Siamo spaventati, stressati, ma grati: la popolazione ucraina a un anno dall’invasione russa

Il 24 febbraio 2022, gli ucraini si sono svegliati con i bombardamenti: Le truppe russe avevano invaso il loro Paese. Da allora, otto milioni di rifugiati ucraini sono stati registrati in Europa – per un totale del 18% della popolazione del loro Paese – e poco più di 1.500 hanno ottenuto protezione temporanea a Malta. È stato un anno straziante, come ha dichiaratp Claudia Calleja.

Vorrei non provare mai più  emozioni del genere

L’anno è stato un po’ scombussolante per Alona Kobzar e Oxsana Samoilenko.

Un anno fa, hanno lasciato le loro case e i loro mariti a Kharkiv, pesantemente bombardata, per portare i loro figli in salvo a Malta.

“Quest’anno è come se non l’avessimo avuto. È stato come un brutto sogno… È passato un anno. Non diventa più facile. È peggio”, dice Alona.

Alona Kobzar: “We are all very tired.”Alona Kobzar: “Siamo tutti molto stanchi”

I suoi occhi si riempiono di lacrime mentre guarda la sua amica Oxsana.

“Vorrei non provare mai emozioni come queste”, continua Oxsana mentre si asciuga le lacrime.

Queste due donne da un anno vivono in un appartamento di tre stanze a Swieqi insieme alla sorella di Oxsana, Irina Kruhova, e ai loro figli.

Alona ha una figlia e un figlio, Dasha, 11 anni, e Artem, 7; Oxsana ha due figli, Maxim, 15 anni, e Aleksander, 9, e Irina ha una figlia di tre anni, Victoria.

Alona, ex manager, e Oxsana, assistente universitaria, lavorano a tempo pieno nel ristorante di una parente (Lyuba) sposata con un maltese, mentre Irina si occupa dei bambini.

Sono fisicamente, mentalmente ed emotivamente esauste. E faticano a far fronte alle spese: bollette, cibo, assistenza sanitaria.

Da marzo dovranno iniziare a pagare l’affitto, perché per un anno hanno potuto utilizzare l’appartamento gratuitamente. Ne sono grati. Ricevono anche molti aiuti per l’istruzione e le uniformi gratuite.

Ricordano quanto si sono sentiti smarriti quando sono arrivati a Malta e hanno dovuto trascorrere 14 giorni in quarantena a causa della pandemia. Non conoscevano l’inglese e hanno frequentato lezioni gratuite.

Pochi giorni dopo il loro arrivo, Aleks si è rotto una gamba mentre giocava a calcio. “È stato un periodo molto difficile della mia vita. Non conoscevo la lingua. Mi chiamò e mi disse che stava andando in ospedale. Non sapevo dove”, ricorda Oxsana.

Quest’anno i bambini hanno iniziato ad andare a scuola. Per alcuni il passaggio è stato agevole, ma altri hanno faticato a farsi degli amici e la differenza linguistica ha reso le cose più difficili.

Erano arrivati a Malta con la suocera di Irina, Natasha, che nel frattempo si è trasferita in America dove vive la figlia, e con la madre di Natasha, Galina Agarkova, che ha appena compiuto 85 anni.

“La sua demenza l’ha aiutata. Dimentica. Poi vede il telegiornale e si mette a piangere. Ha davvero bisogno della sua casa”, dice la figlia, Lyuba.

Tutti loro, infatti, desiderano essere a casa.

“Ogni mattina iniziamo a controllare le notizie e chiamiamo i nostri mariti, i genitori e i parenti, sperando che la nostra gente risponda. Se non lo fanno, sono meno 10 anni della nostra vita”, dice Oxsana.

Alona aggiunge: “Siamo tutti molto stanchi. Ogni giorno, ogni momento scopriamo qualcosa sulla nostra famiglia. Non possiamo aiutare. Non possiamo vedere. Non so cosa succederà nei prossimi minuti. Voglio andare a casa”

Il timoroso ritorno a Kiev

Alla fine della scorsa estate, Juliya Azzopardi Mazur, di origine ucraina, suo marito JJ, maltese, e i loro due figli, Jaydee e Dominic, hanno deciso di lasciare Malta e di tornare a casa in Ucraina.

“Nessun dittatore ha il diritto di dirci dove dobbiamo vivere”, dice Juliya.

Juliya Azzopardi Mazur in Kyiv.Juliya Azzopardi Mazur a Kiev.

“Ci sentiamo spesso spaventati. Tuttavia, sentiamo il dovere di rimanere in Ucraina il più a lungo possibile. Sentiamo di poter essere utili per la nostra patria, soprattutto in questo momento in cui milioni di persone sono fuggite”

La famiglia viveva a Malta prima di trasferirsi in Ucraina nel luglio 2021. Si trovavano in vacanza in Thailandia quando è scoppiata la guerra. Sono rimasti in Thailandia per circa un mese e poi sono tornati a Malta perché non potevano rientrare in Ucraina.

Mentre erano qui, Juliya ha fatto volontariato presso il Centro di crisi ucraino. Poi, a giugno, la famiglia ha deciso di tornare a casa, a Kiev, dove ha i suoi parenti, i suoi cani e la sua attività.

Sono andati in Polonia e hanno preso un autobus per Kiev.

Christmas in Ukraine. Juliya Azzopardi Mazur, her Maltese husband JJ and their two sons, Jaydee and DominicNatale in Ucraina. Juliya Azzopardi Mazur, suo marito JJ, maltese, e i loro due figli, Jaydee e Dominic

“All’inizio il viaggio di ritorno è stato molto spaventoso e piuttosto stressante. Tuttavia, col tempo la tensione si è attenuata.

“La nostra vita non è più stata la stessa dall’inizio della guerra. Alcuni giorni abbiamo avuto molta paura sentendo le esplosioni così vicine alla nostra casa, proprio nel centro di Kiev”, racconta la signora.

Juliya e suo marito lavorano online, quindi sono spesso insieme, e hanno anche optato per la scuola online per i ragazzi.

“Non ci saremmo sentiti a nostro agio se i nostri figli fossero andati a scuola durante uno degli attacchi, considerando che i bambini devono andare in un rifugio fino a quando non si spengono le sirene dei raid aerei”, dice Juliya.

“Sento decisamente la guerra intorno a me, vedendo case distrutte, soldati ovunque e dovendo passare attraverso molti check point. Abbiamo il coprifuoco dalle 23 alle 5 del mattino.

“Abbiamo trascorso innumerevoli giorni senza elettricità, acqua o riscaldamento. Abbiamo dovuto adattarci comprando fornelli a gas, power bank, torce e altro. È stata dura, soprattutto nelle fredde giornate invernali. Alcuni giorni durante gli attacchi i cellulari o internet non funzionano e ci sentiamo tagliati fuori dal mondo ma, per fortuna, passa in fretta”

Cemetery of cars destroyed during the first days of the invasionAuto distrutte nei primi giorni dell’invasione

Pensavano di avere il diritto di distruggere la nostra casa

Inna Bolbot, Lora Filippova e Marina Ivleva un tempo avevano case e lavori propri. I loro figli avevano una rete di amici a scuola. Ma dallo scoppio della guerra, un anno fa, hanno perso tutto questo.

Hanno lasciato i loro mariti e altri parenti in Ucraina per trasferirsi con i loro figli a Malta, dove vivono in una comunità con altre donne e bambini, sempre preoccupate e speranzose che i loro familiari a casa stiano bene. Trovare lavoro è difficile a causa della barriera linguistica.

Lora Filippova (left) and Inna Bolbot.Lora Filippova (a sinistra) e Inna Bolbot.

“È difficile immaginare che altre persone siano venute a casa nostra e abbiano pensato di avere il diritto di distruggere la nostra casa”, dice Inna.

La sua amica Lora aggiunge: “Avevamo tutto prima della guerra e la guerra ha distrutto la nostra vita normale e pacifica. Se ci penso a lungo mi fa impazzire. Vogliamo la pace e vogliamo tornare a casa”

Fanno parte di una comunità di famiglie giunte a Malta l’anno scorso per sfuggire ai combattimenti e sono state accolte dal Consiglio maltese per la scienza e la tecnologia e da una facoltà privata di medicina, EDU, insieme a Kenup, una fondazione umanitaria internazionale.

Giorni dopo l’invasione russa, la fondazione, che opera da Malta, ha chiesto ai suoi dipendenti di iniziare a lavorare da casa e ha trasformato i suoi uffici in unità abitative, dotate di letti, armadi, elettrodomestici e bagni, con l’aiuto di aziende maltesi.

Le famiglie, per lo più donne e bambini, vivono ora in stanze individuali, una piccola per una famiglia o una grande per due. Condividono la cucina e il bagno.

Sono incredibilmente grati per questo e per l’accesso alla scuola gratuita dato ai loro figli che, confessano, si stanno adattando meglio di loro.

Gli adolescenti Denys Bakhmatsky, 16 anni, e Nikita Kabashnii, 17 anni, studiano entrambi iGaming al Malta College for Arts Science and Technology.

“L’anno scorso è stato un anno di introduzione a Malta. Lo abbiamo usato per conoscere Malta e la gente”, dice Denys, aggiungendo che ora stanno anche imparando un po’ di maltese. Si sentono più integrati”.

Si tengono in contatto con gli amici di tutto il mondo online e stanno pianificando una riunione in Polonia.

Anche il figlio di Inna, Dmytro, 14 anni, è felice a scuola. “Mio figlio si sta adattando molto meglio di me perché ha imparato l’inglese a scuola”, dice Inna, aggiungendo che la lingua è una barriera per socializzare e trovare lavoro.

Le piacerebbe tornare a casa sua a Kiev, ma dice che restare a Malta è la decisione migliore per suo figlio.

Lora la pensa allo stesso modo: “Mio marito ora combatte per il nostro Paese nell’Est. Aspetterò prima di tornare. Mio marito è nell’esercito, quindi non vedo il senso di restare a Kiev da sola con i bambini”

Continua il suo lavoro online come nutrizionista e health coach.

“È utile per me perché ho dei soldi, non molti, e la mia mente è occupata”, dice.