venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaProprietari di pescherecci scagionati dall'accusa di aver manomesso il giornale di bordo...

Proprietari di pescherecci scagionati dall’accusa di aver manomesso il giornale di bordo e il dispositivo di localizzazione

I proprietari di un peschereccio sono stati scagionati dall’accusa di aver manomesso il giornale di bordo e il dispositivo di localizzazione.

I proprietari di un peschereccio, accusati di aver manomesso il giornale di bordo e di aver violato le norme sulla pesca, sono stati prosciolti dall’accusa di aver commesso un illecito penale dopo che l’accusa non è riuscita a dimostrare un legame tra le accuse e gli imputati.

David Debono e Andrew Debono, anche in qualità di rappresentanti legali della D. Holdings and Investments Ltd e proprietari del peschereccio Rosnik, erano stati accusati di aver rilasciato una falsa dichiarazione in un documento pubblico e di aver fatto uso di tale documento falso.

Sono stati inoltre accusati di aver partecipato a un’associazione criminale, di aver violato un sigillo posto sotto l’ordine di un’autorità pubblica e di aver commesso diverse violazioni delle norme sulla pesca.

Le accuse risalgono al giugno 2014 e ai mesi precedenti.

Le indagini sono scaturite da una denuncia penale presentata dal direttore della pesca nell’aprile 2016.

Il direttore ha spiegato che, secondo la legislazione dell’UE, ogni peschereccio di dimensioni superiori ai 12 metri deve avere un registro. Inoltre, ogni peschereccio deve essere dotato di un sistema VMS che consente alla direzione di tenere traccia delle sue attività attraverso segnali trasmessi ogni due ore.

Il sistema a bordo del Rosnik non funzionava, è stato detto alla corte.

In tali circostanze, il capitano era tenuto a contattare il Centro di monitoraggio della pesca ogni quattro ore per comunicare la posizione geografica della nave.

Alla corte è stato detto che il sigillo del sistema VMS della Rosnik era rotto e l’apparato era spento. Il capitano non aveva una licenza e sono state violate diverse norme di pesca.

Nel pronunciare la sentenza, il magistrato Claire Stafrace Zammit ha osservato che non c’erano prove tangibili e concrete dei presunti reati e che c’erano state diverse incongruenze e carenze nella raccolta delle prove.

L’accusa non ha prodotto prove che dimostrassero che gli imputati fossero effettivamente coloro che avevano registrato le informazioni errate nel giornale di bordo della nave.

Piuttosto, i registri erano stati firmati dal capitano della nave, Mohamed Elsaka Said, che è stato perseguito separatamente.

L’aggiornamento regolare del giornale di bordo, in base alla legge sulla conservazione e la gestione della pesca, spettava alle autorità pubbliche per garantire l’assenza di pesca illegale.

Le relative disposizioni di tale legge dimostrano che il legislatore voleva che il capitano agisse come bonus pater familias nello svolgimento del suo lavoro di pescatore e navigatore. L’aggiornamento del giornale di bordo era uno dei suoi compiti.

Gli imputati erano proprietari della nave, non capitani.

Inoltre, David Debono ha testimoniato che non era a bordo al momento del presunto illecito.

Per quanto riguarda il sigillo sul sistema VMS, la corte ha osservato che il capitano era responsabile di garantire che tale sigillo non fosse rotto.

Entrambi gli imputati non erano a bordo del Rosnik se non durante le ispezioni dei funzionari del Dipartimento della Pesca.

L’accusa non è riuscita a dimostrare il legame tra le accuse e gli imputati, ha detto il magistrato, e non è chiaro perché l’accusa non abbia convocato il capitano come testimone. Era l’unico che avrebbe potuto confermare la commissione dei presunti reati.

Poiché il procedimento penale contro di lui si era concluso, non vi era alcun rischio di autoincriminazione se fosse stato chiamato a testimoniare.

Tutto considerato, il tribunale ha scagionato entrambi gli imputati da ogni responsabilità penale.

L’avvocato Roberto Montalto era il difensore.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE