martedì, Maggio 28, 2024
HomeSportCalcioJames Calvert: Mi stupisce che i calci d'inizio non siano scaglionati

James Calvert: Mi stupisce che i calci d’inizio non siano scaglionati

Sfugge alla logica essere costretti a scegliere tra partite che coinvolgono squadre di questo calibro. Le foto mostrano (dall’alto a sinistra, in senso orario) Arsenal, Barcellona, Real Madrid, Man City. Foto: Ian Kington / Franck Fife / Pierre-Philippe Marcou / Javier Soriano / AFP

È davvero giunto il momento che la UEFA si dia una regolata e sistemi il calendario dei quarti di finale della Champions League.

È del tutto fuori logica che, con partite di questo calibro, si sia costretti a scegliere quale guardare. Martedì scorso gli appassionati di calcio hanno dovuto decidere tra Arsenal e Bayern Monaco o Real Madrid e Manchester City, mentre mercoledì si è trattato di Atletico Madrid e Borussia Dortmund o Barcellona e Paris Saint-Germain.

La verità è che, come neutrale in queste occasioni, mi sarebbe piaciuto guardare tutte e quattro le partite. E sospetto che ci siano decine, se non centinaia, di milioni di persone che la pensano come me.

Insomma, c’è una qualche ragione logistica per cui i calci d’inizio sono alla stessa ora che io mi perdo perché, francamente, questa situazione fa schifo. Sembra di essere tornati ai tempi bui della televisione degli anni ’80, quando qualsiasi cosa si guardasse era un caso di “mi piace o non mi piace”.

Capisco che, a causa della congestione dei calendari e dell’enorme numero di partite che si giocano al giorno d’oggi, non sia possibile organizzare un quarto di finale al giorno. Ma sicuramente scaglionare gli orari dei calci d’inizio in modo che gli spettatori possano vedere entrambe le partite non è al di là delle possibilità.

Basterebbe un po’ di fantasia negli orari. Giocate una partita alle 19:00 e l’altra alle 21:00 e Bob sarà l’amante di vostra zia. Poi invertire il processo per il ritorno, in modo che tutti abbiano la possibilità di giocare in prima serata.

Ma ammettiamo che questo sia impossibile per qualche bizzarra ragione, allora sicuramente una differenza di mezz’ora non sarebbe troppo da chiedere Almeno potremmo guardare una buona parte di ogni partita in relativa tranquillità.

Invece, uomini, donne e bambini di tutto il continente sono costretti a giocare alla roulette russa a distanza, saltando da una partita all’altra nel disperato tentativo di prendere tutti i gol. La scorsa settimana, con 18 partite in due giorni, è stato un compito assolutamente impossibile.

In effetti, si sa sempre che il cambio di canale è un piano destinato a fallire fin dalla prima decisione “Oh, vedrò cosa succede nell’altra partita”, che è inevitabilmente lo spunto per gli dei del calcio per far nascere un piccolo gol di rimbalzo nella partita che si stava guardando in precedenza.

Ho il sospetto che le cose siano sempre andate così, quindi perché preoccuparsi di cambiarle?

In un’epoca in cui quasi tutto, al di fuori della camera da letto, è “on-demand”, come è possibile che alcune delle partite più importanti del calendario calcistico si scontrino tra loro?

Normalmente a questo punto darei la colpa all’avidità della UEFA per una situazione stupida come questa, soprattutto perché l’avidità della UEFA è normalmente responsabile di situazioni stupide come questa.

Ma immagino che, se le partite non si sovrapponessero, ciò significherebbe più spettatori per ogni singola partita. E più spettatori dovrebbero significare più soldi per la pubblicità. Quindi forse la colpa non è della disperazione della UEFA di massimizzare le entrate. Per una volta.

Naturalmente, c’è sempre la possibilità che mi stia sbagliando e che ci sia una ragione reale e convincente per la simultaneità degli orari di inizio delle partite. Ma sospetto che non ci sia. Sospetto che sia solo un caso in cui le cose sono sempre state così e quindi perché preoccuparsi di cambiarle.

“Scaglionare gli orari dei calci d’inizio per permettere a tutti di guardare? Cosa? E fare tutte quelle scartoffie in più? Non essere sciocco. Dite a tutti di comprare una seconda TV”, probabilmente non è stato detto da qualcuno della sede UEFA.

Tutto questo ci lascia in attesa di altre 48 ore di roulette a distanza questo martedì e mercoledì. Spero di fare un po’ meglio della scorsa settimana, quando credo di aver mancato circa 14 dei 18 gol…

La Super Lig va in Turchia

Da circa un anno, forse anche di più, la Super Lig è passata da una crisi all’altra, mentre il calcio turco d’élite continua la sua discesa nel caos.

Negli ultimi mesi – e questo è solo un esempio – abbiamo avuto di tutto, dai giocatori feriti da missili lanciati dagli spalti a un arbitro aggredito da un presidente di club fuori di testa.

Ci sono stati anche giocatori che hanno litigato con i tifosi in campo, squadre che si sono ritirate nel bel mezzo delle partite e l’intero campionato è stato sospeso quando i direttori di gara hanno deciso che non era più sicuro per loro fare il proprio lavoro.

È come un vortice costante di follia autoinflitta e autoindulgente.

La scorsa settimana, un’altra ondata di polemiche ha investito la Super Lig quando una delle due grandi del Paese, il Fenerbahce, 28 volte campione, è stata a un passo dall’abbandonare del tutto il campionato.

Il presidente del club era assolutamente stufo che tutto andasse apparentemente contro la sua squadra, compreso il fatto di dover giocare la Supercoppa turca contro il Galatasaray pochi giorni prima del quarto di finale di Europa League.

Ha deciso che era giunto il momento di passare alle maniere forti e ha sottoposto ai soci del club la decisione di ritirarsi dal campionato. Alla fine i soci hanno votato per rimanere, ma il club ha continuato a protestare schierando una squadra Under 19 nella suddetta Supercoppa. Questa squadra è uscita dal campo dopo appena un paio di minuti, consegnando la vittoria agli avversari. Così il Galatasaray, dopo essersi vestito di tutto punto per l’occasione, ha deciso di non sprecare l’opportunità di un calcio e ha giocato una partita contro i propri sostituti.

Non si possono inventare queste cose! Sembra quasi che questo sport sia gestito dai produttori del Benny Hill Show.

Non so cosa si possa fare per sistemare il calcio turco ma, come ha suggerito il presidente del Fenerbahce lo scorso fine settimana, ha un disperato bisogno di un reset prima di cadere in una spirale di caos che finirà per distruggerlo.

E-mail:

Twitter:

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...