Progress vs albero: Dik Is-Siġra f’Nofs ta’ Triq in scena al MCAST

Un’opera teatrale che debutta venerdì richiama l’attenzione sul tema controverso dell’edilizia e del suo impatto sulla cultura e sulla tradizione.

Dik Is-Siġra f’Nofs ta’ Triq (quell’albero in mezzo alla strada), realizzato da Theatre Anon e Teatru Malta, si basa sull’omonima opera dello scrittore e poeta Immanuel Mifsud.

Gli alberi venivano abbattuti per allargare le strade senza pensare all’impatto ambientale.
Mifsud l’ha scritta in risposta ai grandi lavori infrastrutturali in corso a Malta in quel periodo.

“È stata una reazione diretta a ciò che stava accadendo qualche anno fa, in primo luogo il Central Link Project“, ha dichiarato ieri Mifsud a Times of Malta.

“Si trattava di ampliare le strade senza pensare all’impatto ambientale”, ha detto Mifsud.

Gli alberi al centro della scena

Intrisa di realismo magico e commenti politici, la produzione promette di portare il pubblico in un viaggio – narrativo e fisico – attraverso gli eventi di una strada maltese immaginaria, mentre un hotel in progetto minaccia di sradicare non solo un albero al suo centro, ma anche le vite e le tradizioni di coloro che vi abitano.

Gli alberi sono al centro della scena, dominando il set e fornendo il punto focale di una narrazione che esplora il rapporto di Malta con la costruzione.

L’opera esamina “chi siamo come maltesi e cosa significa per noi il nostro ambiente”, ha dichiarato il co-regista Chris Gatt.

Il pubblico non è seduto in modo convenzionale. Al contrario, Dik Is-Siġra f’Nofs ta’ Triq li accompagna in un viaggio fuori dal teatro e intorno al campus MCAST di Paola.

Nonostante le “sfide logistiche uniche”, questo permette al pubblico di esplorare diversi scenari e di riflettere una parte fondamentale della cultura maltese, ha detto Gatt.

“È parte del nostro stile di vita… abbiamo costantemente processioni – bande musicali durante le feste, per esempio”, ha detto.

Sceneggiatura in versi, costumi realizzati con materiali riciclati

Su una colonna sonora scritta da Albert Garcia, il copione è insolito perché è scritto in versi, mentre la maggior parte delle scenografie e dei costumi sono realizzati con materiali riciclati.

La pièce sarà presentata in anteprima nell’ambito dello spettacolo, in programma da oggi a domenica 25 giugno.

Il direttore artistico di Teatru Malta, Sean Buhagiar, ha detto che lo spettacolo porta “diversi livelli di valore”.

Il genere del realismo magico non è ben rappresentato nella letteratura maltese, ha detto, aggiungendo che la produzione evidenzia una “battaglia tra progresso e nostalgia”.

La produzione pone anche importanti domande sulla natura della comunità nella Malta moderna.

“Abbiamo comunità oggi o persone che vivono semplicemente vicine l’una all’altra?”, ha ipotizzato Buhagiar.

A maggio, Teatru Malta ha fatto notizia quando ha legato dei tronchi d’albero in tutto il Paese come parte di una campagna pubblicitaria per far conoscere l’imminente produzione.

La trovata ha inizialmente suscitato allarme, con commenti online che si chiedevano se gli alberi fossero stati contrassegnati per la rimozione o se l’azione fosse parte di un’elaborata protesta.

Si consiglia agli spettatori di indossare scarpe comode per Dik Is-Siġra f’Nofs ta’ Triq, che debutta oggi al campus MCAST di Paola.

Per i minori di 25 anni è prevista una riduzione di 5 euro, mentre per gli over 60, i donatori di sangue e gli infermieri il costo è di 15 euro.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito teatrumalta.org.mt.