mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeMaltaFrodi e conflitti di interesse: l'accordo con gli ospedali annullato, gli edifici...

Frodi e conflitti di interesse: l’accordo con gli ospedali annullato, gli edifici restituiti

Un giudice ha annullato la controversa decisione di affidare tre ospedali a un consorzio, in una sentenza che mette sotto i riflettori il governo di Joseph Muscat.

Il Gozo General Hospital, il St Luke’s Hospital e il Karin Grech Hospital dovrebbero essere restituiti al governo perché sono stati inficiati da frodi e gli obiettivi non sono mai stati raggiunti, ha dichiarato oggi il giudice Franco Depasquale in un’aula gremita.

L’ex leader del PN Adrian Delia, che ha avviato la causa contro l’accordo, ha dichiarato che la decisione è “una vittoria per Malta“.

In un comunicato, il governo ha dichiarato di stare analizzando la sentenza.

“In ogni caso, il governo assicura di salvaguardare l’interesse nazionale, l’occupazione di tutti i lavoratori e tutti i servizi ospedalieri

Il candidato indipendente Arnold Cassola ha chiesto l’immediato rinvio a giudizio di Muscat e Mizzi e un mandato di cattura internazionale contro gli operatori ospedalieri Ram Tumuluri e Armin Ernst.

Gli ospedali sono stati affidati nel 2015 alla Vitals Global Healthcare, che non aveva alcuna esperienza precedente nella gestione di ospedali. Quando non ha rispettato i suoi obblighi, la concessione è stata affidata alla società statunitense Steward Healthcare.

Con un tratto di penna, il governo ha affidato la gestione degli ospedali St Luke’s, Karin Grech e Gozo a una società sconosciuta e priva di esperienza nel settore sanitario.

Due anni dopo, l’inesperienza si è manifestata: non solo c’erano pochissimi segni dell’investimento di 200 milioni di euro promesso nei tre ospedali, ma la stessa Vitals era sull’orlo della rovina finanziaria.

Nella sentenza emessa, sia Vitals che Steward Healthcare sono state ritenute colpevoli di frode.

Il giudice ha stabilito che c’è stata frode in tre fasi del processo. Molto prima di pubblicare l’intenzione di privatizzare gli ospedali, gli azionisti di Vitals avevano già concluso un memorandum d’intesa con il governo, ha dichiarato il giudice.

“Vitals ha abusato della sua posizione. I suoi investitori, consapevoli della situazione politica dell’epoca, hanno usato tattiche fraudolente per ottenere la concessione”, afferma il giudice.

VGH aveva un apparente conflitto di interessi che “avrebbe dovuto portare alla sua squalifica“, ha sentenziato il tribunale. VGH ha tenuto nascosto il memorandum d’intesa e “questa è stata la prova del suo intento fraudolento”.

Obblighi contrattuali non rispettati

Da parte sua, Delia aveva sostenuto che sia il concessionario originario che il suo successore non avevano rispettato gli obblighi contrattuali, tra cui l’istituzione di una scuola di medicina, la creazione di strutture all’avanguardia, un campus medico a Malta e Gozo, la costruzione e la gestione di un centro regionale di cure primarie a Gozo e l’ammodernamento del Gozo General Hospital.

Poiché né Vitals né Steward avevano mancato questi importanti obiettivi, la concessione doveva essere revocata e gli ospedalirestituiti al popolo“.

Delia e i suoi avvocati hanno convocato una lunga serie di testimoni, tra cui varie figure di alto profilo come Muscat, Konrad Mizzi, che era responsabile del portafoglio sanitario all’epoca dell’accordo con Vitals, e l’attuale ministro della Salute Chris Fearne.

Muscat e Mizzi hanno entrambi difeso l’accordo, ribadendo di aver agito nell’interesse del pubblico.

Il successore di Mizzi, Chris Fearne, ha invece voluto prendere le distanze dall’intera vicenda, affermando di aver avuto poco a che fare con l’accordo originale.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE