venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaMalta lascia passare alcune norme UE senza rendersi conto del danno -...

Malta lascia passare alcune norme UE senza rendersi conto del danno – Metsola

Roberta Metsola durante la discussione di martedì.

Il governo maltese ha permesso che le norme dell’UE fossero approvate senza rendersi conto del danno che avrebbero inflitto al Paese, ha dichiarato martedì Roberta Metsola.

In alcuni casi, il governo non riesce nemmeno a presentare una posizione a livello europeo, ha affermato la presidente del Parlamento europeo, in un’analisi severa del governo maltese sulla scena europea.

In una chiacchierata con la coordinatrice della comunicazione della Camera di Commercio di Malta, Rachel Attard, Metsola ha criticato il governo per non aver fatto abbastanza per proteggere gli interessi del Paese nell’UE su questioni che hanno un impatto sproporzionato.

I trattati dell’UE consentono ai Paesi di fare una “pausa di emergenza” quando il diritto comunitario danneggia in modo sproporzionato uno Stato membro, ma Malta non riesce a farlo.

“Negli ultimi cinque anni abbiamo perso la fiducia in noi stessi come Malta. Dobbiamo essere in grado di dire che questa (una particolare politica) ci danneggia e non dobbiamo avere paura di dirlo. Abbiamo caratteristiche particolari e svantaggi particolari dal punto di vista logistico”, ha detto.

Ad esempio, la Germania si è espressa sui piani di eliminazione graduale dei motori a combustione.

Gli eurodeputati maltesi dovrebbero inoltre lavorare insieme e far parte delle commissioni più importanti del Parlamento europeo, come la commissione per l’economia e le finanze e la commissione per i trasporti.

Metsola ha inoltre invitato il governo maltese a nominare al più presto un commissario europeo.

Chris Fearne, che era il candidato maltese alla Commissione europea, si è ritirato dal ruolo dopo essere stato accusato in tribunale per l’affare dell’ospedale Vitals.

Metsola ha detto che i Paesi stanno già facendo pressioni per ottenere portafogli nella Commissione, e Malta per il momento è fuori da questa discussione.

“Non fraintendetemi, se aspettiamo ancora un po’ di tempo, non avremo un portafoglio abbastanza efficace”, ha detto.

Il commissario di un Paese non è solo responsabile di un portafoglio a livello europeo, ma è anche l’ambasciatore dello Stato membro, che avverte il governo ogni volta che il suo Paese è interessato da una legge dell’UE, ha detto Metsola.

non ha paura di discutere

Mentre altri candidati si sono impegnati in dibattiti politici in vista delle elezioni europee di sabato, Metsola è stata decisamente assente.

Nonostante i sondaggi la diano come strafavorita, non ha partecipato a nessuna conferenza stampa del Partito Nazionalista.

Interrogata in merito, Metsola ha dichiarato di essere impossibilitata a discutere con altri candidati al Parlamento europeo a causa del suo doppio ruolo di Presidente del Parlamento europeo.

“Le regole del Parlamento europeo mi impediscono di discutere con gli eurodeputati che ho il dovere di proteggere”, ha dichiarato Metsola.

Paragonandosi al presidente del Parlamento, Anglu Farrugia, Metsola ha detto di essere responsabile di tutto ciò che accade agli eurodeputati, comprese le sanzioni se fanno qualcosa di sbagliato o la difesa se necessario.

Il Partito laburista e i suoi candidati hanno ripetutamente sfidato Metsola a un dibattito e l’hanno criticata per non aver accettato.

“Ho discusso con chiunque negli ultimi 30 anni. Non ho paura di discutere con nessuno”, ha detto.

Sulla sua visita in Israele

Durante l’intervista di un’ora, Metsola ha affrontato il tema della sua tanto criticata visita in Israele lo scorso ottobre, pochi giorni dopo l’attacco di Hamas.

Metsola ha detto di essersi recata in Israele per parlare con le persone sul posto e per fare pressioni per “riportare l’elettricità e l’acqua e salvare vite umane” a Gaza.

Al momento della visita di Metsola, Israele aveva già iniziato la sua micidiale rappresaglia.

Descrivendo gli eventi a Gaza come “atrocità”, Metsola ha affermato che il Parlamento europeo ha sempre chiesto un cessate il fuoco permanente, la fine delle atrocità, una soluzione a due Stati e il quadruplicamento degli aiuti.

“Quando ho visitato la Knesset (parlamento) a Gerusalemme e ho chiesto una soluzione a due Stati, sono stata fischiata”, ha detto.

Metsola ha detto che molte speranze sono riposte in una soluzione che potrebbe vedere la fine delle atrocità.

“Spero che Malta possa usare la sua esperienza per contribuire a una soluzione”, ha detto.

Metsola ha accusato il governo laburista di cercare di “demonizzare” chiunque sia in disaccordo con lui.

È incredibile che il PL stia inventando affermazioni secondo cui lei vorrebbe mandare i bambini maltesi in guerra in Ucraina.

Ha detto che il Parlamento europeo vuole la pace, ma “la pace senza giustizia e integrità non è pace…”. Ecco perché il Parlamento europeo è dalla parte dell’Ucraina.

L’ironia è che mentre in Europa la posizione del governo maltese è identica a quella del Parlamento europeo, a Malta l’elettorato viene alimentato con la frase “che Metsola vuole la guerra”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE