Dove sono finiti i voti ereditati da Malta?

I voti ereditari hanno contribuito a determinare l’esito delle elezioni di sabato. Foto: Matthew Mirabelli

L’esito dell’elezione dei deputati al Parlamento europeo di sabato è ormai acquisito, con i sei deputati eletti a Malta che fanno le valigie per Bruxelles e ogni partito che fa i conti con la propria performance alle urne.

Ma gli appassionati di politica si sono chiesti come i voti siano passati da un candidato all’altro, con le stranezze del sistema di voto trasferibile di Malta che hanno giocato un ruolo importante nel risultato finale delle elezioni.

Ecco alcuni elementi fondamentali che abbiamo appreso parlando con gli addetti ai lavori.

Gli elettori di Metsola hanno apprezzato Cassola, ma non quanto gli altri candidati del PN

Il gigantesco risultato di Roberta Metsola, quasi 87.500 voti al primo scrutinio, più del doppio della quota necessaria per essere eletta, ha fatto sì che tutti gli altri candidati sulla scheda elettorale desiderassero accaparrarsi i suoi 50.000 voti in eccesso.

Non sorprende che i candidati del PN si siano aggiudicati la maggior parte dei voti di Metsola: oltre 40.000 dei suoi voti sono rimasti all’interno del partito e gli altri candidati hanno lottato per il secondo posto.

Alcuni, come il longevo eurodeputato del PN David Casa, l’hanno trasformata in una dote, riuscendo a entrare in un sesto mandato con soli 3.600 voti al primo scrutinio, ereditando da Metsola ben 23.000 voti.

Ciò significa che Casa ha ereditato da Metsola quasi lo stesso numero di voti (23.000) di tutti gli altri candidati sulla scheda elettorale messi insieme (27.000).

Questo risultato ha permesso a Casa di conquistare il terzo seggio del PN, dietro a Metsola e a Peter Agius, i cui 11.000 voti ereditati dal secondo scrutinio hanno probabilmente incluso una buona parte del surplus di Metsola.

Un altro grande vincitore del surplus di Metsola è stato Arnold Cassola, che ha ereditato 2.500 voti dal suo pacchetto.

Hanno ottenuto qualcosa anche gli altri candidati indipendenti, con Conrad Borg Manché che ha ereditato quasi 600 dei voti ereditati da Metsola e James Ryder poco meno di 300, leggermente meno di ADPD e un centinaio in più rispetto a Norman Lowell.

In totale, i candidati indipendenti e di terze parti hanno ereditato poco meno di un voto su 10 dallo scarto di Metsola.

Metsola ha un certo appeal anche tra gli elettori laburisti, anche se in misura inferiore. I dati della Commissione elettorale mostrano che 516 dei voti di Metsola sono andati a candidati laburisti.

Questo non significa che 516 elettori di Metsola abbiano dato la loro seconda preferenza ai laburisti. Il sistema di voto maltese prevede che quando i candidati vengono eletti al primo scrutinio, come è successo a Metsola, i loro voti in eccesso vengono distribuiti proporzionalmente tra gli altri candidati, in base al numero di voti di seconda preferenza ricevuti da Metsola.

Ciò significa che il numero reale di elettori di Metsola che hanno continuato a votare per un candidato laburista potrebbe essere di ben 897 persone.

Questo non include gli elettori laburisti tradizionali che, per ovvie ragioni, hanno scelto di dare la loro prima preferenza a Metsola e di non votare per nessun altro candidato, oppure di darla a un candidato terzo o indipendente.

Gli elettori di Alex Agius Saliba sono rimasti fedeli al Labour

La maggioranza assoluta dei 26.700 voti in eccesso di Alex Agius Saliba è rimasta all’interno del partito, spostandosi verso altri candidati laburisti.

Un terzo di questi voti, circa 9.500, ha favorito il successo elettorale di Daniel Attard, mentre Claudette Abela Baldacchino e Clint Azzopardi Flores hanno ricevuto oltre 4.000 voti ciascuno.

Altri partiti e candidati indipendenti hanno avuto molta meno fortuna con i voti in eccesso di Agius Saliba.

PN ha ricevuto meno di 100 voti di Agius Saliba, pochi voti in meno rispetto ad Arnold Cassola e Conrad Borg Manché. Norman Lowell è andato marginalmente meglio, con 157.

Gli elettori di Arnold Cassola restano con gli indipendenti o passano al PN

Nonostante una buona performance, Arnold Cassola è uscito dalla corsa al 34° scrutinio, lasciando quasi 23.000 voti da dividere tra i candidati rimasti in lizza.

Si ritiene che molti elettori di Cassola abbiano sostenuto anche altri candidati indipendenti, che si erano già ritirati dalla corsa quando Cassola è stato eliminato.

Ciò significa che 13.000 dei suoi voti sono andati effettivamente persi, perché sarebbero andati a candidati già fuori dalla corsa o ad altri già eletti (come Metsola o Agius Saliba).

In pratica, PN ha finito per ricevere la maggior parte dei voti di Cassola, con 4.200 voti andati a Peter Agius e 3.400 a David Casa. Questo è stato esattamente ciò di cui entrambi i candidati avevano bisogno per superare la soglia di sbarramento e raggiungere la quota che li ha visti eletti.

Solo 2.000 dei voti di Cassola, invece, sono andati ai candidati laburisti, equamente divisi tra Thomas Bajada (871 voti), Claudette Abela Baldacchino (591 voti) e Daniel Attard (557 voti).

Il più grande vincitore dei voti caduti di Norman Lowell è stato… Arnold Cassola.

Con uno strano colpo di scena, Cassola ha guadagnato di più dall’eliminazione di Norman Lowell dopo 30 turni di scrutinio, lasciando sul tavolo 8.500 voti.

Di questi, Cassola ne ha ricevuti più di 1.300, quasi il numero di tutti i candidati laburisti rimanenti messi insieme (1.478) e più dei candidati del PN ancora in corsa (877).

La maggior parte dei voti di Lowell, quasi 5.000, non sono stati trasferiti, perché sarebbero andati a un candidato già eletto (Metsola o Agius Saliba) o a un altro candidato indipendente già fuori dalla corsa.

Thomas Bajada batte Claudette Abela Baldacchino

L’esordiente Thomas Bajada e l’ex europarlamentare Claudette Abela Baldacchino hanno trascorso gran parte della gara in una situazione di stallo, talvolta separati da soli 31 voti.

I due hanno trascorso gran parte della gara scambiandosi la testa della corsa. Abela Baldacchino è passata in vantaggio quando Maria Sara Vella Gafà si è ritirata dalla corsa, ricevendo il doppio dei suoi voti rispetto a Bajada.

Bajada ha resistito per diverse altre tornate di conteggio dei voti, fino a quando è toccato a Steve Ellul cadere nel vuoto, lasciando 17.000 voti per i restanti contendenti. È stato allora che Bajada è passato in vantaggio, prendendo quasi 1.500 voti in più di Ellul rispetto ad Abela Baldacchino.