sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaUomo sospettato di una serie di rapine arrestato dopo un furto in...

Uomo sospettato di una serie di rapine arrestato dopo un furto in un negozio di Rabat

Foto di archivio del Times of Malta. Credito: Matthew Mirabelli

Un uomo di 30 anni è stato arrestato dopo che gli investigatori lo hanno collegato a una serie di furti, tra cui un’auto rubata e un’irruzione in un negozio di abbigliamento di Rabat.

Andreas Buhagiar, residente a Qormi e attualmente disoccupato, è stato arrestato domenica dopo che le indagini, avviate a seguito di un furto in un negozio di Rabat all’inizio del mese, hanno puntato verso di lui.

Buhagiar è stato messo in custodia cautelare al momento dell’udienza di lunedì.

L’ispettore Roderick Attard ha spiegato che le indagini sono partite da un veicolo sospettato di essere stato usato per la rapina. Ha detto che la polizia ha contattato il proprietario del veicolo, che ha spiegato che l’auto era stata rubata.

Il veicolo è stato rintracciato in possesso di una terza persona, che lo avrebbe smontato per ricavarne dei pezzi.

Ulteriori indagini hanno portato gli investigatori sulle tracce di Buhagiar, sospettato del furto dell’auto e dell’effrazione al negozio di Rabat.

Denunce di furto di auto, registratore di cassa e 900 euro in contanti

Al momento del processo, Buhagiar è stato accusato di diversi furti aggravati. Il primo risale allo scorso settembre, quando avrebbe rubato una Toyota Vitz a St Paul’s Bay.

In ottobre, avrebbe rubato degli attrezzi da un’officina di Qormi e un’altra auto, una Toyota Townace, in un’altra strada della località.

La stessa notte è stato denunciato anche il furto di un registratore di cassa, di denaro e di pacchetti di sigarette da un camioncino di generi alimentari parcheggiato a Qormi.

La mattina seguente, il sospetto avrebbe rubato la targa di una Chevrolet a Qormi.

Quattro mesi dopo, è stato denunciato il furto di circa 900 euro dal negozio di Rabat nelle prime ore del 3 febbraio.

L’uomo è stato anche accusato di danneggiamento intenzionale di proprietà di terzi, di violazione di tre distinti decreti di baul e di aver commesso i presunti reati mentre era sottoposto a un ordine di sorveglianza temporanea.

L’imputato si è dichiarato non colpevole.

La difesa non ha presentato alcuna richiesta di cauzione in fase di arringa e la corte, presieduta dal magistrato Marse-Ann Farrugia, lo ha posto in custodia cautelare.

L’avvocato dell’AG Giuliana Magro Conti, insieme agli ispettori Roderick Attard, Joseph Mallia, Francesca Maria Calleja e John Sammut, ha condotto l’accusa.

L’avvocato Yanika Bugeja era il difensore.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE