sabato, Maggio 18, 2024
HomeWorldSenatore australiano sospeso dopo la denuncia di violenza sessuale da parte di...

Senatore australiano sospeso dopo la denuncia di violenza sessuale da parte di un collega

Un legislatore australiano è stato sospeso dal suo partito giovedì dopo che un collega senatore lo ha accusato di aggressione sessuale all’interno del Parlamento e ha dichiarato che questo non è “un luogo sicuro” per le donne.

Il senatore David Van, del Partito liberale di opposizione, ha negato strenuamente le affermazioni, definendole “scandalose“.

Ma il leader del Partito Liberale Peter Dutton ha sospeso Van, dichiarando che “ulteriori accuse” erano state sollevate contro di lui.

Più tardi, giovedì, un ex senatore del Partito liberale ha accusato Van di averlo molestato due volte nel 2020, dichiarando ai media locali che l’incidente era avvenuto durante una festa in ufficio.

In un discorso strappalacrime al Senato, la senatrice indipendente Lidia Thorpe ha dichiarato di essere stata oggetto di “commenti sessuali”, di essere stata messa alle strette nelle scale, di essere stata “toccata in modo inappropriato” e di aver ricevuto “proposte” da “uomini potenti”.

Il Parlamento, ha detto, “non è un luogo sicuro per le donne“.

Le accuse di Thorpe hanno riacceso le accuse che il crogiolo della democrazia australiana sia anche un bastione di sessismo e misoginia.

Mercoledì scorso Thorpe aveva inizialmente accusato Van di averla “aggredita sessualmente“, prima di essere costretta a ritirare l’osservazione sotto la minaccia di una sanzione parlamentare.

Giovedì, però, Thorpe ha ribadito il nocciolo delle sue accuse a Van.

In un discorso al Senato, Thorpe ha riconosciuto che “aggressione sessuale” significa cose diverse per persone diverse, e ha continuato a descrivere le sue esperienze nei corridoi del potere.

“Quello che ho sperimentato è stato essere seguita, proposta in modo aggressivo e toccata in modo inappropriato”, ha detto.

Nel 2021, Van è stato costretto a spostare il suo ufficio parlamentare lontano da quello di Thorpe dopo un reclamo non specificato, come hanno riconosciuto entrambi i senatori.

Thorpe ha raccontato ai colleghi legislatori che “aveva paura di uscire dalla porta dell’ufficio. Aprivo leggermente la porta e controllavo che la strada fosse libera prima di uscire”.

“Era al punto che dovevo essere accompagnata da qualcuno ogni volta che entravo in questo edificio“, ha aggiunto.

“So che ci sono altre persone che hanno vissuto esperienze simili e non si sono fatte avanti nell’interesse della loro carriera”

Sebbene le accuse siano protette dalle severe leggi australiane sulla diffamazione grazie al privilegio parlamentare, Thorpe ha detto che Van ha assunto degli avvocati per la questione.

Van ha risposto in parlamento, descrivendo le accuse come “scandalose” e “inventate” prima di chiedere un’indagine.

Van ha accusato Thorpe di aver “gettato discredito sul Senato” e di essersi “rintanato sotto l’ombrello del privilegio parlamentare“.

Più tardi, giovedì, l’ex senatrice Amanda Stoker, del partito di Van, si è fatta avanti per accusarlo di averla molestata a una festa.

In una dichiarazione rilasciata ai media locali, ha affermato che l’incidente è avvenuto durante un “incontro sociale informale in un ufficio parlamentare” nel 2020.

La rimozione di Van dal gruppo parlamentare del Partito Liberale non significa che sia stato cacciato dal Parlamento. Rimarrà effettivamente come indipendente.

– Diffuse molestie sessuali

Dal 2021, la politica australiana è stata scossa da accuse di alto profilo di aggressioni e molestie all’interno del Parlamento.

L’ex assistente politica Brittany Higgins ha affermato che un collega conservatore l’ha violentata su un divano nell’ufficio parlamentare di un ministro dopo una notte di forti bevute nel marzo 2019.

Ne sono seguite cinque indagini distinte, che nel complesso hanno lanciato un duro atto d’accusa sulla natura spesso sessista della politica australiana.

Un’inchiesta sostenuta dal governo ha rilevato che le molestie sessuali e il bullismo erano molto diffusi in parlamento e riguardavano sia i legislatori che il personale.

All’epoca, una persona su tre che lavorava in parlamento ha dichiarato di “aver subito qualche forma di molestia sessuale mentre lavorava”.

Tra questi, il 63% delle donne parlamentari del Paese.

Il caso Higgins ha scatenato proteste nazionali e un processo di alto profilo che si è concluso con un annullamento.

Il processo non è stato ripetuto perché i pubblici ministeri temevano di mettere a dura prova la salute mentale di Higgins.

L’uomo in questione ha citato in giudizio diversi giornalisti per aver riportato le accuse e ha minacciato di fare causa alla sua accusatrice.

Ha negato le accuse e in tribunale si è dichiarato non colpevole di un’accusa di rapporto sessuale non consenziente.

La controversia si è riaccesa nelle ultime settimane dopo che i conservatori dell’opposizione hanno preso spunto da una serie di messaggi di testo trapelati per accusare il governo di centro-sinistra di aver politicizzato la questione.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE