La PA approva l’enorme complesso di Santa Lucija FC: la metà dei residenti si oppone

L’Autorità di pianificazione ha approvato i piani del club calcistico di Santa Lucija per un massiccio aggiornamento delle sue attuali strutture, con otto membri del consiglio di pianificazione che hanno votato a favore del progetto e uno contrario.

La domanda, PA/06394/21, prevede la sostituzione degli attuali locali del club a Dawret it-Torri, Vjal l-Oleandri e Triq il-Begonja a Santa Lucija con un campo da calcio approvato dalla FIFA.

L’edificio avrà una tribuna per gli spettatori, un’area media e una sala di controllo, una club house per il Santa Lucija FC, una scuola calcio, un ostello sportivo, un parcheggio sotterraneo, aree pubbliche paesaggistiche, una piscina coperta, una palestra e un centro benessere, aree per la ristorazione, uno spazio per conferenze, un centro per l’infanzia, spazi per la vendita al dettaglio su piccola scala, un blocco amministrativo e un centro di risorse ibride.

La domanda approvata è una domanda di massima, il che significa che il consiglio di pianificazione ha sostanzialmente approvato la struttura e l’altezza dell’edificio proposto. Per poter realizzare il progetto, il club dovrà presentare una domanda di sviluppo completa, che sarà approvata dal PA.

Il presidente del club Santa Lucija, Robert Micallef, ha presentato la visione del club per il progetto, affermando che è stato concepito per avere circa il 95% dello spazio complessivo dedicato alle strutture sportive, mentre circa il 5% sarà occupato da spazi commerciali.

Il progetto comprenderà una scuola secondaria per studenti dagli 11 ai 16 anni, con particolare attenzione alle discipline sportive.

Micallef ha inoltre assicurato che l’ostello non è destinato al turismo, ma ad ospitare squadre in visita o altri atleti che possono recarsi in visita per i campi sportivi.

Il funzionario della PA, che ha raccomandato l’approvazione del progetto, ha sintetizzato che il sito è stato considerato appropriato per la destinazione d’uso prevista e che, in base agli edifici circostanti, non si dovrebbe superare un limite di altezza complessiva di 17,5 metri, ovvero tre piani e un seminterrato.

I residenti non sono d’accordo

Intervenendo all’udienza, il consigliere del PN Santa Lucija Liam Sciberras ha dichiarato che nei giorni scorsi il consiglio ha condotto un sondaggio tra i residenti, da cui è emerso che circa il 55% non è d’accordo con lo sviluppo.

Denise Grech, attivista del Movimento Graffitti, ha aggiunto che molti residenti si sono messi in contatto con il gruppo per esprimere le loro preoccupazioni sulla portata del progetto e sul fatto che esso introdurrebbe una “inutile commercializzazione” in una località per lo più tranquilla.

“Questo progetto, dato il contesto di Santa Lucija, non è necessario in un luogo così tranquillo”, ha detto.

“Aumenterà l’inquinamento acustico e i residenti temono un impatto sul traffico”.

Il sindaco Charmaine St John, che ha votato a favore del progetto, ha chiarito che il sondaggio ha coinvolto più di 300 residenti e che avrebbe dovuto riflettere un campione del 10% della località.

Nonostante il suo voto favorevole, ha espresso preoccupazione per l’altezza complessiva del progetto, per l’impatto sul traffico e per il previsto sradicamento degli alberi.

Il membro del consiglio della ONG Romano Cassar è stato l’unico a votare contro il progetto, adducendo come motivazione l’opposizione dei residenti allo sviluppo.