sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaReLeaf: L'ex capo dell'ente di controllo della cannabis è tornato a posizioni...

ReLeaf: L’ex capo dell’ente di controllo della cannabis è tornato a posizioni “proibizioniste”

Mariella Dimech. Foto: DOI

Il gruppo maltese di difesa della riforma della cannabis, ReLeaf, ha denunciato l’ex presidente della commissione di vigilanza sulla cannabis, Mariella Dimech, per essere tornata a una “posizione proibizionista” e per essersi unita alle “tattiche di paura” delle organizzazioni conservatrici.

Insieme, negli ultimi decenni, questi gruppi hanno contribuito in modo non trascurabile alla discriminazione, alla stigmatizzazione e alla criminalizzazione della nostra comunità, di cui l’attuale governo ha preso atto e che sta saggiamente e cautamente affrontando”, ha dichiarato martedì il presidente di ReLeaf Andrew Bonello.

La dichiarazione dell’ONG fa seguito a quella della Dimech, ex prima presidente dell’Autorità per l’Uso Responsabile della Cannabis (ARUC), che la scorsa settimana ha parlato delle sfide affrontate nei 10 mesi del suo ruolo in un programma radiofonico di RTK la scorsa settimana.

La Dimech è stata licenziata dopo soli 10 mesi di ruolo nel 2022 e, prima di dirigere l’Autorità per la Cannabis, ha lavorato per 21 anni con il servizio di riabilitazione dalle droghe Caritas, 10 dei quali come coordinatrice dei programmi e dei servizi radiofonici di Tama Ġdida.

Bonello ha detto che con una riforma in corso che sta procedendo nella giusta direzione, ReLeaf Malta rimane impegnata ad amplificare la voce della comunità per la giustizia riparativa e i diritti umani.

“Respingiamo fermamente qualsiasi tentativo di minare gli anni di lavoro volontario che ci hanno portato a questo punto, compreso il dialogo e la collaborazione con i principali esperti del settore come Steve Rolles, Martin Jelsma, Oscar Pares e Tom Blickman, solo per citarne alcuni”, ha detto.

“I programmi morali ispirati al proibizionismo e le loro narrazioni stigmatizzanti non hanno alcun ruolo nel promuovere una riforma della politica sulle droghe giusta ed efficace, fondata sulla salute pubblica, sulla riduzione dei danni e sui diritti umani”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE