sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaSocial media responsabili dell'aumento della chirurgia plastica nelle giovani donne, denunciano gli...

Social media responsabili dell’aumento della chirurgia plastica nelle giovani donne, denunciano gli ospedali

L’aumento del numero di giovani che si sottopongono a chirurgia plastica è attribuito ai social media. Foto: Shutterstock.com

La direttrice della divisione estetica del principale ospedale privato di Malta ha attribuito l’aumento del numero di giovani che si sottopongono a interventi di chirurgia plastica ai social media e ha messo in guardia da procedure sbagliate che si svolgono all’estero.

Parlando con il Times of Malta, l’amministratore delegato del polo estetico del Saint James Hospital Niumee, Maria Bugeja, ha dichiarato che c’è stato un “notevole aumento” del numero di giovani tra i 16 e i 25 anni, soprattutto donne, che scelgono di sottoporsi a interventi estetici.

“La coorte più giovane è più consapevole delle procedure disponibili e abbiamo registrato un notevole aumento dell’interesse da parte di questa fascia d’età per i trattamenti medico-estetici [non chirurgici]”, ha dichiarato.

La dottoressa ha affermato che l’aumento delle labbra e la rinoplastica non chirurgica, comunemente chiamata “naso in 15 minuti”, si stanno rivelando particolarmente popolari. Entrambe le procedure prevedono l’iniezione di una sostanza “riempitiva” come il collagene per modificare la forma delle labbra o del naso.

Bugeja said social media and online bullying were to blame for the rise." src="https://cdn-attachments.timesofmalta.com/d97fdcaafdd4602e7e57a727511178735a3cd64e-1707669415-5e64f4ba-1920x1280.jpeg" alt="The chief of Saint James Hospital’s aesthetic hub Maria Bugeja said social media and online bullying were to blame for the rise." width="630" height="798" /> Il capo del centro estetico del Saint James Hospital, Maria Bugeja, ha dichiarato che la causa dell’aumento è da attribuire ai social media e al bullismo online.

Attribuendo l’aumento alle piattaforme di social media come Instagram, TikTok e Facebook, “soprattutto a quelle che mostrano contenuti video”, Bugeja ha avvertito che la crescente popolarità di tali procedure sta deformando gli standard di bellezza.

“Di recente, ci troviamo di fronte a un’epoca di iniezioni eccessive e di apparenza finta. Il desiderio di apparire più giovani e belli sta diventando quasi una dipendenza, oltre che una moda”, ha detto.

“Non tutti gli specialisti consigliano di non esagerare con le iniezioni, e questo è un peccato… Il cervello umano è in grado di giudicare i volti con notevole facilità e purtroppo quelli dall’aspetto finto sono immediatamente riconoscibili”, ha avvertito Bugeja.

“È anche molto triste vedere l’aumento del numero di adolescenti che sentono il bisogno di iniettarsi tossine [Botox] in faccia per sentirsi sicuri in una fase così precoce della vita”.

Il primario dell’ospedale ha detto che i più giovani spendono in media poco più di 200 euro per ogni procedura.

Le cliniche che offrono trattamenti non chirurgici “spuntano a ogni angolo del paese”, offrendo prezzi più bassi ma con rischi potenzialmente più elevati.

“Purtroppo, queste procedure vengono eseguite anche da ‘iniettori’ non medici che non sono regolamentati dagli stessi termini e condizioni e possono quindi permettersi di offrire i loro servizi a prezzi più bassi”, ha dichiarato.

“Questo aumenta il numero di complicazioni che si verificano a livello locale”.

Operazioni sbagliate all’estero

I casi di operazioni sbagliate stanno diventando sempre più comuni, e spesso la colpa è di quelle effettuate all’estero, ha avvertito Bugeja.

“Sono ancora stupito dal numero considerevole di pazienti che si recano all’estero per sottoporsi a interventi in Paesi in cui la nostra lingua è a malapena parlata o i cui standard di cura sono notevolmente inferiori a quelli locali”, ha dichiarato.

Sottolineando che i casi di complicazioni a seguito di interventi chirurgici sono più elevati per le operazioni all’estero rispetto a quelle effettuate in loco, Bugeja ha affermato che la mancanza di informazioni a disposizione dei medici maltesi che trattano questi casi è una delle principali preoccupazioni.

Tali complicazioni sono “a volte gravi, irreversibili o possono richiedere il ritorno del paziente in sala operatoria”, ha detto Bugeja, aggiungendo che i social media stanno ancora una volta giocando un ruolo importante.

“I gruppi sui social media che discutono di trattamenti medico-estetici e procedure chirurgiche sono un’altra piattaforma che rende più facile invogliare i pazienti a sottoporsi a queste procedure”.

Spiegando che questi gruppi spesso coinvolgono gli utenti che chiedono a coloro che affermano di essere ex pazienti di raccontare le loro esperienze, Bugeja ha avvertito, tuttavia, che non tutte le raccomandazioni sono autentiche.

“I pazienti troppo spesso non effettuano controlli adeguati prima di credere a tutto ciò che leggono”, ha detto.

Alla domanda se un Paese in particolare fosse responsabile di un maggior numero di operazioni sbagliate, Bugeja ha risposto “con sicurezza che la Turchia è in cima alla lista”.

Ha indicato “infezioni, cattiva lavorazione e impianti a basso costo” come le principali cause di complicazioni, oltre ai pazienti che viaggiano troppo presto dopo l’intervento.

Anche il chirurgo e oculista Maria Agius ha collegato la maggiore diffusione della chirurgia estetica tra i giovani ai social media.

Notando che l’aumento delle labbra e le iniezioni di botox si stanno rivelando particolarmente popolari, ha dichiarato al Times of Malta che “i social media e i selfie stanno guidando la domanda”.

Mentre procedure consolidate come l’aumento del seno (“boob jobs”), la rinoplastica (“nose jobs”) e l’addominoplastica (“tummy tucks”) sono rimaste tra le operazioni più richieste, le procedure non chirurgiche hanno rapidamente recuperato terreno.

Mentre al Saint James si registra un aumento delle richieste da parte degli uomini, quattro interventi su cinque riguardano le donne.

Bugeja ha fatto notare che per chi ha 16 e 17 anni è necessario il consenso del chirurgo plastico oltre che del paziente, che deve essere ritenuto mentalmente idoneo a sottoporsi al trattamento.

Una studentessa di 19 anni ha raccontato al Times of Malta che almeno due delle sue amiche hanno optato per l’aumento delle labbra, una procedura che ha descritto come “molto comune” al giorno d’oggi.

“È ormai molto normalizzata, è diventata molto più economica e accessibile”, ha detto, descrivendola come “ragionevolmente comune” tra i suoi coetanei dell’Università di Malta.

Facendo eco alle parole di Bugeja, ha detto che molte giovani donne sono influenzate dal fatto di “vedere costantemente tanti modelli perfetti su Instagram”, descrivendo la piattaforma come “creatrice di un falso senso di sé”.

Ha aggiunto che per alcune le procedure cosmetiche sembrano essere “diventate una dipendenza” e che alcune finiscono per “sembrare delle bambole”.

Tuttavia, quando le è stato chiesto se le giovani donne incontrassero resistenze da parte dei genitori, ha spiegato che, al contrario, la maggior parte dei genitori sembrava favorevole.

“Pensano che se serve a far sentire meglio i loro figli con se stessi, qual è il problema?”, ha detto, aggiungendo che “anche molti genitori lo stanno capendo”.

Spinto dal bullismo

Evidenziando un altro aspetto del ruolo dei social media nel desiderio dei giovani di sottoporsi a un intervento chirurgico, Bugeja ha osservato che alcuni sono spinti a farlo dal bullismo online.

“Alcuni casi sono autentici, soprattutto quando la necessità di sottoporsi a un intervento chirurgico è dettata da un bullismo estremo che causa problemi di salute mentale alla vittima o, in una minoranza di casi, problemi di salute”, ha dichiarato.

“È triste accettare la necessità di sottoporsi a un intervento chirurgico in età così giovane, ma è anche una realtà che il bullismo è difficile da controllare ed è estremamente dannoso per la propria autostima”.

Bugeja ha detto che questo è particolarmente vero quando il bullismo ha luogo sui social media, che secondo lei convincono facilmente il pubblico più giovane, dove “le parole d’odio vengono scritte senza pensare a come faranno sentire l’altra persona”.

Ha aggiunto che gli standard imposti dall’ospedale sull’accessibilità all’intervento chirurgico hanno contribuito a ritardare l’intervento dei giovani.

Il denaro non è un problema

Lo scorso febbraio, il Saint James Hospital e il BOV hanno annunciato di aver collaborato per offrire finanziamenti per le procedure mediche e medico-estetiche.

Secondo il sito web di BOV, in un contesto di “cambiamento degli atteggiamenti e delle tendenze dei consumatori in materia di salute e benessere, tali procedure stanno diventando sempre più comuni e un numero maggiore di clienti si rivolge a cliniche e ospedali specializzati per sottoporsi a tali interventi”.

Mentre BOV offre già prestiti personali, l’offerta vede il Saint James Hospital coprire le spese di gestione di tali prestiti, disponibili fino a 25.000 euro.

Alla domanda sulla popolarità dei prestiti, Bugeja ha risposto che il loro utilizzo è stato “piuttosto basso” per la chirurgia plastica, ma più popolare per gli interventi di perdita di peso come i bypass gastrici.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE