Senza ascensore per due anni: residenti con cancro costretti a salire le scale strisciando

Gli anziani malati di cancro che vivono in un condominio di case popolari hanno raccontato di dover strisciare su per le scale dopo le cure perché l’Autorità per gli alloggi li ha lasciati senza ascensore per quasi due anni.

I residenti dell’isolato di Mtarfa hanno raccontato a Times of Malta che il ritardo nell’installazione di un nuovo ascensore li ha costretti a rimanere in casa per giorni e giorni.

Salire e scendere le scale è diventato un tale supplizio che escono solo quando è assolutamente necessario: per gli appuntamenti in ospedale e per fare la spesa.

“Dopo intense sedute di chemioterapia, a volte siamo costretti a salire le scale a gattoni”, ha raccontato Rose Abela.

“Uno dei nostri vicini era così debole quando è tornato dall’ospedale che i suoi due fratelli hanno dovuto sollevarlo per le scale”, ha aggiunto un’altra residente, Kathy Micallef.

Un residente che ha preferito rimanere senza nome ha raccontato che quando è tornata dall’ospedale dopo un’operazione per la rimozione di un tumore ha impiegato mezz’ora per salire due piani fino al suo appartamento. E altri devono sopportare tre o addirittura quattro piani, ha detto.

“Sono rimasta così tanto in casa che a volte ho iniziato a perdere la speranza nella vita stessa”, ha detto Micallef.

“La mia cagnolina mi guarda con desiderio ogni giorno per portarla fuori a fare una passeggiata e io devo solo guardarla e dirle che non possiamo andare, perché non posso salire e scendere le scale”.

L’ascensore ha smesso di funzionare nel 2021

I residenti vivono nell’edificio di San David, una palazzina di edilizia popolare governativa a Mtarfa che ospita 13 famiglie.

L’ascensore ha smesso di funzionare nell’agosto del 2021. I tecnici che hanno ispezionato il danno hanno ritenuto che non valesse la pena ripararlo e l’Autorità per gli alloggi ha promesso di installarne uno nuovo.

Da allora i residenti sono in lista d’attesa per il nuovo ascensore.

The lift at the Mtarfa block. Photo: Karl Andrew Micallef
L’ascensore del blocco Mtarfa. Foto: Karl Andrew Micallef

Hanno detto che l’Autorità per gli alloggi ha informato che la loro richiesta è in fase di elaborazione e che i lavori strutturali richiedono i permessi dell’autorità di pianificazione.

Ma gli è stato anche detto che la loro richiesta è solo di media priorità.

Nel frattempo, alcuni degli anziani residenti hanno sviluppato patologie come la fibromialgia o altre condizioni dovute all’età avanzata o si sono gravemente ammalati.

Abbiamo inviato certificati medici all’Autorità per gli alloggi”

“Abbiamo persino inviato certificati medici all’Autorità per gli alloggi come prova che soffriamo di condizioni che richiedono l’installazione urgente di un nuovo ascensore”, ha detto Abela.

“Siamo costretti a rimanere in casa finché non finiamo la spesa. Poi siamo costretti a uscire”, ha detto Micallef.

Times of Malta è stato invitato all’interno dell’edificio la scorsa settimana, dove i residenti hanno raccontato il loro calvario e un paio di loro hanno rilasciato commenti alla telecamera.

Il giorno seguente, due operai si sono presentati senza preavviso per prendere le misure relative al nuovo ascensore.

“Li abbiamo inseguiti per un bel po’ e nessuno ci ha detto che sarebbero venuti quel giorno. Li abbiamo semplicemente trovati lì. Forse hanno sentito che i giornalisti erano venuti il giorno prima o forse è stata una coincidenza”, ha detto un residente.

“Spero solo che questo significhi che presto avremo il nuovo ascensore, perché non possiamo aspettare ancora a lungo”.

Residents are forced to climb up several flights of stairs. Photo: Karl Andrew Micallef
I residenti sono costretti a salire diverse rampe di scale. Foto: Karl Andrew Micallef

In una risposta alle domande, un portavoce dell’Autorità per gli alloggi ha detto che la domanda è stata inserita dopo le altre attualmente attive nella lista d’attesa, ma non ha detto entro quando prevede di installare l’ascensore.

L’ascensore è stato installato per la prima volta nel 1994, ha subito importanti riparazioni nel 2015 e quando due anni fa è stata presentata un’altra richiesta di riparazione è stato deciso che era più sensato installarne uno nuovo.

“Questo nuovo ascensore è incluso e pianificato come parte del programma di ascensori in corso gestito dall’Autorità per gli alloggi, che prevede l’installazione di più ascensori all’anno nei blocchi di alloggi sociali di tutta l’isola”, ha dichiarato.

“Inoltre, la proposta di installazione dell’ascensore non ha ancora ottenuto il consenso dei proprietari di unità private che risiedono in questo blocco abitativo”.

I residenti hanno detto che è vero che due unità del blocco sono di proprietà privata, ma i loro inquilini non si sono opposti al nuovo ascensore e hanno collaborato con il resto degli inquilini da quando il problema si è presentato due anni fa.