martedì, Maggio 28, 2024
HomeBusinessEconomiaSecondo un rapporto UE Malta registra la più forte espansione economica ma...

Secondo un rapporto UE Malta registra la più forte espansione economica ma la più debole crescita dei salari

Secondo le proiezioni, Malta avrà l’economia più performante.

Secondo le previsioni della Commissione europea, l’economia maltese dovrebbe registrare la crescita più forte quest’anno e l’anno prossimo, in base alle stime pubblicate mercoledì.

La crescita del PIL reale dell’UE nel 2024 è prevista all’1,0%, con un miglioramento all’1,6% nel 2025. Quasi tutti gli Stati membri dovrebbero registrare una crescita, ma Malta dovrebbe essere la più forte, con il 4,6% quest’anno e il 4,3% l’anno prossimo, seguita quest’anno da Romania (3,3%), Croazia (3,3%) e Danimarca (2,6%).

Ma il rapporto mostra anche che Malta ha registrato la crescita salariale più debole dell’UE lo scorso anno.

“La crescita dei salari ha continuato ad essere più rapida in alcuni dei Paesi dell’Est (Romania, Bulgaria, Ungheria e Polonia), mentre è stata più bassa a Malta, in Italia e in Irlanda”, si legge nelle previsioni di primavera dell’UE.

Secondo il rapporto, l’anno scorso Malta ha registrato il terzo tasso di disoccupazione più basso dell’UE e si prevede che il Paese godrà della crescita occupazionale più rapida, pari a circa il 4% sia nel 2024 che nel 2025.

Nel descrivere l’economia maltese come solida, il rapporto afferma che sia i consumi privati che le esportazioni sono stati più forti del previsto, grazie all’aumento significativo dell’immigrazione e dei flussi turistici.

“Oltre all’immigrazione eccezionalmente forte, l’economia maltese continua a beneficiare di un basso trasferimento della politica monetaria ai tassi di interesse al dettaglio e di misure governative che hanno mantenuto i prezzi dell’energia stabili al livello del 2020”.

Il deficit pubblico rimane elevato

Nel 2023, il deficit pubblico è sceso al 4,9% del PIL, dal 5,5% del 2022, grazie soprattutto alla diminuzione dei sussidi, comprese le misure per mitigare l’impatto degli alti prezzi dell’energia, e dei costi di ristrutturazione della compagnia aerea nazionale. Nel 2024 si prevede un’ulteriore riduzione del deficit al 4,3% del PIL, si legge nel rapporto.

Una crescita contenuta della spesa per consumi medi e della spesa per i salari pubblici sono i principali fattori che determinano la riduzione del deficit. Anche la graduale eliminazione dei costi di ristrutturazione della compagnia aerea nazionale dovrebbero contribuire alla riduzione del deficit.

Secondo le proiezioni, ciò sarà parzialmente compensato da un aumento del costo netto di bilancio delle misure volte a mitigare l’impatto degli alti prezzi dell’energia, che salirà al 2,0% del PIL nel 2024, dall’1,7% del 2023, in relazione all’espansione del sostegno mirato al reddito e all’andamento dei prezzi del petrolio a cui sono legati i prezzi delle importazioni di gas.

Sulla base di politiche invariate, il rapporto afferma che il deficit è destinato a diminuire ulteriormente al 3,9% del PIL nel 2025 “soprattutto grazie alla prevista riduzione delle misure per mitigare l’impatto degli alti prezzi dell’energia” (all’1% del PIL), dovuta alla riduzione del sostegno mirato al reddito e al calo dei prezzi del petrolio.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...