo, Ilias Siakantaris, ha dichiarato che, secondo notizie non confermate, sulla barca si trovavano fino a 750 persone. Parenti e attivisti hanno dichiarato all’AFP che a bordo c’erano almeno 125 siriani.

Ma il portavoce della guardia costiera ha suggerito che l’imbarcazione avrebbe potuto rovesciarsi prima se avessero tentato di intervenire.

Non si può dirottare con la forza un’imbarcazione con così tante persone a bordo se non c’è cooperazione“, ha detto.

L’ex primo ministro greco di sinistra Alexis Tsipras ha detto – dopo aver parlato con i sopravvissuti nel porto occidentale di Kalamata – che i migranti avevano effettivamente “chiesto aiuto”.

Un video ha mostrato un sopravvissuto che giovedì ha detto a Tsipras che l’imbarcazione si era rovesciata dopo che la guardia costiera aveva tentato di trascinarla a velocità eccessiva.

“Quindi la guardia costiera greca ha usato una corda per trascinarvi, ed è così che siete affondati?”, ha chiesto il leader della sinistra.

Advertisement

Il portavoce del governo Siakantaris ha confermato ieri che è stata gettata una corda per “stabilizzare” l’imbarcazione, ma che i migranti hanno rifiutato l’aiuto, dicendo: “Niente aiuto, andate in Italia”

“Non c’è mai stato un tentativo di legare l’imbarcazione, né da parte nostra né da parte di altre navi”, ha detto venerdì il portavoce della Guardia Costiera.

Reber Hebun, un rifugiato siriano residente in Germania che si è recato in Grecia per trovare suo fratello Rukayan, di 24 anni, ha trasmesso ciò che il fratello, sopravvissuto al disastro, gli aveva detto.

“La guardia costiera greca non ha fatto nulla per aiutarli all’inizio, quando erano vicini a loro”, ha detto all’AFP.

“Una barca commerciale ha distribuito acqua e cibo e tutti si sono precipitati (a prua). La barca è diventata instabile in quel momento”, ha raccontato il fratello.

Cosa è successo a bordo

Alarm Phone, che gestisce una linea telefonica diretta per i migranti in difficoltà in mare, ha detto che i migranti a bordo hanno riferito alle 15.20 GMT di martedì che il capitano era fuggito su una piccola barca.

Quattordici minuti dopo, i migranti hanno detto che “la barca è sovraffollata e… si muove da una parte all’altra”.

Advertisement

In quel momento la guardia costiera greca ha dichiarato che una persona di lingua inglese a bordo aveva insistito che l’imbarcazione non era “in pericolo” e non aveva bisogno di assistenza.

L’ONG ha anche osservato che i migranti sono riluttanti a farsi intercettare dalle forze greche a causa delle diffuse notizie di maltrattamenti e respingimenti, notizie che Atene ha sempre negato.

Cosa dicono i protocolli di salvataggio

Vincent Cochetel, inviato speciale dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati per il Mediterraneo centrale e occidentale, ha dichiarato venerdì che l’argomentazione della Grecia per non intervenire “non regge”.

“Secondo il diritto internazionale, le autorità greche avrebbero dovuto organizzare l’operazione di salvataggio prima, non appena Frontex avesse individuato l’imbarcazione in difficoltà”, ha dichiarato all’AFP.

“L’imbarcazione era piena fino a scoppiare… e le foto scattate da Frontex non lasciano dubbi sul fatto che fosse alla deriva e che le persone fossero oggettivamente in una situazione di pericolo”, ha detto Cochetel.

Indagini e prevenzione

Ieri le Nazioni Unite hanno chiesto indagini “approfondite” su questa “orribile tragedia”.

Il portavoce dell’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti, Jeremy Laurence, ha affermato che è necessario indagare “sui trafficanti di persone e sui trafficanti di esseri umani e assicurarli alla giustizia” e che, più in generale, “ci sono molte domande che devono essere poste”.

Advertisement

Le agenzie delle Nazioni Unite per i rifugiati e i migranti hanno chiesto in una dichiarazione congiunta “un’azione urgente e decisiva per prevenire ulteriori morti in mare”.

Hanno insistito sul fatto che gli Stati hanno l’obbligo di unirsi per affrontare le pericolose lacune nelle operazioni di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo.