venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltastalking da parte di menti malate: Joseph Muscat sulle fughe di notizie...

stalking da parte di menti malate: Joseph Muscat sulle fughe di notizie sui suoi programmi di viaggio

Joseph Muscat viene accompagnato in tribunale martedì, tra gli applausi e i canti di centinaia di sostenitori. Foto: Matteo Mirabelli

Joseph Muscat si sente “perseguitato da menti malate” mentre sui social media trapelano dettagli sui suoi programmi di viaggio.

L’ex primo ministro, che ora deve affrontare un grave problema, ha affrontato le voci sui suoi viaggi in Cina e alle Barbados in una risposta alle domande del Times of Malta di ieri.

“Francamente, le continue fughe di notizie sui miei viaggi sembrano sempre più un pedinamento da parte di menti malate”, ha dichiarato.

Sia durante che dopo la sua comparsa in tribunale martedì, l’avvocato Jason Azzopardi e lo scrittore Mark Camilleri hanno detto di essere stati informati che Muscat avrebbe dovuto recarsi in Cina e poi alle Barbados, dove avrebbe portato 40 ospiti in un viaggio tutto compreso.

Quando il Times of Malta ha contattato Muscat per sapere se le voci fossero vere, egli ha confermato di essersi recato in Cina e di trovarsi lì in questo momento per un viaggio di lavoro.

sono in Cina per lavoro al momento”

Ha dichiarato: “Al momento mi trovo in Cina per lavoro. E viaggerò per lavoro ancora molte volte nei prossimi mesi, perché ho ancora bisogno di lavorare e la maggior parte del mio lavoro si svolge fuori da Malta.

“Inoltre, non pago per questi viaggi perché le spese relative ai viaggi di lavoro sono coperte dal cliente. Fa parte dell’accordo di lavoro e non c’è nulla di strano o sbagliato in questo”.

Ha anche detto che viene pagato per il lavoro che svolge, ma non può usare il denaro a causa dell’ordine di congelamento del tribunale.

Martedì Azzopardi ha scritto su Facebook che quella sera Muscat avrebbe preso un volo per Istanbul alle 7.15 e sarebbe passato dalla sala ministeriale dell’aeroporto.

Alla fine ha perso quel volo perché l’udienza in tribunale

Alla domanda se sarebbe andato alle Barbados in vacanza con 40 persone, non ha negato, ma nemmeno confermato.

non sono affari di nessuno dove la mia famiglia va in vacanza”

“Non sono affari di nessuno dove la mia famiglia va in vacanza. Pianifichiamo il nostro anno in anticipo e abbiamo pagato i viaggi molto prima che l’inchiesta fosse conclusa”, ha dichiarato a Times of Malta.

“Inoltre, se ci sono altre persone che fanno questi viaggi, pagano di tasca loro. Noi non abbiamo i soldi per pagare per altre persone”.

  • non ho mai detto che non potevo pagare per Netflix”

    Ha anche affrontato le recenti critiche su un commento di Netflix fatto su ONE Radio due settimane fa.

    In un’intervista con l’esponente laburista Manuel Cuschieri, Muscat stava discutendo di come il tribunale avesse congelato tutte le sue ricchezze quando ha detto che “oggi è un problema anche pagare Netflix”, in quanto avrebbe dovuto informare il tribunale della necessità di pagare l’abbonamento.

    Sui social media, tuttavia, molti dei suoi critici – tra cui Azzopardi e Camilleri – lo hanno attaccato per aver detto di non avere abbastanza soldi per Netflix, ma poi sembra trovare i soldi per viaggiare spesso all’estero.

    Muscat ha risposto venerdì, affermando di non aver mai detto di non avere abbastanza soldi.

    “Non ho mai detto di non avere abbastanza soldi per pagare Netflix. Ma con l’ordine di congelamento in vigore, devo presentare una domanda per ricevere il limite legale, dal quale devo pagare le mie spese”, ha detto.

    RELATED ARTICLES

    ULTIME NOTIZIE